Nostra eccellenza


Massimo Cirri, Filippo Solibello
presentano il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Nostra eccellenza"
(di Massimo Cirri,Filippo Solibello)

Il Paese che reagisce. Sindaci, imprenditori, insegnanti, preti, vigili urbani, medici. Storie vere, né di Destra né di Sinistra, raccontate da Massimo Cirri e Filippo Solibello, le voci di Caterpillar.

I trasporti pubblici devono per forza essere a pagamento? A Verbania dicono di no, e hanno sperimentato il servizio gratuito. In Sicilia, a Castelbuono, gli asini fanno servizio di nettezza urbana, con un risparmio in bolli, assicurazione, manutenzione e gasolio. A Sogliano al Rubicone, vicino Cesena, una discarica all'avanguardia fa guadagnare al comune circa 11 milioni di euro l'anno. Che diventano sostegno ai cittadini per l'acquisto della prima casa, bonus per ogni nuovo nato di 1500 euro, i trasporti scolastici e l'asilo nido gratis. A Bellizzi, provincia di Salerno, nei luoghi dell' "emergenza rifiuti", si arriva al 60% di raccolta differenziata, e immondizia per le strade non se ne è mai vista.

Storie vere, né di destra né di sinistra. Non sembra Italia. E viene voglia, come fanno gli autori, di esultare, fare la ola, intonare cori, appendere striscioni e picchiare sui tamburi. Perché c'è sempre l'intuizione di un uomo, di una donna, di un sindaco, di un imprenditore, di un prete, a dirci che l'Italia non è solo quella che raccontano i telegiornali.

"L'italia che reagisce. Sindaci, imprenditori, insegnanti, preti, vigili urbani, medici, cittadini."

autore:
Massimo Cirri,Filippo Solibello
collana: Reverse
dettagli: 192 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Nostra eccellenza

"L'italia che reagisce. Sindaci, imprenditori, insegnanti, preti, vigili urbani, medici, cittadini."

autore:
Massimo Cirri,Filippo Solibello
collana: Reverse
dettagli: 192 pagine
prezzo: 12 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Nostra eccellenza"
(di Massimo Cirri,Filippo Solibello)



"Giovani studenti attraversano le città piegati sotto il fardello di zaini scolastici degni di uno sherpa himalaiano. Davanti alle scuole assistiamo a scene di drammatica violenza. L'auto del genitore si ferma, uno sportello si apre e ne esce uno zaino enorme che rotola fuori trascinandosi dietro un corpo di studente... Dietro a tutto questo c'è la potente lobby dei libri di testo, cari e tutti gli anni rinnovati per evitare pericolosi passaggi da un fratello all'altro. La lobby ha siglato un patto di sangue con un'altra lobby oscura e potente, quella dei costruttori di zainetti. Tutte e due le lobby stanno dando la caccia a Maurizio Zambrada, maestro elementare, che ha inventato una scuola che non ha bisogno di zaini."
"Nel nostro sogno ricorrente i mezzi pubblici non si pagano... Ma come si può pensare che possa diventare normalità in una società fondata sulle automobili?... C'eravamo rassegnati a coltivare le nostre turpi fantasie quando a maggio del 2007 abbiamo scoperto che un capoluogo di provincia aveva lanciato i trasporti pubblici gratuiti. La città in questione è Verbania... Il sindaco ha deciso di lanciare una sperimentazione che ha dell'incredibile: i cittadini non pagano il biglietto."
"Sull'energia sapete come la pensiamo: va bene produrla con fonti rinnovabili e senza inquinare, ma prima di tutto è fondamentale non sprecarla... Sui rifiuti il pensiero è lo stesso: va bene avere discariche, ma prima di tutto sarebbe opportuno produrre sempre meno spazzatura. Poi non ci piace quando si usano le parole per confondere le cose: non ‘inceneritore' ma ‘termovalorizzatore'. Cosa termovalorizzi, stai bruciando o no? ‘Scusa cara, ancora cinque minuti e finisco di termovalorizzare questa bistecca.' Insomma, tra inceneritore e discarica preferiamo mille volte la discarica, specie se è come quella di Sogliano al Rubicone."
"Trovare un grande progetto è come trovare parcheggio all'improvviso, dopo mezz'ora che si gira sotto casa in una caccia inutile e cattiva, funestata da false speranze di un posto libero che si rivela poi occupato da una Smart. Pensi di abbandonare la ricerca e lasciare la macchina in mezzo alla strada, quando, mentre gli stai passando davanti, uno se ne va e ti lascia il posto... Da non credere, da raccontare a casa con le lacrime agli occhi."




