La rivolta del correntista

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "La rivolta del correntista"
(di Mario Bortoletto)

“La distinzione tra banchiere e usuraio è puramente nominale.”
Pierre-Joseph Proudhon

“Quella raccontata da Mario Bortoletto è una storia di straordinaria resistenza personale. Bortoletto, da solo, è riuscito a mettere in luce i meccanismi nascosti con i quali le banche lucrano sui conti correnti dei cittadini. E ha aperto un mondo, prima sconosciuto.”
Riccardo Iacona

“Un giorno ti svegli e non hai più niente. Tutto quello che avevi ottenuto con i sacrifici di una vita diventa proprietà della banca. Disperazione e notti insonni, non ti rimane altro, nemmeno l’età per ricominciare. Ti prendono tutto, anche quello che in realtà non gli è dovuto. Molte persone credono di essere debitrici nei confronti delle banche mentre in realtà sono creditrici, mi auguro che questo libro possa aiutarle ad avere giustizia.” Mario Bortoletto


Imprenditore edile di Padova, Mario Bortoletto ha avviato una serie di contenziosi con diversi istituti bancari. Ha ricevuto risarcimenti per migliaia di euro. Dal 2013 è vicepresidente nazionale del movimento “Delitto di usura”, che tutela le vittime di usura ed estorsione bancaria.

"Come difendersi dalle banche e non farsi fregare"

autore:
Mario Bortoletto
collana: Tascabili
dettagli: 144 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

La rivolta del correntista

"Come difendersi dalle banche e non farsi fregare"

autore:
Mario Bortoletto
collana: Tascabili
dettagli: 144 pagine
prezzo: 6,90 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "La rivolta del correntista"
(di Mario Bortoletto)



“ I soldi che mi spettano li voglio devolvere alle vedove degli usurati che si sono tolti la vita a causa delle banche. Ne ho viste troppe di famiglie saltate in aria per colpa dell’usura.”
“ Voglio avere indietro tutto ciò che mi spetta, tutto ciò che in questi anni ho ‘regalato’ agli istituti di credito. Voglio chiedere loro i danni (patrimoniali e non) per aver azzoppato lo sviluppo della mia impresa.”
“C’è gente che mi dice che si vuole ammazzare, famiglie rovinate... Io rispondo di non scoraggiarsi e di tenere duro. Basta un po’ di tenacia e qualche regola da seguire.”
“Ho avviato otto cause, ho ottenuto due vittorie con relativi risarcimenti e ho una buona probabilità di spuntarla su tutte le altre. Ma non mi fermo… Il marcio c’è ovunque e più spulcio tra i miei conti correnti più trovo gli inganni.”
“La lobby bancaria muove il potere, siede allo stesso tavolo dei governanti. Questo fa sentire i loro manager intoccabili.”
“L’istituto di credito sapeva di commettere usura nei miei confronti. Una cosa da non credere, pretendono soldi quando sanno di doverne restituire.”
“Tanto clamore, tanto parlare, tante promesse. Ma ora siamo sole e da sole dobbiamo andare avanti. Al nostro quotidiano dolore si unisce la tristezza nel sentire che altri imprenditori, dopo mio papà, hanno deciso di farla finita… Lo Stato e le istituzioni se ne fregano… Sono stanca di andare a piangere in tv.”
Flavia Schiavon, figlia di Giovanni Schiavon, imprenditore del padovano morto suicida nel dicembre 2011.
“ Voglio avere indietro tutto ciò che mi spetta, tutto ciò che in questi anni ho ‘regalato’ agli istituti di credito. Voglio chiedere loro i danni (patrimoniali e non) per aver azzoppato lo sviluppo della mia impresa.”
“C’è gente che mi dice che si vuole ammazzare, famiglie rovinate... Io rispondo di non scoraggiarsi e di tenere duro. Basta un po’ di tenacia e qualche regola da seguire.”
“Ho avviato otto cause, ho ottenuto due vittorie con relativi risarcimenti e ho una buona probabilità di spuntarla su tutte le altre. Ma non mi fermo… Il marcio c’è ovunque e più spulcio tra i miei conti correnti più trovo gli inganni.”
“La lobby bancaria muove il potere, siede allo stesso tavolo dei governanti. Questo fa sentire i loro manager intoccabili.”
“L’istituto di credito sapeva di commettere usura nei miei confronti. Una cosa da non credere, pretendono soldi quando sanno di doverne restituire.”
“Tanto clamore, tanto parlare, tante promesse. Ma ora siamo sole e da sole dobbiamo andare avanti. Al nostro quotidiano dolore si unisce la tristezza nel sentire che altri imprenditori, dopo mio papà, hanno deciso di farla finita… Lo Stato e le istituzioni se ne fregano… Sono stanca di andare a piangere in tv.”
Flavia Schiavon, figlia di Giovanni Schiavon, imprenditore del padovano morto suicida nel dicembre 2011.
“ I soldi che mi spettano li voglio devolvere alle vedove degli usurati che si sono tolti la vita a causa delle banche. Ne ho viste troppe di famiglie saltate in aria per colpa dell’usura.”




Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da La rivolta del correntista

Mario Bortoletto

Tratto da La rivolta del correntista

Mario Bortoletto

“ I soldi che mi spettano li voglio devolvere alle vedove degli usurati che si sono tolti la vita a causa delle banche. Ne ho viste troppe di famiglie saltate in aria per colpa dell’usura.”