Passione reporter


Daniele Biacchessi presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Passione reporter"
(di Daniele Biacchessi)

Il giornalismo come vocazione
Il nuovo libro di Daniele Biacchessi

Per non dimenticare

Ilaria Alpi (Roma, 1961 - Mogadiscio, 1994)
Raffaele Ciriello (Venosa, 1959 - Ramallah, 2002)
Maria Grazia Cutuli (Catania, 1962 - Kabul, 2001)
Antonio Russo (Francavilla al Mare, 1960 - Tbilisi, 2000)
Enzo Baldoni (Città di Castello, 1948 - Najaf, 2004)

"Ilaria Alpi e Miran Hrovatin nulla mai hanno saputo". Passarono una settimana di vacanza conclusa tragicamente
.
Carlo Taormina, presidente della Commissione d'inchiesta sulla morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, 7 febbraio 2006

"Dobbiamo ricordarci che l'informazione è un veicolo diretto all'utente, non un soliloquio da parte del giornalista. Bisogna tenere sempre presente che chi è dall'altra parte deve poter comprendere una realtà in cui non è presente."
Antonio Russo, Inviato di Radio Radicale

"Ho pianto la morte di Ciriello come fosse quella di un mio collega, ma certo avrei dovuto avere maggiori attenzioni per loro, per i freelance, per i fotografi con un accredito ma senza contratto.Prima. Dopo non serve. Sa di scusa. E questo è vero, maledettamente vero."
Ferruccio de Bortoli, direttore de "Il Sole24Ore"

"Tu vuoi sapere come fosse Maria Grazia Cutuli in quelle giornate di novembre. Potrei dirti che era felice perchè stava facendo la cosa che amava di più: il mestiere di giornalista."

Alberto Negri, inviato de "Il Sole24Ore" in Afghanistan.

"Reporter di guerra che rimarranno nella memoria: Ilaria Alpi, Raffaele Ciriello, Maria Grazia Cutuli, Antonio Russo, Enzo Baldoni."

autore:
Daniele Biacchessi
prefazione di: De Bortoli Ferruccio
collana: Reverse
dettagli: 240 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Passione reporter

"Reporter di guerra che rimarranno nella memoria: Ilaria Alpi, Raffaele Ciriello, Maria Grazia Cutuli, Antonio Russo, Enzo Baldoni."

autore:
Daniele Biacchessi
prefazione di: De Bortoli Ferruccio
collana: Reverse
dettagli: 240 pagine
prezzo: 12.6 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Passione reporter"
(di Daniele Biacchessi)



"Tu vuoi sapere come fosse Maria Grazia Cutuli in quelle giornate di novembre. Potrei dirti che era felice perché stava facendo la cosa che amava di più: il mestiere di giornalista." Alberto Negri, inviato de «Il Sole24Ore» in Afghanistan.
"Dobbiamo ricordarci che l'informazione è un veicolo diretto all'utente, non un soliloquio da parte del giornalista. Bisogna tenere sempre presente che chi è dall'altra parte deve poter comprendere una realtà in cui non è presente." Antonio Russo.
"Ho pianto la morte di Ciriello come fosse quella di un mio collega, ma certo avrei dovuto avere maggiori attenzioni per loro, per i freelance, per i fotografi con un accredito ma senza contratto. Prima. Dopo non serve. Sa di scusa. E questo è vero, maledettamente vero." Ferruccio de Bortoli.
"Ilaria Alpi e Miran Hrovatin nulla mai hanno saputo... passarono una settimana di vacanza conclusa tragicamente..." Carlo Taormina, presidente della Commissione d'inchiesta sulla morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, 7 febbraio 2006.




Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (2)
3 stelle
 
 (2)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


daniele:
Ringrazio tutti per le recensioni e per aver compreso lo spirito che muove questo libro. Dare dignità al mestirere del giornalista ormai impoverito dal servilismo e ridotto al copia e incolla di agenzie di stampa. Questo libro è dedicato atutti quei giovani che ho incontrato in giro per l'Italia che amano ancora ricercare la verità dietro alle versioni ufficiali.

Maurizio:
Passione divorante e servilismo schietto. La classe giornalistica italiana si muove lungo questi due assi e non contempla vie di mezzo. Mi spiace dirlo, ma mi sembra che i casi raccontati riguardino solo poche illuminate eccezioni, di cui ormai non si parla più. A prevalere è una mediocrità che lascia poco spazio ad altre considerazioni. Forse sarebbe utile anche un'inchiesta sui motivi per cui il giornalismo italiano è caduto tanto in basso.

Gemma:
La riflessione amara che sopraggiunge dopo la lettura di questo libro si basa su una constatazione. Oggi chi voglia diventare giornalista ha dinanzi a sé solo la strada dell'appoggio personale, della relazione. Questo determina una involuzione del mestiere sotto l'aspetto della qualità e della sostanza. Chi dimostra passione e spirito di sacrificio è destinato alla marginalità, o a soccombere, com'è capitato ai giornalisti di cui si racconta. Questo libro è un omaggio lucido e vero.

Giacomo Di Girolamo:
Chiunque abbia la passione per il giornalismo dovrebbe leggere l’unico libro che in Italia coniuga tutte e due le cose, al momento. Si tratta di “Passione Reporter” del caporedattore di Radio 24 Daniele Biacchessi. Non aspettatevi però un sussidiario illustrato di quanto sia difficile e bello fare questo mestiere. Tutt’altro , Passione Reporter è un libro crudele, perché racconta gli efferati omicidi di giornalisti italiani in giro per il mondo. Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, Raffele Ciriello, Maria Grazia Cutuli, Anonio Russo, Enzo Baldoni, donne e uomini martiri della vocazione al giornalismo. La loro colpa è stata andare dove la stampa non era benvenuta, nei campi di battaglia come nei traffici d’armi. La loro colpa è stata seguire episodi che erano destinati all’insabbiatura, pubblicare anche solo piccoli frammenti di scomodissime verità. E’ il giornalismo per come dovrebbe essere. E invece è un giornalismo irregolare, fuori dai salotti e dalle conferenze stampa, non equipaggiato né armato. E’ un giornalismo di passione, non certo di mestiere. Ciriello, ad esempio, era medico, ma era anche un grandissimo fotografo feeelance. Baldoni era un pubblicitario, ma soprattutto era “affamato di storie”. Sono nomi e storie da ricordare. Oggi invece vince l’informazione opaca. Ma se vogliamo alzare lo sguardo, e la testa, “Passione Reporter” è la nostra bussola.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Passione reporter

Daniele Biacchessi

"Ilaria Alpi e Miran Hrovatin nulla mai hanno saputo... passarono una settimana di vacanza conclusa tragicamente..." Carlo Taormina, presidente della Commissione d'inchiesta sulla morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, 7 febbraio 2006.