La cura

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "La cura"
(di Michele Ainis)

"I cittadini sono egualmente ammissibili a tutti gli incarichi e impieghi pubblici secondo le loro capacità, e senza altra distinzione che quella delle loro virtù e dei loro talenti."
Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino, 1789

Un pessimismo duro e compatto come una lastra di piombo. Ma la cura è possibile.
Ecco un decalogo di proposte (dopo un'impietosa denuncia) per costruire una società basata sul merito, la legalità e l'uguaglianza. Un'uguaglianza dei diritti, dal basso.
Troppi giovani bravi e onesti restano al palo. Troppe donne emarginate. Troppi singoli contro il concistoro delle lobby. Troppi spiriti liberi lasciati soli contro il conformismo dei partiti, dei sindacati, delle chiese.
Serve una terapia d'urto. Cominciamo stabilendo una penalità per chi concorra a ottenere lo stesso lavoro dei propri genitori, il sorteggio al posto delle lottizzazioni, la rotazione delle cariche, l'ineleggibilit' contro i conflitti d'interesse...
E per promuovere realmente la democrazia inseriamo il referendum propositivo, la possibilità di revoca da parte degli elettori, la mozione di sfiducia verso rettori, dirigenti, presidenti... Per vincere la guerra c'è una camicia di gesso da mandare in pezzi.

"Contro il potere degli inetti per una repubblica degli eguali"

autore:
Michele Ainis
collana: Reverse
dettagli: 208 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

La cura

"Contro il potere degli inetti per una repubblica degli eguali"

autore:
Michele Ainis
collana: Reverse
dettagli: 208 pagine
prezzo: 14 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "La cura"
(di Michele Ainis)



"Abbiamo trasformato il rito elettorale in mito, in un lavacro che purga ogni infezione: dimenticando che ogni elezione è sempre, in realtà, una cooptazione."
"C'è una specifica ragione se la politica preferisce i co.co.co., i contratti a termine. Perché così può scegliere i fedeli, stabilizzandoli se dimostrano obbedienza, e nel frattempo tenendoli per anni sotto schiaffo."
"Contro i vecchi blocchi di potere via ogni carica a vita, nelle istituzioni e nella società civile."
"Dobbiamo affiancare al referendum abrogativo quello propositivo... E c'è da sperimentare nuove forme di democrazia 'partecipativa' o 'deliberativa'. Quali? Il bilancio partecipativo a Porto Alegre consegna ai cittadini il 25% delle decisioni di spesa."
"In Italia non c'è più posto per chi canta fuori dal coro. Non a caso il servilismo è ormai la malattia etica degli italiani."
"L'80% di assicurazioni e banche ospita nei propri organismi direttivi soggetto con incarichi nei gruppi concorrenti. Un'anomalia tutta italiana." Inchiesta ufficiale dell'Autorità Antitrust, gennaio 2009.
"La revoca degli eletti (recall) s'adatta ai casi di cattiva amministrazione, negligenza, abuso di potere. Negli Usa esiste dal 1911... esiste in Canada, nella Federazione Russa, in vari paesi dell'America Latina. C'è una ragione per vietarne l'uso alle nostre latitudini?"




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 
 (1)
1 stella
 
 (1)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Gabriel:
Mi spiace ma per parlare di merito e di eguaglianza dei diritti bisognerebbe vivere determinate situazioni, e non appartenere a una casta come quella dei giornalisti. Apprezzo la buona intenzione, ma pontificare dall'alto di una posizione privilegiata incide sull' attendibilità dei contenuti. E sulla buona valutazione di un'opera.

Roberto:
Una società del merito ormai non è più procrastinabile. Questo libro rappresenta con limpidezza uno scenario acre, la cui soluzione è possibile solo con una rivoluzione che parta dalle fondamenta e si nutra della partecipazione dal basso. Partiamo dalla politica e dal Movimento 5 Stelle per cambiare davvero le cose.

Piaggio Pil45:
Un libro che ti spiega come potrebbe funzionare un Paese applicando 10 regole. Mi ha intristito poichè le regole sono banali (da applicare), quasi di buon senso. Sono applicate ovunque in Europa sarei pronto a scommetterci, allo stesso tempo hai la sconfortante convinzione che noi non ce la faremo mai perchè noi siamo italiani.


un pretesto per leggerlo
Tratto da La cura

Michele Ainis

"La revoca degli eletti (recall) s'adatta ai casi di cattiva amministrazione, negligenza, abuso di potere. Negli Usa esiste dal 1911... esiste in Canada, nella Federazione Russa, in vari paesi dell'America Latina. C'è una ragione per vietarne l'uso alle nostre latitudini?"