La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi


Anna Vinci presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi"
(di Anna Vinci)

"Torniamo ai fatti." 
Edmund Husserl

"Basta una sola persona che ci governa ricattata o ricattabile, perché la democrazia sia a rischio..." "Fate presto a pubblicare i miei appunti, dopo, anche solo qualche giorno dopo, sarà troppo tardi."
Tina Anselmi

A trent'anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti privati di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri, giornalisti, imprenditori. Molti personaggi sono tuttora in politica, da Berlusconi a Cicchitto, e tra i protagonisti c'è Flavio Carboni, oggi coinvolto nelle indagini sulla cosiddetta P3. Intanto il "Piano di rinascita democratica" di Gelli, che mirava a controllare la magistratura e svuotare le istituzioni democratiche, sembra avere nuovi adepti: "Peccato non averlo depositato alla Siae per i diritti - ha detto il Venerabile - tutti ne hanno preso spunto: ma l'unico che può andare avanti è Silvio Berlusconi...".

Appunti su Clara Canetti Calvi, Angelo Rizzoli, Maurizio Costanzo, Bruno Tassan Din, Giulio Andreotti, Arnaldo Forlani, Bettino Craxi, Flaminio Piccoli, Enrico Berlinguer, Giuseppe Pisanu, Giancarlo Elia Valori, Armando Corona...Prefazione di Dacia Maraini, con una testimonianza di Giovanni Di Ciommo, postfazione di Giuliano Turone.In appendice lettere di Francesco Cossiga, Licio Gelli, Michele Sindona, Tina Anselmi ed estratti della relazione della Commissione.

Tina Anselmi è nata a Castelfranco Veneto nel 1927. Il suo impegno civile e politico, iniziato con la Resistenza, è proseguito, dopo la guerra, nel sindacato e all'interno della Democrazia Cristiana. Eletta alla Camera dei deputati nel 1968, riconfermata fino al 1992, nel 1976 è stata nominata, prima donna  in Italia, ministro del lavoro. Ha retto in seguito per due volte il ministero della Sanità. E stata presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulla loggia massonica P2, e della Commissione sulle conseguenze delle leggi razziali sulla comunità ebraica.

Anna Vinci è nata e vive a Roma. Tra i suoi romanzi: L'usuraia (Edizioni Associate 1996), Marta dei vocabolari (Ila Palma 1994), Restituta del porto (Voland 2002). Tra i saggi: Tina Anselmi, storia di una passione politica (Sperling & Kupfer 2006), La politica con il cuore (con Stefania Pezzopane, Castelvecchi 2010). Ha lavorato in radio a programmi d'informazione; è autrice di trasmissioni televisive sulla storia culturale d'Italia (I migliori anni della nostra vita) e di invito alla lettura dei classici (Macondo). Ha scritto e diretto il video Leggere la Costituzione con i bambini, con la partecipazione di Carlo Azeglio Ciampi. Per il teatro ha scritto e messo in scena Il Signore del Sorriso. Nel 2009-2010 è andata in scena la sua pièce La terra senza.

"Fate presto a pubblicare i miei appunti, dopo, anche solo qualche giorno dopo, sarà troppo tardi. Tina Anselmi"

a cura di:
Anna Vinci
prefazione di: Maraini Dacia
collana: Reverse
dettagli: 576 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

"Fate presto a pubblicare i miei appunti, dopo, anche solo qualche giorno dopo, sarà troppo tardi. Tina Anselmi"

autore:
Anna Vinci
prefazione di: Maraini Dacia
collana: Reverse
dettagli: 576 pagine
prezzo: 16,60 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi"
(di Anna Vinci)



a pagina 390
"Come è possibile che Piccoli, Berlinguer e Andreotti non sapessero della P2 prima del 1981?"
Appunto del 26 gennaio 1984 sull'incontro con Marco Pannella.
a pagina 397 e 405
"Della P2 non sapevo nulla, al di là di quello che leggevo e di qualche battuta scherzosa..."
"Con i giudici poi faremo i conti."
Bettino Craxi, nel 1984 e nel 1983.
a pagina 441
"Perché questa volontà pertinace di sottovalutare, di ignorare, persino di scacciare dalla mente il fenomeno P2 e tutte le allarmanti vicende connesse che sono emerse negli ultimi trent'anni?"
Giuliano Turone, magistrato che, con Gherardo Colombo, ha scoperto gli elenchi della P2.
a pagina 8
" ...una grande abbuffata di potere, nutrita dalla cultura consolidata in luoghi storicamente, superbamente maschili: massoneria, chiesa, esercito, mafia, polizia."
La P2: 12 generali dei Carabinieri, 5 generali della Guardia di finanza, 22 generali dell'Esercito, 4 generali dell'Aeronautica militare, 8 ammiragli, direttori e funzionari dei vari servizi segreti, 44 parlamentari, 2 ministri dell'allora governo, un segretario di partito, giornalisti, imprenditori, faccendieri, magistrati...
a pagina 106
"Gelli era un uomo di grande prestigio, aveva relazioni ad altissimo livello. Telefonava spesso ad Andreotti, a Cossiga, era di casa al Quirinale con Saragat."
Generale Franco Picchiotti, audizione del 9 marzo 1982.
a pagina 276
"Le P2 non nascono a caso, ma occupano spazi lasciati vuoti, per insensibilità, e li occupano per creare la P3, la P4..."
Appunto sull'incontro del 25 novembre 1982 con Orazio Bagnasco, banchiere.
a pagina 352
"Cossiga aveva buoni rapporti con la P2 e Gelli, ed è rimasto vittima, durante il rapimento di Moro, dell'azione di Gelli e della P2. Ciò spiega il suo crollo e le dimissioni."
Appunto sull'incontro con Flaminio Piccoli del 13 aprile 1983.
a pagina 368
"Mi sento oggetto di una persecuzione politica odiosa."
Licio Gelli, maggio 1981.




Le vostre recensioni 5 recensioni
5 stelle
 
 (2)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 
 (1)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Elena Bonavita:
La P2, con il suo 'Piano di Rinascita Democratica' di Licio Gelli, è riuscita ad impossessarsi delle istituzioni democratiche, cambiando il modo di concepirle attraverso un autoritarismo legale con al suo centro l'informazione.

marcello giappichelli:
Questo non è soltanto "il retrobottega della P 2", ma lo scenario del sistema di governo nel paese che c'è. Anticipazione di quello che documentano i circuiti di telefonate già rilevati da Genchi. Un sistema di gruppi di potere che controllano gran parte di tutto. La dimensione reale dello scenario politico, senza le chiacchiere

Giacomo Albi:
Ho trovato la scrittura troppo pesante e poco fruibile. Il libro della Vinci assomiglia più a un manuale che a un'opera in forma romanzata. Apprezzabile la precisione delle fonti e dei dati forniti, ma bisogna migliorare la forma per rendere più agevole la consultazione.

Laura Comi:
Il volume di Anna Vinci mi sembra ben scritto e ben documentato. La narrazione è suffragata da una ricca collezione di appunti e, aspetto da me particolarmente apprezzato, valorizza la figura di una donna carismatica, che tanto ha dato al nostro Paese. L'unica con la quale, ancora oggi, noi donne potremmo condividere molte battaglie.

FRANCESCA LORI:
La P2 è raccontata attraverso i diari segreti di Tina Anselmi, cercado di riassumere e rendere noti quei fatti tenuti nascosti ai più


un pretesto per leggerlo
Tratto da La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

Anna Vinci

a pagina 368
"Mi sento oggetto di una persecuzione politica odiosa."
Licio Gelli, maggio 1981.