L'avvocato del diavolo


Vittorio Dotti presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "L'avvocato del diavolo"
(di Vittorio Dotti)

“Mica siamo scemi: in politica ci mandiamo quelli di cui in azienda possiamo anche fare a meno. Che si facciano eleggere! Che vadano pure in parlamento!” Marcello Dell’Utri a Vittorio Dotti, sulla scelta dei candidati alle elezioni politiche del 1994


“Smentisci la Ariosto e io ti faccio sindaco di Milano.” Silvio Berlusconi a Vittorio Dotti


Di Berlusconi conosce tutto: i segreti professionali, il carattere, le passioni, le debolezze. Lo ha visto in famiglia, forte e positivo sul lavoro, fantasioso e incontenibile in politica, ma anche fragile e impaurito di fronte ai ricatti dei faccendieri che lo hanno da sempre circondato, e docile preda di adulatori e carrieristi di ogni specie. Ora, per la prima volta, Vittorio Dotti, suo avvocato e stretto collaboratore, lo racconta ricostruendo un pezzo fondamentale della sua storia: dal 1980 al 1996, l’anno delle dimissioni di Dotti da capogruppo di Forza Italia alla Camera e della fine dei loro rapporti. Dalla Milano da bere di Craxi e Pillitteri alla fine della Prima repubblica e l’inizio della nuova. Un cambiamento epocale. Dalle acquisizioni della Standa e Mediolanum a quella clamorosa del Milan (dopo averci provato con l’Inter), al boom televisivo del Biscione con la felice espansione in Spagna e gli insuccessi in Francia e in Germania e l’avventurosa e impensabile esportazione della pubblicità tv in Russia negli anni della Perestrojka. Un mix sbalorditivo di audacia e spregiudicatezza come dimostra il caso Ariosto, quando il teste “Omega” squarcia il velo sugli scandali finanziari di Berlusconi e le tangenti pagate da Previti per il controllo della Mondadori (di qui la rottura tra Dotti e Berlusconi). Attraverso aneddoti, ricordi, rivelazioni, ecco i particolari di questo incredibile, grottesco e italianissimo copione teatrale che a poco a poco ha costretto personaggi come Dotti a un progressivo allontanamento. Hanno vinto i falchi, non c’è posto, qui da noi, per un liberalismo democratico, onesto e socialmente responsabile. Questo libro lo dimostra.


Vittorio Dotti è stato per sedici anni il legale di Silvio Berlusconi e della Fininvest. Ha curato le più importanti acquisizioni del gruppo: Standa, Milan, Mediolanum. Ha seguito la nascita del polo televisivo nazionale ed estero del Cavaliere, il caso Sme e la guerra di Segrate per il controllo della Mondadori. Eletto al parlamento nel 1994, ha ricoperto le cariche di vicepresidente della Camera dei deputati e di capogruppo di Forza Italia.

"I segreti di Berlusconi e di Forza Italia nel racconto inedito di un testimone d'eccezione"

autore:
Vittorio Dotti
collana: Reverse
dettagli: 240 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

L'avvocato del diavolo

"I segreti di Berlusconi e di Forza Italia nel racconto inedito di un testimone d'eccezione"

autore:
Vittorio Dotti
collana: Reverse
dettagli: 240 pagine
prezzo: 14,60 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "L'avvocato del diavolo"
(di Vittorio Dotti)



“ ‘Perché non facciamo qualche trasmissione educativa?’ Lui mi guardò stupefatto, come se avessi detto chissà quale assurdità: ‘Ma ce le abbiamo già – esclamò, – non hai mai visto i programmi di quiz di Mike Bongiorno?’.”
Sulla nascita del polo televisivo Fininvest.
“‘È successo un bel guaio’ mi confidò un giorno Berlusconi. ‘Dudi ha messo incinta una ragazza.’ Eravamo sul finire degli anni Ottanta. Lui era poco più che adolescente; lei apparteneva a una famiglia di Arcore vicina a villa San Martino.”
La figlia segreta di Piersilvio Berlusconi.
“‘Cosa dici, Vittorio, sarà possibile coprire di merda la Mondadori?’ ‘Metaforicamente’ osservai io. ‘No, no, per davvero’ mi rispose. ‘Si potrebbe organizzare una bella colonna di camion carichi di letame con cui cospargere il palazzone.’”
Dotti e Berlusconi sulla guerra di Segrate.
“‘Se sei milanista – gli feci notare – perché non compri il Milan?’ E lui: ‘Purtroppo non posso. Il mio mago mi ha detto che mi porterebbe sfortuna!’.”
Dotti a Berlusconi.
“Il nostro Silvio diventerà presidente della Repubblica.”
I genitori di Berlusconi a Dotti.
“Previti, che si professava craxiano, spesso, accalorandosi, inneggiava ad Augusto Pinochet, il sanguinario dittatore cileno, che lui aveva affettuosamente ribattezzato ‘Pinocchietto’.”
Dotti su Previti.
“Se domani, in cambio dell’azzeramento dei suoi processi e delle sue condanne, gli offrissero di arruolarsi nell’odiato ‘Partito comunista’, scommetto che accetterebbe di corsa.”
Dotti su Berlusconi.
“Silvio mio, il tuo nome fa rima con Dio.”
Poesia di Massimo Boldi.
“Solo grazie alla politica Silvio ha ottenuto ciò che sognava: l’affetto gratuito di milioni di persone, uno sterminato esercito di uomini e donne che lo adorano fedelmente da due decenni in cambio di illusioni. In realtà, in cambio di nulla ma nonostante ciò continuano a idolatrarlo.”
Dotti su Berlusconi.
“Veniva scartato anche chi aveva le mani sudaticce: una stretta non sufficientemente secca e virile poteva costare l’esclusione.”
Sulla scelta dei candidati alle elezioni del 1994.




Le vostre recensioni 1 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Lionello SANTORO:
Ottimo libro, dal contenuto snello e di facile lettura. Ottima anche la distanza che l'autore ha dato visto che, pur avendo vissuto in prima persona i fatti ed i personaggi descritti nel testo, ha saputo trasmettere all'ignaro lettore una visione d'insieme senza alcuna aggiunta passionale e personale che ne potesse stravolgere il contenuto circoscrivendolo ad elementi passionali che ne facessero un fluttuante sciorinamento di personalismi inaccettabili e non comprensibili. Consigliato


un pretesto per leggerlo
Tratto da L'avvocato del diavolo

Vittorio Dotti

“Veniva scartato anche chi aveva le mani sudaticce: una stretta non sufficientemente secca e virile poteva costare l’esclusione.”
Sulla scelta dei candidati alle elezioni del 1994.