Il ritorno del principe


Roberto Scarpinato presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Il ritorno del principe"
(di Saverio Lodato,Roberto Scarpinato)

"Il potere non è nel Consiglio comunale di Palermo. Il potere non è nel Parlamento della Repubblica. Il potere è sempre altrove. Lo stato per me è la Costituzione e la Costituzione non esiste più." Leonardo Sciascia

Non è vero che la mafia è quella che si vede in tv, e che i corrotti e i criminali sono una malattia della nostra società. Qui, in Italia, la corruzione e la mafia sembrano essere costitutivi del potere, a parte poche eccezioni (la Costituente, Mani pulite, il maxiprocesso a Cosa nostra). Ricordate il Principe di Machiavelli? In politica qualsiasi mezzo è lecito. C'è un braccio armato (anche le stragi sono utili alla politica del Principe), ci sono i volti impresentabili di Riina, Provenzano, Lo Piccolo, e poi c'è la borghesia mafiosa e presentabile che frequenta i salotti buoni e riesce a piazzare i suoi uomini in Parlamento. Ma il potere è lo stesso, la mano è la stessa.
Il libro è questo: racconta il fuori scena del potere, quello che non si vede e non è mai stato raccontato ma che decide, fa politica e piega le leggi ai propri interessi. Ci avviamo verso una democrazia mafiosa? Gli italiani possono reagire, è già successo.

"La testimonianza di un magistrato in prima linea"

autore:
Saverio Lodato,Roberto Scarpinato
collana: Reverse
dettagli: 368 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Il ritorno del principe

"La testimonianza di un magistrato in prima linea"

autore:
Saverio Lodato,Roberto Scarpinato
collana: Reverse
dettagli: 368 pagine
prezzo: 15.6 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Il ritorno del principe"
(di Saverio Lodato,Roberto Scarpinato)



"Ora si aggiungerà la prova che i grossi delinquenti in Italia, oltre a essere assolti, possono con i milioni rubati far processare coloro che li avevano denunciati e messi in carcere." Giovanni Giolitti, dopo il processo per lo scandalo della Banca Romana (1894) in cui tutti gli imputati furono assolti
"Dopo l'inizio del processo ad Andreotti, la Rai fu autorizzata a riprendere tutte le udienze. Dopo le prime due trasmissioni, che avevano registrato un'audience molto elevata, la programmazione fu cancellata."
"Il pizzo, più che come un costo di impresa, viene da tanti considerato una partita di giro contabile, come l'Iva."
"La corruzione si profila come una componente organica della politica italiana."
"La cultura e il metodo mafioso ogni giorno di più diventano prassi diffusa...: una componente della normalità italiana. Il Principe è tornato a cavalcare la storia ed è in forma smagliante."
"Nel tempo ho compreso che quello degli assassini è spesso il fuori scena del mondo in cui tanti sepolcri imbiancati si mettono in scena."
"Nella politica italiana il punto fondamentale non è che tu devi esser capace di ricattare, è che tu devi essere ricattabile." Giuliano Ferrara




Le vostre recensioni 25 recensioni
5 stelle
 
 (24)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


gerson silciliano:
Un regalo.

roberto boldizzoni:
Un libro stupendo. Tra le righe si comprende come ormai il male sia entrato in noi stessi e faccia parte della natura stessa del nostro popolo. Da tanto tempo.

Stefania Verasani:
Scarpinato ha il dono di una chiarezza esemplare, unita a una precisione rara, e per questo ancora più preziosa. Nessun fatto è raccontato senza darne documentazione, nessuna opinione è espressa senza dire "io penso". Questa considerazione da sola basterebbe a rendere il libro prezioso, soprattutto di questi tempi dove le opinioni vengono confuse con i fatti, e le illazioni hanno dignità dialettica. Ma il libro ci offre anche un quadro del presente da cui partire per costruire un futuro diverso.

Paolo:
solo poche parole: questo è un libro che dovrebbe diventare di testo alle scuole superiori.

