Assalto al pm


Luigi de Magistris presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Assalto al pm"
(di Luigi de Magistris)

E' bene che queste cose gli italiani le sappiano. Espulso il disturbatore de Magistris, la classe dirigente può tornare alla serenità di sempre.
Marco Travaglio

Le sue indagini: legittime e fondate. La sua cacciata: illecita. Lo ha stabilito la Procura di Salerno: in questo libro dolente e appassionato, per la prima volta, de Magistris racconta tutto. Gli sgambetti dei superiori, come sono nate le inchieste, da quelle meno note ma importantissime("Shock", "Artemide", "Splendor") fino alle più conosciute "Why not", "Poseidone" e "Toghe lucane".

Ecco come opera la "nuova P2", nella complicità tra insospettabili e criminali. 'Ndrangheta, colletti bianchi e borghesia mafiosa. Oggi tanto si parla di riforma della giustizia, di durata dei processi, di stop alle intercettazioni. Questa storia esemplare dimostra cosa c'è dietro: la volontà politica di avere una magistratura programmata per servire.

Conclude il testo la postfazione di Antonio Ingroia, procuratore aggiunto a Palermo. In Appendice tutte le lettere e i documenti del caso de Magistris.

"Storia di un cattivo magistrato"

autore:
Luigi de Magistris
prefazione di: Marco Travaglio
collana: Reverse
dettagli: 336 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Assalto al pm

"Storia di un cattivo magistrato"

autore:
Luigi de Magistris
prefazione di: Marco Travaglio
collana: Reverse
dettagli: 336 pagine
prezzo: 14 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Assalto al pm"
(di Luigi de Magistris)



"Sono stato ostacolato, mi hanno trasferito, mi hanno punito solo perché ho fatto il mio dovere."
Luigi de Magistris, dalla lettera di dimissioni dall'ordine giudiziario
"'La vera anomalia del nostro paese sta nella classe dirigente,assai più incline ai comportamenti illegali di quanto non accada in qualsiasi altra democrazia avanzata.'"
Dalla postfazione di Antonio Ingroia
"A ogni azione corrisponde una reazione. Siamo così tanti ad evere subìto l'azione che, quando esploderà, la reazione sarà adeguata!"
Giuseppe Chiaravalloti, ex procuratore generale a Catanzaro, ex presidente Regione Calabria, in una telefonata intercettata si riferisce alle indagini di de Magistris all'epoca ancora in corso
"I peggiori nemici della magistratura si trovano all'interno dell'ordine giudiziario."
"Il contesto giudiziario in cui si è trovato a operare Luigi de Magistris... appare connotato da un'allarmante commistione di ruoli e fortemente condizionato dal perseguimento di interessi extragiurisdizionali, anche di illecita natura."
Procura di Salerno, richiesta di archiviazione delle accuse a carico di de Magistris
"Non è possibile credere che un ragazzino, solo perché ha fatto il concorso..., sia in grado di condurre indagini complesse contro la mafia e il traffico di droga. Questa è un'autentica sciocchezza."
Francesco Cossiga, 10 maggio 1991. Pochi mesi prima Cosa nostra aveva ucciso il giudice Rosario Livatino, 28 anni
"Non serve più neanche il tritolo, oggi basta, alla luce del sole, avocare un'indagine nella quale uno dei pochi giudici coraggiosi rimasti stava per arrivare al livello degli intoccabili."
Salvatore Borsellino
"Se si fa un'analisi sull'andamento delle indagini nel settore della pubblica amministrazione si nota che c'è stato un picco tra il 1995 e il 1998, quando ero a Catanzaro, poi un crollo dal 1998 al 2002, quando ero a Napoli, e ancora un picco dal 2002 al 2008, quando sono tornato nel capoluogo calabrese.'"




Le vostre recensioni 5 recensioni
5 stelle
 
 (5)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Elena B.:
Oggi, in Italia, la meritocrazia è bandita, con ogni mezzo. 20 anni fa uccidevano i magistrati che indagavano sui grandi appalti e i traffici illeciti; oggi si "uccide" un magistrato "dalla schiena dritta", che con tenacia prosegue il suo lavoro, bandendolo e bollandolo come incapace agli occhi del popolino dunque impedendogli di fare le sue indagini approfondite e vincenti.

Livio Frontino:
De magistris sindaco di Napoli uomo onesto,magistrato che combatte la mala-politica, un eroe.

Carmine Sabia:
In questo bel libro, De Magistris si racconta come magistrato, politico e come uomo e lo fa con seplicità ma allo stesso tempo precisione nei fatti sconcertanti che lo hanno portatto a lasciare la magistratura e ad intraprendere l'"avventura" della politica. Un libro di denuncia importante che svela i retroscena della mala magistratura e politica

VB:
Sbalordisce la spudorata libertà con cui la criminalità entra nelle sale del potere, e troppo spesso la assoluta assenza dello stato nell'appoggiare chi tenta di salvaguardare l'onestà e la democrazia in questo paese.

Ffo :
Un grande libro. Luigi De Magistris racconta la sua esperienza travagliata di magistrato, una storia incredibile che tutti dovrebbero conoscere.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Assalto al pm

Luigi de Magistris

"Se si fa un'analisi sull'andamento delle indagini nel settore della pubblica amministrazione si nota che c'è stato un picco tra il 1995 e il 1998, quando ero a Catanzaro, poi un crollo dal 1998 al 2002, quando ero a Napoli, e ancora un picco dal 2002 al 2008, quando sono tornato nel capoluogo calabrese.'"