Io faccio così


Daniel Tarozzi presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Io faccio così"
(di Daniel Tarozzi)

“Il cambiamento è un richiamo della necessità.”
Michelangelo Pistoletto

“Quando l’economia uccide bisogna cambiare.”
Alex Zanotelli


Nonostante la crisi, i partiti, le tasse... c’è un’Italia che reagisce, che non molla, che va avanti e crede nel futuro. Daniel Tarozzi ha deciso di salire sul camper e andare a scoprirla e a raccontarla.
Sette mesi on the road, senza scadenze o itinerari precisi, inseguendo le esperienze di chi ci prova a cambiare vita e a non rassegnarsi al peggio. La scoperta è che si sta creando una rete diffusa dal Nord al Sud di microeconomie che valorizzano il territorio e le competenze delle persone, spesso promuovendo lavori che le statistiche nemmeno rilevano: in città, in campagna, da soli, in gruppo. Sempre all’insegna dell’ecocompatibilità, del risparmio e della qualità della vita. Contadini, inventori, imprenditori, manager, artigiani, neolaureati, artisti: le loro storie non fanno più parte dell’aneddotica ma costituiscono una realtà che va raccontata e fotografata e dimostrano che un altro Pil, più vero e di qualità, è possibile.


Daniel Tarozzi è direttore della rivista web “Il Cambiamento”. È autore e regista di diversi documentari, tra cui: SAMBIIGA, ALTRO FRATELLO e PRIMAVERE A SARAJEVO (entrambi con Andrea Boretti). È fondatore con Francesca Giomo di “Terranauta”. È autore del libro OGM IN ITALIA. Cura un blog per “il Fatto Quotidiano” on line e continua il racconto dell’Italia che cambia su www.italiachecambia.org.

"Viaggio in camper alla scoperta dell'Italia che cambia"

autore:
Daniel Tarozzi
collana: Reverse
dettagli: 368 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Io faccio così

"Viaggio in camper alla scoperta dell'Italia che cambia"

autore:
Daniel Tarozzi
collana: Reverse
dettagli: 368 pagine
prezzo: 14.50 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Io faccio così"
(di Daniel Tarozzi)



"Volevamo rompere la dicotomia campi rom-città... Per questo siamo andati nei loro ‘campi’ e li abbiamo coinvolti... Abbiamo sottratto uno spazio pubblico al degrado... Tutte le nostre attività sono miste, italiani e rom. Portiamo i bambini italiani nei campi a fare laboratori e viceversa."
Barbara Pirro dell’associazione Chi rom… e chi no, Scampia-Napoli.
"Ci sono tantissime realtà italiane in movimento. Il problema è che sono invisibili. Dobbiamo lavorare per farle vedere."
Hans Schmieder dell’Accademia dei Colloqui di Dobbiaco (Bressanone).
"Il cambiamento è un percorso, un cammino. Richiede un lavoro serio, faticoso, che va fatto senza dimenticare mai che il bene più prezioso è un bene immateriale: il tempo."
Don Gianni Fazzini ha avviato l’iniziativa Bilanci di giustizia per aiutare le persone bisognose a risparmiare.
"Io credo che dobbiamo passare dal 'vinco io perdi tu' al 'vinciamo tutti'."
Michela Scibilia, Venezia.
"Molte persone pensano che i singoli non possano fare la differenza. Sbagliano! E l’esempio dei trasporti è perfetto. Un camion su due viaggia vuoto. Le ditte di trasporti chiudono continuamente. Se noi cooperiamo diventiamo più competitivi verso il resto del mondo."
Gaetano La Legname, fondatore di FAI MENO Strada, il primo progetto a livello mondiale di sistema di trasporto intelligente di proprietà.
"Nel 2010 è nata la prima piazzetta... Gli spazi sono occupati legalmente. Ci è stata concessa la licenza... Il nostro obiettivo era aprire spazi in cui discutere senza posizioni precostituite. Vogliamo che sia riconosciuto il diritto di abitare, condividere, coesistere, e inoltre vogliamo creare un’alternativa alla televisione."
Stefano Reyes, autore del progetto Luoghi di sosta pedonale – Una rete di micropiazze per Bologna.
"Oggi in Puglia c’è un ritorno di tanti giovani che erano emigrati e che – spesso per mancanza di lavoro – decidono di riprovare a costruirsi un futuro qui."
Virginia Meo, rappresentante di Ressud, che mette in rete le realtà di economia solidale dall’Abruzzo alla Sicilia.
"Stiamo realizzando una cooperativa aperta a tutti, che acquisti terreni che altrimenti sarebbero destinati magari all’edilizia, o che sono abbandonati, e li affidi a qualcuno che vuole iniziare a coltivare la terra. Vogliamo seguire i neocontadini offrendo assistenza, formazione e mettendoli in rete tra loro e con le altre realtà di CampiAperti."
Cristina Tagliavini, Accesso alla Terra.
"Vogliamo convincere le amministrazioni a inserire gli orti nei loro piani regolatori. Il progetto 'orto in condotta', nelle scuole, è andato molto bene. Ci cercano in tantissimi, non riusciamo a star dietro a tutte le chiamate."
Gianfranco Bettega e Adriana Stefani, Slow Food Trento.




Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 
 (3)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Eugenio:
C'è bisogno di cambiamento, e tutto deve partire dalla gente comune, che deve rimettersi in marcia per invertire il trend di un Paese in deficit. Queste storie sono l'esempio da seguire. Leggetele.

Camillo:
Finalmente una ventata di ottimismo in un'Italia depressa e infelice. E' questa la forza rivoluzionaria di cui ha bisogno il Paese.

Raffaele:
La dimostrazione pratica che, a dispetto di quello che si pensi, gente vera che combatte esiste ancora nel Belpaese. Instilla positività, è questa la qualità migliore del libro, e forse il motivo più bello per leggerlo.

Daniele Il Sannita:
Ciao Daniel, ancora non lo finito, ma già mi sono emozionato a leggerlo, è veramente bello e interessante. Grazie Grazie Grazie.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Io faccio così

Daniel Tarozzi

"Vogliamo convincere le amministrazioni a inserire gli orti nei loro piani regolatori. Il progetto 'orto in condotta', nelle scuole, è andato molto bene. Ci cercano in tantissimi, non riusciamo a star dietro a tutte le chiamate."
Gianfranco Bettega e Adriana Stefani, Slow Food Trento.