Se non ora, adesso


Don Andrea Gallo presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Se non ora, adesso"
(di Don Andrea Gallo)

"I RABBINI, GLI IMAM, I VESCOVI DEVONO SMETTERE DI VOLER CONVINCERE CHE PARLANO IN NOME DI DIO!"
Don Gallo

"I RICCHI SONO SEMPRE PIÙ RICCHI."
Paolo VI

Le nuove generazioni non hanno bisogno di maestri ma di testimoni, nessuna predica, solo esempi. Don Gallo racconta episodi di vita vissuta (l'adolescenza, la mamma, i suoi incontri e battaglie) e si appella alla voglia di reagire dei giovani e delle donne. A cominciare dal sesso, che non deve essere un'arma del potere per sfruttare e discriminare, complici la Chiesa e questa politica, ma una spinta a essere se stessi e a stare bene con l'altro. Prima viene l'etica, poi la fede, dice don Gallo. Anche in famiglia, nella strada, sul lavoro. Ogni giorno. Allora il disagio di chi non è omologato, degli ultimi e dei diversi non sarà più un problema di ordine pubblico, piuttosto un'occasione di confronto, una questione sociale e umana che riguarda tutti. La forza "eversiva" del Vangelo è in un'idea di cittadinanza ricostruita a partire dall'incontro con gli altri, in pace, per un cammino veramente liberatorio a fianco dei più oppressi.

Don Andrea Gallo (Genova 1928) è sacerdote dal 1959. Nel 1975 ha avviato la Comunità di San Benedetto al Porto per il recupero degli emarginati. Tra i suoi libri, COSÌ IN TERRA COME IN CIELO (Mondadori 2010), SONO VENUTO PER SERVIRE (con Loris Mazzetti, Aliberti 2010), DI SANA E ROBUSTA COSTITUZIONE (Aliberti 2011).

"Le donne, i giovani, la liberazione sessuale"

autore:
Don Andrea Gallo
prefazione di: Moni Ovadia
collana: Reverse
dettagli: 176 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Se non ora, adesso

"Le donne, i giovani, la liberazione sessuale"

autore:
Don Andrea Gallo
prefazione di: Moni Ovadia
collana: Reverse
dettagli: 176 pagine
prezzo: 14,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Se non ora, adesso"
(di Don Andrea Gallo)



"Ascolta Gesù: se Montezemolo si accontentasse di ricevere 10.000 euro al giorno e Marchionne si accontentasse di riceverne 9100 si potrebbe dare lavoro a cento operai in più."
"È tanto bello il proverbio: 'Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei', ma non basta, proviamo a dire: 'Dimmi chi escludi e ti dirò chi sei!'."
Il direttore della Caritas di Roma, don Luigi Di Liegro.
"Ascolta Gesù: se Montezemolo si accontentasse di ricevere 10.000 euro al giorno e Marchionne si accontentasse di riceverne 9100 si potrebbe dare lavoro a cento operai in più."
"È tanto bello il proverbio: 'Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei', ma non basta, proviamo a dire: 'Dimmi chi escludi e ti dirò chi sei!'."
Il direttore della Caritas di Roma, don Luigi Di Liegro.
"È tanto bello il proverbio: 'Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei', ma non basta, proviamo a dire: 'Dimmi chi escludi e ti dirò chi sei!'."
Il direttore della Caritas di Roma, don Luigi Di Liegro.
"Da sempre esiste un maschilismo esercitato senza freni, perché basato su un architrave terrificante, cioè che Dio è maschio. Se Dio è maschio, la donna deve essere soggetta."
"È tanto bello il proverbio: 'Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei', ma non basta, proviamo a dire: 'Dimmi chi escludi e ti dirò chi sei!'."
Il direttore della Caritas di Roma, don Luigi Di Liegro.
"Il 'Sì, Sì' e 'No, No' del Vangelo dov'è?"
"Da sempre esiste un maschilismo esercitato senza freni, perché basato su un architrave terrificante, cioè che Dio è maschio. Se Dio è maschio, la donna deve essere soggetta."
"Il malessere della cosiddetta normalità non risparmia nessuno. In Italia si consumano ogni anno 62 milioni di confezioni di ansiolitici!... Non esiste il problema giovanile, esistono le nostre città e nelle nostre città, guarda caso, ci sono i giovani."
"Il 'Sì, Sì' e 'No, No' del Vangelo dov'è?"
"Il vero patriota è colui che si impegna perché tutti i suoi concittadini siano rispettati nei loro bisogni essenziali."
"Il malessere della cosiddetta normalità non risparmia nessuno. In Italia si consumano ogni anno 62 milioni di confezioni di ansiolitici!... Non esiste il problema giovanile, esistono le nostre città e nelle nostre città, guarda caso, ci sono i giovani."
"Le donne sono le prime vittime di un'impostazione che vede il sesso come un 'problema' da risolvere e loro come un pericolo o una tentazione. Il sesso è sempre stato usato come occasione di potere e di sottomissione. Purtroppo lo è ancora adesso."
"Il vero patriota è colui che si impegna perché tutti i suoi concittadini siano rispettati nei loro bisogni essenziali."
"Ma che cos'è la forza profetica? È la memoria 'eversiva' del Vangelo... La profezia è franchezza, denuncia della illegalità, della ingiustizia, dell'oppressione, della follia, della guerra."
"Le donne sono le prime vittime di un'impostazione che vede il sesso come un 'problema' da risolvere e loro come un pericolo o una tentazione. Il sesso è sempre stato usato come occasione di potere e di sottomissione. Purtroppo lo è ancora adesso."
"Sono più che indignato, sono proprio incazzato, non si può dire, ma è così."
"Ma che cos'è la forza profetica? È la memoria 'eversiva' del Vangelo... La profezia è franchezza, denuncia della illegalità, della ingiustizia, dell'oppressione, della follia, della guerra."
"Un'etica normativa è funesta: finisce nelle condanne, nei lager, nelle censure."
"Sono più che indignato, sono proprio incazzato, non si può dire, ma è così."
"Un'etica normativa è funesta: finisce nelle condanne, nei lager, nelle censure."




Le vostre recensioni 5 recensioni
5 stelle
 
 (3)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 
 (1)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Elena Bonavita:
Don Gallo ha da sempre aiutato quelle persone che questa società diseguale abbandona chiamandoli 'ultimi': gli ha sostenuti, ha creduto in loro, gli ha amati, con fatti che confermano le sue parole; spesso andando contro la stessa Chiesa capace di professare per poi non dare il buon esempio.

armando trevisani:
Un libro sapiente e profetico come sapiente e profeta è don Andrea Gallo.

Emilio De Carli :
Stupendo Libro Scrittore formidabile, aspetto il prossimo. Don Gallo sei meraviglioso Grazie

Maurizio Ierna:
Al di là dell'abito che indossa, Don Gallo è una persona corretta e corrette sono le sue affermazioni, sincere a tal punto da schierarsi contro la sua stessa chiesa che non ha saputo ancora dare il giusto esempio, lo stesso esempio che Gesù ha predicato fino alla morte. E' facile predicare l'amore dietro la tunica da cardinale e vescovo, professare la fede con l'esempio, purtroppo, non fa parte della chiesa.

Carlo:
Grazie, Don Gallo. Le sue parole sono un balsamo anche per un uomo maturo e disilluso come me


un pretesto per leggerlo
Tratto da Se non ora, adesso

Don Andrea Gallo

Tratto da Se non ora, adesso

Don Andrea Gallo

"Un'etica normativa è funesta: finisce nelle condanne, nei lager, nelle censure."