L'uomo nero

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "L'uomo nero"
(di Claudio Gavillucci,Manuela D'Alessandro,Antonietta Ferrante)

«L’arbitro Gavillucci,
come pochi altri visionari,
si era fatto l’idea che la legge in Italia
fosse uguale per tutti.
Ovviamente ne ha pagato le conseguenze.
Peggio per lui, ma soprattutto per noi.»
Marco Travaglio
«Per la prima volta un arbitro di serie A
racconta la sua verità sul mondo del calcio.
Per far riflettere tutti,
ma soprattutto gli arbitri.»
Mario Sconcerti

Il racconto dall’interno dell’arbitro che ha osato mettere in discussione un sistema rivelandone ombre, condizionamenti e opacità. La testimonianza di Claudio Gavillucci, dismesso dalla serie A nell’estate del 2018 e finito ad arbitrare nei campetti di provincia dopo essere stato tra i primi a sospendere una partita per cori razzisti, rivela una realtà finora sconosciuta e risponde alle tante domande che ogni tifoso o appassionato di calcio si pone. Questo libro è un viaggio nel mondo degli arbitri reso possibile anche grazie alla pubblicazione di documenti inediti e rivelatori.
Esiste una sudditanza psicologica rispetto ai club più blasonati? Quanto incidono i media sulle valutazioni dei direttori di gara? Quanto guadagnano gli arbitri? Che contratti e che tutele hanno? Sono davvero indipendenti? Che cosa ha prodotto l’introduzione del Var? A partire dalla sua storia, qui ripercorsa dagli inizi alle luci di San Siro, Gavillucci risponde a questi e altri interrogativi conducendo il lettore nelle segrete stanze di una realtà che fa dell’assoluta riservatezza la sua bandiera. Come un fortino inespugnabile, impermeabile a ogni polemica, errore, scandalo.
Forse è finalmente arrivato il momento della trasparenza.

Claudio Gavillucci ha diretto partite di serie A dall’aprile del 2013 fino al giugno del 2018. È noto per aver interrotto, nel maggio del 2018, la partita Sampdoria-Napoli a causa di insulti razzisti e di discriminazione territoriale contro i giocatori partenopei e il difensore Kalidou Koulibaly. Il 1° luglio 2018 gli viene comunicata la dismissione dalla massima serie. Inizia da qui una via crucis che sfocerà in un ricorso alla giustizia sportiva e in una causa al Tar tuttora pendente.
Il suo impegno e la sua passione, ancora fortissimi, lo hanno portato nei campi di periferia tra i ragazzi del settore giovanile. Oggi si divide tra l’Italia e l’Inghilterra, dove lavora e nel weekend continua ad arbitrare nelle categorie semiprofessionistiche.

Manuela D’Alessandro segue da più di un decennio la cronaca giudiziaria per l’agenzia di stampa Agi. Coautrice della graphic novel Ruby. Sesso e potere ad Arcore (con Gianni Barbacetto, disegni di Luca Ferrara), ha fondato e cura il blog Giustiziami.

Antonietta Ferrante, napoletana d’origine, milanese d’adozione, si occupa di cronaca giudiziaria per l’agenzia di stampa Adnkronos. Appassionata di cronaca nera, ha seguito come cronista la strage di Erba, il delitto di Garlasco e l’omicidio di Yara Gambirasio.

"Le verità di un arbitro scomodo"

autore:
Claudio Gavillucci,Manuela D'Alessandro,Antonietta Ferrante
collana: Reverse
dettagli: 192
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

L'uomo nero

"Le verità di un arbitro scomodo"

autore:
Claudio Gavillucci,Manuela D'Alessandro,Antonietta Ferrante
collana: Reverse
dettagli: 192
prezzo: 14 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "L'uomo nero"
(di Claudio Gavillucci,Manuela D'Alessandro,Antonietta Ferrante)



«L’arbitro Gavillucci,
come pochi altri visionari,
si era fatto l’idea che la legge in Italia
fosse uguale per tutti.
Ovviamente ne ha pagato le conseguenze.
Peggio per lui, ma soprattutto per noi.»
Marco Travaglio
«Per la prima volta un arbitro di serie A
racconta la sua verità sul mondo del calcio.
Per far riflettere tutti,
ma soprattutto gli arbitri.»
Mario Sconcerti





Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da L'uomo nero

Claudio Gavillucci,Manuela D'Alessandro,Antonietta Ferrante

«L’arbitro Gavillucci,
come pochi altri visionari,
si era fatto l’idea che la legge in Italia
fosse uguale per tutti.
Ovviamente ne ha pagato le conseguenze.
Peggio per lui, ma soprattutto per noi.»
Marco Travaglio
«Per la prima volta un arbitro di serie A
racconta la sua verità sul mondo del calcio.
Per far riflettere tutti,
ma soprattutto gli arbitri.»
Mario Sconcerti