Sante ragioni


Telmo Pievani presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Sante ragioni"
(di Castellacci Carla,Telmo Pievani)

Venire al mondo, il battesimo, l'ora di religione, i simboli religiosi nelle scuole, l'educazione sessuale, il caso Darwin e la marginalizzazione delle materie su cui la chiesa non può far valere la sua posizione, il matrimonio e la vita di relazione, la "politica" riproduttiva (contraccezione, aborto, fecondazione assistita...), il parto e il dolore, la ricerca biomedica (staminali e trapianto di organi), l'8 per mille, il trattamento fiscale della chiesa, i reati sui minori, il testamento biologico, la terapia del dolore, l'eutanasia, i funerali civili... In pratica: la vita, dalla nascita alla morte. Su ognuno di questi temi gli uomini di fede, ma soprattutto le alte gerarchie del Vaticano, ormai da anni esercitano pressione per consolidare una visione del mondo arretrata, irrazionale e violenta.

Questo libro non vuole essere una riflessione teorica sulla laicità. Questo libro segue passo passo la vita di uomini e donne, e mostra (non senza ironia) attraverso la cronaca di questi ultimi anni, gli argomenti dei politici à la Buttiglione, le tante disposizioni di legge che limitano fortemente la libertà individuale, come la Chiesa da anni e con violenza decida il nostro destino.

Un libro che denuncia uno stato di cose inaccettabile. Un libro che va in profondità sulle notizie che ormai da mesi troviamo sparate sulle prime pagine di tutti i giornali. Un libro scritto con ironia, perché gli argomenti di questa Chiesa politica spesso sfiorano il ridicolo, sebbene questo ridicolo sia ben nascosto dai media e dai grandi mezzi d'informazione.

"Dal nascere al morire, la mano della chiesa sulla nostra vita"

autore:
Castellacci Carla,Telmo Pievani
collana: Reverse
dettagli: 288 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Sante ragioni

"Dal nascere al morire, la mano della chiesa sulla nostra vita"

autore:
Castellacci Carla,Telmo Pievani
collana: Reverse
dettagli: 288 pagine
prezzo: 13.6 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Sante ragioni"
(di Castellacci Carla,Telmo Pievani)



"... l'esenzione ICI decade per tutte le "attività di natura esclusivamente commerciale"... Se all'interno di una lussuosa clinica privata c'è una cappella votiva dove i devoti si riuniscono una volta alla settimana per attività religiose, il complesso smette di essere esclusivamente commerciale. Geniale. Un albergo di lusso nel centro di Roma può sempre avere una sezione definita "ostello per pellegrini". Geniale
"Alla finitezza della condizione umana non c'è rimedio, e noi rispettiamo tutte le religioni per il conforto che possono portare alle persone di fronte alla malattia e alla morte. Ma è una ben misera concezione dell'essere umano quella di chi ancora oggi alimenta la paura e l'ignoranza per farsi giudice delle nostre decisioni. A ben vedere, questa non è una concezione nè teologica nè antropologica, è una concezione politica"
"Il partito confessionale italiano mostra poi di possedere un ben strano e bizzarro concetto di "libero mercato". Bisogna liberalizzare il sistema dell'istruzione, ma a colpi di sovvenzioni statali... Abbiamo insomma inventato la de-statalizzazione finanziata dallo Stato. Il che suggerisce che il principio di non contraddizione non è certo il faro dei nostri liberal confessionali"
"Purtroppo... non possiamo chiudere le biblioteche del male, nè distruggere le sue cineteche che si riproducono come virus letali", Angelo Amato, segretario della Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede
"Questo non è un libro anticlericale, anche se non vi sarebbe nulla di male... Qualsiasi potere, qualsiasi casta, più o meno sacerdotale, è bene che abbia un leale e vigile oppositore che la tenga lontana da tentazioni di impunità"
"Saremo anche un paese "a maggioranza cattolica", ma le donne cattoliche hanno le loro idee su cosa è accettabile e cosa no. E non è che questa situazione sia frutto di qualche dissonanza cognitiva... Quella difesa oggi dal Papa e dai ministri del Vaticano... è una posizione che non è vincolante neanche per il mondo cattolico"
"Un'autorità morale diventa soggetto politico, ma non accetta di essere giudicata con criteri politici... Fa appello alle norme imperative di un supposto diritto naturale, ma non accetta le evidenze della natura. Pretende per sè il monopolio non soltanto della fede, bensì del "retto ragionare", ma non accetta che i suoi argomenti sofistici siano passati al vaglio della ragione. E noi tutti... siamo diventati senza accorgercene... una comunità in libertà vigilata..."




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 
 (3)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Alexander :
Bellissimo e coraggiosissimo saggio critico sul condizionamento religioso di cui è vittima il nostro paese. Paese che nelle ben documentate pagine del saggio a ragione soffre di un pericoloso (per la democrazia) deficit laico, o se preferite di una "laicità condizionata" che rischia di turbare ogni assetto democratico e istituzionale raggiunto faticosamente in questi 60 anni.

Paolo :
Accurato, scritto bene, Telmo Pievani e Carla Castellacci - filosofo il primo e biologa la seconda - denunciano la drammatica sudditanza della politica italiana alle gerarchie cattoliche. Dal nascere al morire, passando per il vivere, le credenze religiose di alcuni - pochi o tanti che siano - informano di sé le leggi italiane in tutte le materie che i credenti ritengono di loro esclusiva pertinenza e sulle quali sono convinti di avere il diritto di imporre principi "non negoziabili". Il libro, ben documentato e moderato nei toni, è un esempio di cultura laica che cerca di tener testa all'arrogante incedere delle gerarchie cattoliche e dei politici, di ogni schieramento, che ne riprendono diktat e anatemi. Aiuta a capire perché in Italia non ci sono i PACS, né una legge sul testamento biologico o perché ce ne sia una, sulla procreazione assistita, punitiva per le donne. Non c'è spazio pubblico o privato che non sia stato invaso: nelle scuole, negli ospedali, tra le lenzuola, nei laboratori di ricerca, il monopensiero cattolico impone a tutti la sua parziale weltanschauung. Consigliato per le ore di "attività alternative" destinate, a scuola, ai "non avvalentesi". Possibilmente in abbinamento, civico e civile, con il bel libro sulla TV, "Chi l'ha vista (Rizzoli), di Norma Rangeri.

marco :
un lavoro fatto bene ,descrizione accurata delle incongruenze;capire si può ma sganciarsi da convenzioni così radicate e forti in ogni passaggio della vita è difficile , molto. La chiesa ha più proprietà (terreni ,edifici,tesori artistici ecc.)dello stato italiano, ci sono più chiese che campi di calcio ...educati e poi condotti. credo che passeranno secoli prima che si realizzi in Italia la libertà di scelta e azione così come descritta nel libro.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Sante ragioni

Castellacci Carla,Telmo Pievani

"Un'autorità morale diventa soggetto politico, ma non accetta di essere giudicata con criteri politici... Fa appello alle norme imperative di un supposto diritto naturale, ma non accetta le evidenze della natura. Pretende per sè il monopolio non soltanto della fede, bensì del "retto ragionare", ma non accetta che i suoi argomenti sofistici siano passati al vaglio della ragione. E noi tutti... siamo diventati senza accorgercene... una comunità in libertà vigilata..."