Le vostre recensioni 5 recensioni
5 stelle
 
 (3)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 
 (1)
1 stella
 
 (1)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


riccardo:
Sono conduttori radiofonici,trovatemi dei giornalisti altrettanto efficaci nel trovare quello che di buono succede nel mondo. Sono tutti capaci a scrivere quello di cui parlano tutti(vedi Cogne,o altra cronaca morbosa.). Bravi!!!mi siete piaciuti e ci sarebbe bisogno di giornalisti disposti a cercare nel buio un pò di luce.GRAZIE.

Cogno Michele:
Bè ho appena finito di leggere il libro e non mi pare proprio che le idee scritte siano inutili e insgnificanti. Sono esempi concreti di rispetto dell'ambiente, del riutilizzo e del benessere pubblico. Gli esempi di alcuni comuni che con una gestione oculata e attenta dei rifiuti rimborsa l'ICI ai cittadini, le spese pre i libri di testo, per i trasporti pubblici e che da 1500 euro per ogni bimbo nato, sono esempi concreti di amministrazione pubblica fatta su misura per tutti i cittadini. Se potessi andrei di corsa in questo piccolo comune a viverci. tutti gli esempi portati nel libro dimostrano in maniera molto simpatica e irriverente che i sindaci/assessori ecc hanno fatto guadagnare o risparmiare migliaia di euro con intuizioni talmente "sciocche" che potremmo mettere in pratica tutti. Hanno fatto guadagnare e hanno anche dato una mano all'ambiente. Quindi forse di inutile qui c'è solo qualche commento lasciato in questo sito

Richebourg83 :
Modesto elenco di iniziative talvolta interessanti spesso insignificanti. scritto mediocremente e con un'ironia veramente di modesta qualità.

philo :
Francamente il libro è abbastanza inutile è un elenco di cose inutili compiute da comuni inutili regioni inutili e così via. Ricalca sostanzialmente la trasmissione condotta sulle frequenze Rai dai due scrittori / conduttori. Purtroppo non porta nulla di effettivamente concreto se non iniziative di Sindaci che si vogliono mettere in mostra per future elezioni. Da pprezzare la consueta ironia e sense of umor degli autori peraltro ampiamente già dimostrata in radio.

marisandra :
Un'iniezione di fiducia, di positività, un bignami delle storie più divertenti ascoltate in radio, un libro di favole dal lieto fine, tanto strane e tanto assurde da sembrare inventate e invece? nulla di più vero. Insomma la sensazione che lascia il libro è quella che tutti, nel nostro piccolo, possiamo contribuire ad un futuro più sostenibile e più degno di essere vissuto. Grazie. In fondo chi l'avrebbe mai detto che una trasmissione radiofonica poteva far spegnere le luci persino alla Tour Eiffel? Filippo Solibello e Massimo Cirri ci sono riusciti. Grandi, davvero grandi.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Nostra eccellenza

Massimo Cirri,Filippo Solibello

"Trovare un grande progetto è come trovare parcheggio all'improvviso, dopo mezz'ora che si gira sotto casa in una caccia inutile e cattiva, funestata da false speranze di un posto libero che si rivela poi occupato da una Smart. Pensi di abbandonare la ricerca e lasciare la macchina in mezzo alla strada, quando, mentre gli stai passando davanti, uno se ne va e ti lascia il posto... Da non credere, da raccontare a casa con le lacrime agli occhi."