Il Partito dell'Amore

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Il Partito dell'Amore"
(di Portanova Mario)

"Io sono del parere che se toccano un mio familiare applico la legge delle SS, uno a dieci." Giorgio Bettio, Lega Nord, Consiglio comunale di Treviso, con riferimento agli immigrati, 2007

"Noi vogliamo che il Bene prevalga sul Male", ha proclamato in diverse occasioni Silvio Berlusconi. Il Bene sarebbe la sua parte politica, il Male gli avversari. Una contrapposizione frontale: "I comunisti controllano tutto... sono da eliminare, se non fisicamente, politicamente".

Chi non è con lui un "nemico", "terrorista", "coglione", "miserabile", "illiberale", "mentecatto"... Seminando odio, il Partito dell'Amore ha screditato le istituzioni, la magistratura, qualsiasi forma di opposizione.

Questo libro ricostruisce il clima che sta funestando il Paese e ci sbatte in faccia la volgarità, il razzismo, la violenza verbale, il disprezzo che fa da sfondo alla politica del Pdl e della Lega, amplificata dagli organi d'informazione vicini al centrodestra: Libero, Il Giornale, La Padania, Tg4, Studio Aperto e Tg1. Ecco smascherato chi sta buttando via il patrimonio democratico e civile dell'Italia.

"Alle radici dell'odio. Così l'esercito di Berlusconi ha spaccato il Paese e svuotato la nostra democrazia"

autore:
Portanova Mario
collana: Reverse
dettagli: 256 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Il Partito dell'Amore

"Alle radici dell'odio. Così l'esercito di Berlusconi ha spaccato il Paese e svuotato la nostra democrazia"

autore:
Portanova Mario
collana: Reverse
dettagli: 256 pagine
prezzo: 12 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Il Partito dell'Amore"
(di Portanova Mario)



"Che cosa facciamo degli immigrati che sono rimasti in strada dopo gli sgomberi? Purtroppo il forno crematorio di Santa Bona non è ancora pronto."
Piergiorgio Stiffoni, senatore della Lega Nord, a proposito di un gruppo di immigrati appena sgomberati da due insediamenti abusivi a Treviso, 21 novembre 2003
"Debbo affermare che, qualora il procuratore Borrelli fosse condotto alla forca, io sarei in prima fila per assistere soddisfatto all'esecuzione."
Giampaolo Nuvoli, Forza Italia, 26 novembre 1994
"Liberatevi da questo abbraccio mortale ... Abbandonate al destino suo schifoso questa élite di merda e ritornate alla politica ... E lo dico alla sinistra ... per bene. A quella per male vadano pure a morire ammazzati."
Renato Brunetta, ministro della Funzione pubblica, intervento al convegno del Pdl "La persona prima di tutto", Cortina d'Ampezzo, 19 settembre 2009
"Ma lei dove vive? Che cosa sa della vita lei? ... Ma che cazzo sta dicendo? Ma se ne vada!"
Marcello Dell'Utri, senatore del Pdl, alla giornalista che lo intervista sulle rivelazioni di Gaspare Spatuzza, 4 dicembre 2009
"Maestrino"
"Professionista dell'antimafia"
"Ma va a ciapà i ratt!"
Roberto Castelli, ex ministro della Giustizia, su Roberto Saviano 10 dicembre 2009, "la Repubblica"
"Ora i farabutti vanno in piazza."
Titolo di prima pagina de "Il Giornale" sulla manifestazione in difesa della libertà di stampa, 17 settembre 2009.
"Quanto alla vittima, per fortuna è morto, è uno in meno dei loro in circolazione."
Fabio Rizzi, senatore della Lega Nord, dopo la morte di un nomade in fuga, ucciso da un vigile urbano fuori servizio, 26 novembre 2006
"Veltroni è un coglione."
"Bossi è un dissociato mentale."
"Prodi? Un leader d'accatto."
"Ma vaffanculo!" (indirizzato a Oscar Luigi Scalfaro).
"Lei ha una bella faccia da stronza!"
Silvio Berlusconi




Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 
 (1)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Marco C.:
Considerazioni sensate, fondate e documentate. Quasi ovvie, non fosse che anni di indottrinamento televisivo/mediatico e di smantellamento della scuola, dell'università, della cultura in generale, di mortificazione del ragionamento e del confronto approfondito e argomentato hanno assopito menti e coscienze. I danni provocati da questa gente saranno pagati per decenni.

Franco P.:
Mi spiace, ma la sinistra non è da meno. L'odio e la persecuzione giudiziaria che attanagliano il premier da quando è sceso in campo non sono meno gravi di quel che l'autore, con una visione parziale e perciò distorta, racconta. Questo libro mi sembra l'ennesima operazione che finirà solo per accrescere la popolarità di Berlusconi.

Lia Marconi:
Fluido, godibile, ben scritto...un volume imprescindibile per allontanarsi dall'assurdo manicheismo imposto dalla visione (politica e televisiva) berlusconiana e formarsi una coscienza critica. Mettendo in fila fatti e affermazioni, è possibile uscirne. Complimenti all'autore.

Giovannina 88:
Un libro che ti fa capire quando in basso è arrivata la politica. CHe mentre parla dello schifo del centrodestra implicitamente o meno capisci che Marrazzo o l'idiozia del centrosinistra non son da meno. Il declico dell'etica. Per un ventenne come me solo una possibilità, l'ultima, il Movimento 5 Stelle. Da prendere prima di andare a votare. Il vero schifo che contiene lo conosciamo già dai quotidiano ormai assimilabili a riviste da parrucchiere..


un pretesto per leggerlo
Tratto da Il Partito dell'Amore

Portanova Mario

"Veltroni è un coglione."
"Bossi è un dissociato mentale."
"Prodi? Un leader d'accatto."
"Ma vaffanculo!" (indirizzato a Oscar Luigi Scalfaro).
"Lei ha una bella faccia da stronza!"
Silvio Berlusconi