Riccardo:
Sebbene abbia 17 anni il libro mi è sembrato utile per capire come siamo arrivati alla società odierna

giovanni:
Un libro che tutti gli italiani dovrebbero leggere. Soprattutto quegli italiani che ancora, increduli e sgomenti per tutto ciò che devono ingoiare ogni giorno, non riescono a darsi una spiegazione per il sudiciume nel quale sta affondando il Paese. Un libro coraggioso, lucido e magistralmente scritto. Persone come il Dott. Scarpinato sono la sola speranza per l'Italia.

fabrizio :
Un libro che spiega la storia della societa' italiana dalle prime bancopoli di fine '800 ai giorni nostri e del perche' siamo cosi diversi dagli altri Paesi occidentali nella cultura della legalita', democrazia, trasparenza e del vivere civilmente con gli altri. Dopo avere letto questo libro ho pensato "Questa italia siamo noi" ripensando anche al titolo del libro di Bocca su Napoli e il suo degrado.

barbara :
Ho avuto il piacere di acoltare il dottor Scarpinato in occasione della presentazione di questo libro tenutasi ieri a Udine nell'ambito delle manifestazioni di contorno al Premio Terzani 2009. Finalmente una testimonianza diretta, cruda ed efficace sottratta al filtro nefasto di stampa e tv. Libro fantastico! Se avete occasione di ascoltare Scarpinato dal vivo non perdetevelo!

Emil Kurjak:
A mesi di distanza dal mio primo commento, confermo che trattasi di un libro veramente ottimo. Per chiudere il quadro, però, consiglio di leggerlo assieme a "Geometria del Male" di Sigismondo Panvini.

mel:
Notevole. L'impressione leggendo il libro è però di impotenza nei confronti di mali, non più riconosciuti come tali, così radicati negli italiani, da sempre dal principe, anestetizzati a dovere. Forse tecnicamente bisognerebbe costituzionalizzare corruzione e mafia. Magari la prescrizione del male potrebbe essere la cura.

Roberto :
Semplicemente un capolavoro. Un raro e raffinato contributo all'informazione, alla storia, alla sociologia e alla politica.

valentina:
lo sto ancora leggendo, ma lo trovo finora molto interessante, ben scritto ed estremamente chiaro nell'esposizione dei fatti raccontati. Il panorama che si apre é a dir poco preoccupante e penoso...

Lucio Forma:
Libro magnifico che spiega con semplicità cosa ha causato la deriva del nostro paese.Chissà quanti dei nostri "cari politici" avranno letto questo documento che andrebbe fatto leggere(come tanti altri dello stesso valore) nelle scuole. Io ho scoperto un'altro motivo valido per cui la mafia influisce sulla Sicilia e sull'Italia intera. Inoltre capisco anche il motivo per cui stiamo andando ad avere una opposizione sempre più compromessa con il potere illegale. Ottimi tutti i commenti riportati dai lettori. ALOHA

michele68 :
Il mio commento arriva in coda a una serie, tutti prevalentemente entusiastici, solo per questo tento di esprimere con discrezione il mio apprezzamento. Personalmente non amo i testi strutturati secondo lo schema dell’intervista, ma rispetto a priori la scelta degli Autori, ai quali sento di essere grato per questo ottimo lavoro: non trovo nulla da eccepire all’analisi fatta, integrando gli ambiti storico, politico, sociale ed economico italiani, una sinossi tra la storia d’Italia dall’unificazione, l’evoluzione della criminalità e della classe politica/dirigente italiana. Le citazioni di testimonianze, fatti, contingenze e indagini, a partire dallo studio redatto da Franchetti & Sonnino più di un secolo fa (quindi: “nihil sub sole novum”), analizzate con indiscutibile competenza, forniscono un quadro più che mai esaustivo e poco edificante per i nostri amministratori. Tra gli altri, trovo significativo: evidenziare che è peculiarità dei progressi di qualsiasi genere fatti in Italia, quella di essere generati da “minoranze qualificate”, alle quali di solito la gestione della “res publica” viene lasciata per i periodi strettamente necessari, per poi essere fagocitate dal sistema come Crono si mangiava i figli; menzionare “La banalità del male” di Hannah Arendt, opera propedeutica a largo spettro. Nutro il fondato sospetto che difficilmente, per quanta volontà riusciremo o riusciranno i nostri posteri ad esprimere, il nostro Paese riuscirà ad affrancarsi da certe “tare ereditarie”.Comunque, ad majora!

