Senza pensioni


Walter Passerini, Ignazio Marino
presentano il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Senza pensioni"
(di Walter Passerini,Ignazio Marino)

"SIAMO GIUNTI AL CAPOLINEA DI UNA SITUAZIONE CHE È IL PRODOTTO DELL'INCOSCIENZA E DELL'IRRESPONSABILITÀ. SIAMO ALLA VIGILIA DELLO SCOPPIO DELLA BOMBA PREVIDENZIALE E NESSUNO FA NIENTE."

"SPESSO TRA IL PALAZZO E LA PIAZZA C'È UNA NEBBIA SÌ FOLTA."
Francesco Guicciardini

La bomba previdenziale coinvolge lavoratori pubblici e privati, atipici e precari, liberi professionisti, artigiani e commercianti. I giovani (per esempio chi è nato nel 1980) naturalmente sono i più penalizzati, andranno infatti in pensione con il 50 per cento del loro ultimo salario. Una generazione di esclusi e sprecati che si vede offrire solo lavori temporanei e sottopagati con la prospettiva certa di una pensione minima. Il paradosso è enorme: sono loro, i 4 milioni di atipici e gli immigrati (insieme versano allo Stato italiano quasi 10 miliardi all'anno), cioè i più deboli, a sostenere le casse previdenziali (1,4 miliardi di attivo) e a pagare le pensioni di chi ha avuto un impiego sicuro e ben pagato. Tutto da rifare: prima che scoppi uno scontro generazionale e sociale, bisogna investire sui giovani facendoli entrare molto prima nel mercato del lavoro, ed eliminare le iniquità tra lavoratori dipendenti e le molte categorie di lavoratori autonomi che questo libro denuncia.
In appendice i calcoli sulle pensioni future categoria per categoria, a cura di Daniele Cirioli.

Walter Passerini, giornalista specializzato in economia, ha ideato e diretto "Corriere Lavoro", settimanale del "Corriere della Sera". Attualmente cura "Tuttolavoro", inserto de "La Stampa" dedicato all'economia e al lavoro.

Ignazio Marino lavora presso la redazione di "Italia Oggi" e si è sempre occupato di previdenza.

"Tutto quello che dovete sapere sul vostro futuro e che nessuno osa raccontarvi"

autore:
Walter Passerini,Ignazio Marino
prefazione di: Tito Boeri
collana: Reverse
dettagli: 192 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Senza pensioni

"Tutto quello che dovete sapere sul vostro futuro e che nessuno osa raccontarvi"

autore:
Walter Passerini,Ignazio Marino
prefazione di: Tito Boeri
collana: Reverse
dettagli: 192 pagine
prezzo: 13,90 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Senza pensioni"
(di Walter Passerini,Ignazio Marino)



"Appare quanto mai demagogico e intollerabile il dibattito sulle cosiddette pensioni d'oro. Il risultato è che dall'agosto 2011 al 31 dicembre del 2014 scatta un taglio del 5 per cento per le pensioni superiori ai 90.000 e fino ai 150.000 euro annui, che diventa del 10 per cento per gli importi superiori ai 150.000. Una limatura che riguarderà circa 50.000 cittadini, e chiamarla 'tassa di solidarietà' più che sorridere fa di nuovo indignare."
"I dati diffusi dalla Ragioneria dello Stato parlano chiaro: i tassi di sostituzione (ovvero il rapporto tra la pensione e l'ultimo reddito percepito) sono destinati a dimezzarsi."
"I giovani che non versano i contributi avranno solo l'assegno sociale (poco più di 300 euro mensili al raggiungimento dei 65 anni di età). Il che equivale a passare la seconda parte della vita a fare i conti con la povertà."
"Il dato sorprendente è la quota versata dagli immigrati: nel 2008 ammontava a 7,5 miliardi (pari al 4 per cento del totale annuo di incassi dell'Inps). Le entrate contributive degli immigrati sono elevate, molto basse risultano le uscite ... Gli stranieri diventano così dei benefattori del nostro sistema pensionistico."
"Lo scippo sulle pensioni delle donne: i 4 miliardi di risparmio da qui ai prossimi 10 anni, in seguito all'innalzamento dell'età pensionabile delle dipendenti pubbliche a 65 anni, sarebbe dovuto servire per finanziare politiche a favore del lavoro delle donne, degli asili nido, della maternità. Ma così non è stato."
"Siamo alla vigilia dello scoppio della bomba previdenziale e nessuno fa niente. Questo è il problema."
"Tagli ai costi della politica. Ci piacerebbe sapere come andrà a finire per quei 1813 deputati pensionati, e i rispettivi 484 familiari che godono della reversibilità, che percepiscono un vitalizio in media di 6350 euro al mese."




Le vostre recensioni 7 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (5)
3 stelle
 
 (2)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Federico D.:
Un libro ben preciso e dettagliato, quanto... impietoso su quello che descrive. Analizzando categoria per categoria (mi è piaciuto soprattutto quella riguardante il pubblico impiego, dall'autore definita ex categoria privilegiata, al contrario di quello che continua a negare chi ancora ci lavora), Walter Passerini evidenzia le nefandezze di un sistema pericolante e critico. A mio giudizio la riforma del sistema pensionistico da retributivo a contributivo andava fatta molto prima del 1995....

Lisetta Geatti:
E' stato molto interessante leggere il vostro libro e visto che vi occupate della materia vorrei scriviaste un altro libro nel quale descrivete come vengono gestiti isoldi dei lavoratori da parte dei principali fondi pensione. Naturalmente non tralasciate di informarci chi ci campa sopra. GRAZIE.

Michele Marotta:
Un libro chiaro e preciso! Ottiene l'effetto desiderato INFORMARE e far RIFLETTERE! Ora tocca a noi rimbocchiamoci le maniche e pensiamo al nostro futuro!Grazie agli autori!

Renata:
Sto leggendo il libro e mi domando: com'è possibile che nessuno voglia trasformare questa situazione? Perché la "generazione sfruttata" descritta così bene da Riccardo Iacona non trova spazio nell'agenda politica e istituzionale del Paese? Spero che da questo libro, e da un comune sentire, si possa partire per operare una svolta

Quasar:
Sulle pensioni girano da sempre numeri poco chiari. Questo libro mi sembra che ponga finalmente un punto fermo. Grazie agli Autori, che se assumono il merito

Gabriella :
Chiaro, puntuale, incisivo...lascia grande sconcerto e amarezza. E la voglia di rovesciare la prospettiva con cui si è sempre agito in questi anni, riducendo, se non azzerando, l'ingiustizia sociale del divario tra vecchi e giovani. Per me, che ho 21 anni, è uno sprone a lottare

Zara:
Questo libro mi ha provocato un moto di disgusto: leggerlo mi ha resa dolorosamente consapevole del futuro che ci attende. Penso che i libri debbano essere soprattutto utili a qualcosa: in questo caso, a tradurre la giusta indignazione in un'azione positiva, orientata al cambiamento


un pretesto per leggerlo
Tratto da Senza pensioni

Walter Passerini,Ignazio Marino

"Tagli ai costi della politica. Ci piacerebbe sapere come andrà a finire per quei 1813 deputati pensionati, e i rispettivi 484 familiari che godono della reversibilità, che percepiscono un vitalizio in media di 6350 euro al mese."