Viaggio nel silenzio


presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Viaggio nel silenzio"
(di Vania Lucia Gaito)

Aiutiamo la Chiesa a eliminare questa terribile macchia. Non stiamo parlando di casi isolati, lo scandalo dei preti pedofili non riguarda solo gli Stati Uniti (5000 casi!). Sono migliaia in tutto il mondo, e molti in Italia. Un fenomeno taciuto per anni. E coperto dal Vaticano, pronto a solidarizzare anche con chi è stato condannato dalla giustizia dei loro paesi. O, se proprio costretto, a risarcire la vittima comprandone il silenzio.

"Tu non parlare con nessuno": la Chiesa sembra offrire solo la promessa del perdono alle vittime e ai colpevoli, tutti allo stesso modo peccatori. Pesa molto l'elogio di Giovanni Paolo II al fondatore dei Legionari di Cristo, ritenuto colpevole di decine di abusi, l'imbarazzo di fronte ai casi di don Cantini e don Gelmini, tanto amico di illustri personaggi (Berlusconi, Gasparri, Fini).

Ma adesso qualcosa sta cambiando. Questo libro raccoglie le voci di chi ha avuto il coraggio di denunciare e ribellarsi, raccontando anche che cos'è oggi la vita di un prete. Ci aspettiamo dalla Chiesa un gesto forte che la renda credibile agli occhi del mondo come ispiratrice di giustizia e verità.

Postfazione di Massimilano Frassi, presidente dell'associazione Onlus Prometeo. Lotta alla pedofilia e tutela infanzia violata. Con una lettera a Giovanni Paolo II di un gruppo di ex Legionari di Cristo, vittime di padre Marcial Maciel Degollado.

"I preti pedofili e le colpe della chiesa"

autore:
Vania Lucia Gaito
collana: Reverse
dettagli: 288 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Viaggio nel silenzio

"I preti pedofili e le colpe della chiesa"

autore:
Vania Lucia Gaito
collana: Reverse
dettagli: 288 pagine
prezzo: 13.6 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Viaggio nel silenzio"
(di Vania Lucia Gaito)



"“Nel caso di violenza sessuale, la Chiesa considera la vittima un peccatore allo stesso modo, e quindi sullo stesso piano, del violentatore.”" Daniel Shea, avvocato, ex seminarista, ha citato in processo Papa Ratzinger (allora cardinale) davanti alla corte del Texas.
"“E allora lo raccontai alla mia famiglia. Non avevo mai detto nulla, a loro. Volevo tenerli fuori. Non so, volevo proteggerli, non dargli un dispiacere. Fu straziante. Ma poi, insieme, decidemmo di denunciare tutto alla Procura. Così si aprirono le indagini, venne fatta un’inchiesta, e si scoprì che io non ero l'unico ad avere subìto abusi.”" Dalla Testimonianza di Marco Marchese.
"“Basta che tu non abbia violentato nessun bambino, per carità di Dio, perché qui son casini, eh, qui non se ne può più, scoppiano da tutte le parti...”" Colloquio tra il vescovo Giovanni De Vivo e don Alessandro Pasquinelli, accusato di pedofilia, innocente, costretto a patteggiare.
"“Padre Marcial Maciel Degollado è stata un’efficace guida per i giovani.”" Dichiarazione di Papa Giovanni Paolo II in difesa del fondatore dei Legionari di Cristo, accusato da decine di testimoni per ripetuti abusi sessuali.
"“E allora? Se don Gelmini avesse toccato qualche ragazzo? E poi su quali basi la giustizia umana santifica l’omosessualità e demonizza la pedofilia?”" Vittorio Messori su La Stampa (11.8.2007).
"“A Varese la Asl ha accertato che su un campione di 561 studenti, il 12,5 per cento aveva subìto abusi sessuali. A Palermo un’altra indagine negli istituti superiori ha accertato due abusi per ogni classe... Su un campione nazionale di 443 pedofili riconosciuti, il 67 per cento è rimasto in libertà.”"




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 
 (1)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Claudia:
Bisogna distinguere tra la Chiesa, che è costruzione ed espressione della volontà di Dio, e le poche mele marce che la infettano. Mi piacerebbe leggere anche dei preti missionari e delle suore che si spendono tra gli ultimi della terra. Sono stufa di testi mirati solo a gettare fango, ma capisco che solo privilegiando il male si possa vendere.

Luca:
Molto bello. Chi ha figli dovrebbe leggerlo. Aiuta a capire tante cose che in Italia non si vogliono capire. Da un lato certi preti coraggiosi e perbene, dall'altra certi preti che perbene non sono e godono di impunità inaccettabili.

Oreste :
Una narrazione entusiasmante ed avvincente,estremamente illuminante. Abbastanza ben documentato.Dovrebbe essere letto da tutti gli operatori dell'infanzia. E' comunque un libro che consiglio.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Viaggio nel silenzio

Vania Lucia Gaito

"“A Varese la Asl ha accertato che su un campione di 561 studenti, il 12,5 per cento aveva subìto abusi sessuali. A Palermo un’altra indagine negli istituti superiori ha accertato due abusi per ogni classe... Su un campione nazionale di 443 pedofili riconosciuti, il 67 per cento è rimasto in libertà.”"