Se questi sono gli uomini


Riccardo Iacona presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Se questi sono gli uomini"
(di Riccardo Iacona)

Quello che state per leggere è l'incredibile racconto di una tragedia nazionale, che macina lutti e sparge dolore come una vera e propria macchina da guerra. Una guerra che prima di finire sui giornali nasce nelle case, dentro le famiglie, nel posto che dovrebbe essere il più sicuro e il più protetto e invece diventa improvvisamente il più pericoloso.
Solo a metà del 2012 sono più di 80 le donne uccise in Italia dai loro compagni. 137 nel 2011. Una ogni tre giorni. Riccardo Iacona ha attraversato il paese inseguendo le storie dei tanti maltrattamenti e dei femminicidi. Finalmente la voce di chi subisce violenza possiamo ascoltarla, insieme alle parole degli uomini, quelli che sono stati denunciati: "Avevo paura di perderla. Gliele ho date così forte che è volata giù dal letto...".
"Qual è allora l'Italia vera, quella dove l'amore è una scelta e le donne sono libere, o quella delle tante case prigione in cui siamo entrati?... Questa è una storia che ci riguarda da vicino, perché ci dice come siamo nel profondo" scrive Iacona. È un fenomeno che non si può catalogare tra i fatti borderline. Sono migliaia i casi di violenza silenziosa e quotidiana che si consumano nelle nostre case. "La sera, appena sentivamo il rumore della macchina di lui, io e i bambini entravamo in agitazione; dicevo loro: 'Mettetevi subito davanti alla tv'."
Così la vita diventa un inferno, se questi sono gli uomini.

Riccardo Iacona è giornalista Rai da più di vent'anni. Autore e conduttore di PRESADIRETTA su Rai3, ha scritto L'ITALIA IN PRESADIRETTA (Chiarelettere 2010).



Guarda l'incontro di presentazione tenutosi il 17 Ottobre 2012 alla Casa Internazionale delle Donne di Roma. Presenti, l'Autore e Serena Dandini:


"Italia 2012. La strage delle donne"

autore:
Riccardo Iacona
collana: Reverse
dettagli: 272 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Se questi sono gli uomini

"Italia 2012. La strage delle donne"

autore:
Riccardo Iacona
collana: Reverse
dettagli: 272 pagine
prezzo: 14,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Se questi sono gli uomini"
(di Riccardo Iacona)