Alessandro :
Inquietante è poco, leggetelo e rifletteteci sopra

Aurelio Manfredi:
... le prime pagine che ho letto da 110 con lode e bacio accademico! complimenti al dr. Roberto Scarpinato ed al dr. Saverio Lodato Aurelio MANFREDI

Federico :
Prima di leggere questo saggio avevo un'idea precisa della mafia e che questa idea fosse corretta. O almeno ne ero convinto. Adesso so che non mi ero sbagliato del tutto ma la mia idea di mafia era approssimativa e incompleta. Scarpinato dipinge invece un quadro atroce ma perfettamente delineato, i contorni delle figure che si stagliano nettamente sullo sfondo del nostro povero Paese in agonia. Un saggio imperdibile e doloroso, come la luce che ferisce gli occhi dopo il buio.

Pietro:
DOVREBBE ESSERE ADOTTATO COME LIBRO DI TESTO NELLE SCUOLE. POTREMMO AVERE CITTADINI MIGLIORI, ALMENO PER IL FUTURO. UN OTTIMO LIBRO!!!

filippo astone:
E' uno dei migliori libri che io abbia mai letto negli ultimi anni. Peccato che venga presentato come un libro sulla magia, mentre invece è un libro sulla situazione italiana, riletta con non comuni lenti storiche e sociologiche. La mafia occupa solo un decimo dello spazio. Lo consiglio a tutti.

margherita sini :
Vorrei davvero ringraziare gli autori.

dario:
Un ottimo libro che dovrebbero leggere tutti, soprattuto quelli che pensano che certi affarismi e situazioni da prima repubblica non accadano più. Forse il ritmo dell'intervista risulta leggermente pesante.

simona proietti:
L'analisi lucida e completa del potere osceno, inteso -non solo- come indecente, ma soprattutto "fuori scena", quello che non vedi. Quello che percepisci, sospetti, ma non afferri. Finchè non arriva qualcuno a spiegartelo: Roberto Scarpinato. Grazie.

Pietro Valeri:
Un buon tentativo di salire di livello nell'analisi degli eventi di corruzione e mafia che sono accaduti in questi anni andando a ritroso nel tempo per capire se vi sono anche radici lontane. Non è quindi un libro di cronaca giudiziaria. E' il tentativo (riuscito) di capire perché ci ritroviamo in questa situazione di illegalità diffusa e di impunità perdonistica. Un suggerimento all'autore: inserirei in appendice una cronologia degli eventi citati. Da leggere insieme a Toghe rotte di Bruno Tinti.

emil kurjak :
Questo libro è un capolavoro. Leggendolo si capiscono tantissime cose.

Aldo Funicelli:
L'analisi politica, sociale e storica della criminalità al potere, ovvero del potere criminale in Italia. Dai tempi del principe del Maciavelli non è mai stato capace di sciogliere il legame con la violenza. Lucido e spietato nel raccontare la banalità del male della classe dirigente italiana: sempre più oligarchia, autereferenziale, dinastica, sempre più tribù e sempre meno paese. E, di riflesso, la nostra, sempre meno democrazia rappresentativa basta sul diritto. In che modo il principe mantiene il suo potere: con l'assenza di meritocrazia, con la nomine dal vertice (vedi legge elettorale), togliendo l'informazione su indagini e processi che vedono come imputati i colletti bianchi. Non dobbiamo preoccuparci solo di Riina e Provenzano: ma del potere criminale che li usa. Gli unici momenti dove la nostra giustizia è stata fatta? Durante tangentopoli e mafiopoli: quando i cittadini potevano vedere in faccia il lato oscuro del potere, le trame, la corruzione.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Il ritorno del principe

Saverio Lodato,Roberto Scarpinato

"Nella politica italiana il punto fondamentale non è che tu devi esser capace di ricattare, è che tu devi essere ricattabile." Giuliano Ferrara