"Ormai ci avevo fatto l'abitudine, per me era così, non c'erano alternative... Io non esistevo più, esisteva solo lui."
Cristina, 24 anni, ex moglie di Francesco Lo Presti, 34 anni, l'uomo che il 24 aprile 2012 ha ucciso la nuova fidanzata Vanessa Scialfa, ventenne.
"Quando le ho messo le mani al collo, pensi che stavamo litigando per il caricabatteria di un telefonino, per questo le dico che le motivazioni non sono importanti, possono sembrare assurde."
Testimonianza di M., 50 anni, Torino.
"Quanti rapporti malati, quanta inutile sofferenza. Quanta crudeltà nel sottomettere la madre dei propri figli. Che vita d'inferno in centinaia di migliaia di case italiane."
"È come se io fossi il fuoco e la mia compagna ci buttasse la benzina sopra: tu bruci, bruci. E dall'altra parte non arriva nessun aiuto, perché se lei mi voleva veramente bene non doveva alimentare questa cosa..."
Testimonianza di un uomo di 45 anni, denunciato dalla moglie per maltrattamenti e oggi in cura presso un centro antiviolenza.
"È un percorso tipico di questi uomini, ce lo dicono tutte le donne che ci vengono a trovare: ti isolano, così è più facile cominciare a colpirti."
Maria Grasso, fondatrice e responsabile del Centro antiviolenza di Piazza Armerina (Enna).
"Il 93 per cento delle violenze perpetrate dal coniuge o dall'ex non viene denunciato. Solo il 6,2 per cento delle violenze è opera di sconosciuti, mentre il resto dei maltrattanti sono partner o ex partner. Sono 6,743 milioni le donne tra i 16 e i 70 anni che, almeno una volta nella vita, sono state vittime di violenza, pari al 31,9 per cento della popolazione femminile."
Rapporto Istat, 2007.
"Mi ci metto anch'io, dobbiamo fare un semplice esercizio: quanti di noi si riconoscono in questi racconti, anche solo in parte? Proviamoci veramente, con sincerità però e senza autoassoluzioni. Le liti durate ore. Le inutili scene di gelosia. L'incapacità di parlare, di rispondere durante le discussioni. La scorciatoia delle urla e delle grida. Le offese, le ingiurie, le parolacce. Le minacce e la mano alzata. Quanti di noi hanno vissuto episodi come questi?..."
"È come se io fossi il fuoco e la mia compagna ci buttasse la benzina sopra: tu bruci, bruci. E dall'altra parte non arriva nessun aiuto, perché se lei mi voleva veramente bene non doveva alimentare questa cosa..."
Testimonianza di un uomo di 45 anni, denunciato dalla moglie per maltrattamenti e oggi in cura presso un centro antiviolenza.
"È un percorso tipico di questi uomini, ce lo dicono tutte le donne che ci vengono a trovare: ti isolano, così è più facile cominciare a colpirti."
Maria Grasso, fondatrice e responsabile del Centro antiviolenza di Piazza Armerina (Enna).
"Il 93 per cento delle violenze perpetrate dal coniuge o dall'ex non viene denunciato. Solo il 6,2 per cento delle violenze è opera di sconosciuti, mentre il resto dei maltrattanti sono partner o ex partner. Sono 6,743 milioni le donne tra i 16 e i 70 anni che, almeno una volta nella vita, sono state vittime di violenza, pari al 31,9 per cento della popolazione femminile."
Rapporto Istat, 2007.
"Mi ci metto anch'io, dobbiamo fare un semplice esercizio: quanti di noi si riconoscono in questi racconti, anche solo in parte? Proviamoci veramente, con sincerità però e senza autoassoluzioni. Le liti durate ore. Le inutili scene di gelosia. L'incapacità di parlare, di rispondere durante le discussioni. La scorciatoia delle urla e delle grida. Le offese, le ingiurie, le parolacce. Le minacce e la mano alzata. Quanti di noi hanno vissuto episodi come questi?..."
"Ormai ci avevo fatto l'abitudine, per me era così, non c'erano alternative... Io non esistevo più, esisteva solo lui."
Cristina, 24 anni, ex moglie di Francesco Lo Presti, 34 anni, l'uomo che il 24 aprile 2012 ha ucciso la nuova fidanzata Vanessa Scialfa, ventenne.
"Quando le ho messo le mani al collo, pensi che stavamo litigando per il caricabatteria di un telefonino, per questo le dico che le motivazioni non sono importanti, possono sembrare assurde."
Testimonianza di M., 50 anni, Torino.
"Quanti rapporti malati, quanta inutile sofferenza. Quanta crudeltà nel sottomettere la madre dei propri figli. Che vita d'inferno in centinaia di migliaia di case italiane."




Le vostre recensioni 9 recensioni
5 stelle
 
 (9)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Cesare Dei:
Intenso, coinvolgente, commovente, duro. Iacona dimostra ancora una volta di avere una maestria sopraffina nel raccontare le Storie d'Italia. Splendido

Rosa Enini:
Un libro intenso che affronta il fenomeno drammatico del femminicidio a 360 gradi . Tutti dovrebbero leggerlo.

ivan piraccini:
..da non perdere..

Paola:
Un libro dal tema scottante e lungi dall'essere risolto. Un'analisi approfondita, chiara, anche se cruda e che solo un uomo, come il giornalista Iacona, poteva descrivere. Grazie a nome di noi donne.

Claudia BONO:
Tema drammatico trattato con grande rispetto del dolore.

alda cardelli:
Un uomo, dalla parte delle donne.

assunta bianco:
Un libro splendido. E' un piacere sapere che esistono persone come Lei.

rosa maria guarino:
Riccardo Iacona ha messo in parole ciò che le donne provano, nel segreto del loro intimo e che, il più delle volte, non realizzano come colpa dell'altro e così vivono i loro giorni nell'inferno del dubbio scavando alla ricerca della loro concolpa per poter giustficare e rassegnarsi al loro vivere...

federica pipia:
Un bravo cronista magari fossero tutti così seri e preparati, affronta come sempre l'argomento con obiettività e serietà, in profondità senza scadere nel qualunquismo.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Se questi sono gli uomini

Riccardo Iacona

Tratto da Se questi sono gli uomini

Riccardo Iacona

"Quanti rapporti malati, quanta inutile sofferenza. Quanta crudeltà nel sottomettere la madre dei propri figli. Che vita d'inferno in centinaia di migliaia di case italiane."