Il cammino della speranza


David Bidussa presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Il cammino della speranza"
(di Stéphane Hessel,Edgar Morin)

"La rimoralizzazione non può ridursi a una lezione di morale. Occorre far regredire l'egemonia del profitto e dare nuovo impulso alle forme di solidarietà restaurando, con l'esempio e con una maggiore severità, la moralità degli amministratori e dei dipendenti statali. Proponiamo la creazione di un Consiglio di Stato etico per quanti vogliano intraprendere una carriera pubblica che comporti responsabilità e potere."

«Cari concittadini, il nostro proposito è di denunciare il corso perverso di una politica cieca che ci sta conducendo al disastro. Di tracciare una via politica che porti al benessere della collettività. Di annunciare una nuova speranza.»

Stéphane Hessel & Edgar Morin


La nuova speranza di Stéphane Hessel e Edgar Morin, entrambi novantenni, che hanno vissuto e combattuto in prima persona i totalitarismi, fino all'odierna tirannia del capitalismo finanziario. Un manifesto socialista e libertario la cui bandiera sono i valori della persona e non gli interessi delle banche. Una nuova resistenza per la rinascita dell'Europa, a partire da quei princìpi che la storia europea ha reso grandi e poi dimenticato.

Edgar Morin è nato a Parigi nel 1921 da genitori ebrei sefarditi. Nel 1941 ha interrotto gli studi universitari per prendere parte alla Resistenza, aderendo successivamente al Pcf (Partito comunista francese), dal quale è stato espulso dieci anni dopo. Ricercatore al Cnrs dal 1950 al 1979, è stato tra i fautori della prestigiosa rivista di cultura «Communications». Attualmente codirige il Cetsap (Centre d'études transdisciplinaires) di Parigi, collegato all'École des Hautes études en sciences sociales. Filosofo e sociologo noto per l'approccio transdisciplinare con il quale ha trattato un'ampia gamma di argomenti, ha pubblicato numerosi libri, molti dei quali tradotti in Italia. Tra questi, Il paradigma perduto (Feltrinelli 1974), Pensare l'Europa (Feltrinelli 1988), La testa ben fatta (Raffaello Cortina Editore 2000), I sette saperi necessari all'educazione del futuro (Raffaello Cortina Editore 2001), l'opera in più volumi Il metodo (Raffaello Cortina Editore 2001-), Pro e contro Marx (Erickson 2010).

Stéphane Hessel è nato a berlino nel 1917 da una famiglia ebrea (il padre fu il traduttore tedesco di Proust, mentre la madre fu il personaggio che ispirò Henri-Pierre Roché e François Truffaut per la celebre Catherine di Jules e Jim), ed è cresciuto nella Francia degli anni Trenta. Ha partecipato alla Resistenza francese e dopo la guerra ha lavorato al Segretariato generale dell'Onu. È stato uno dei principali redattori della Dichiarazione universale dei Diritti dell'uomo. I suoi libri hanno riscosso un notevole successo anche al di fuori della Francia, in particolar modo Indignatevi! (Add editore 2011), cui sono seguiti Danza con il secolo (Add editore 2011), Impegnatevi! (con Gilles Vanderpooten, Salani 2011), Dalla parte giusta (Bur 2011).

"Una nuova resistenza per la rinascita dell’Europa"

autore:
Stéphane Hessel,Edgar Morin
collana: Reverse
dettagli: 64 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Il cammino della speranza

"Una nuova resistenza per la rinascita dell’Europa"

autore:
Stéphane Hessel,Edgar Morin
collana: Reverse
dettagli: 64 pagine
prezzo: 6,90 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Il cammino della speranza"
(di Stéphane Hessel,Edgar Morin)



«Cari concittadini, il nostro proposito è di denunciare il corso perverso di una politica cieca che ci sta conducendo al disastro. Di tracciare una via politica che porti al benessere della collettività. Di annunciare una nuova speranza.»
Stéphane Hessel & Edgar Morin




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 
 (3)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Hayden:
Etica della politica, etica degli affari. Cosa quantomai scomparsa dalla nostra vita. Ogni giorno ne abbiamo conferma osservando disgustati il "teatrino" della politica; e altrettanto disgustati apprendiamo il marcio che sta ai vertici delle "poltrone" degli apparati finanziari che reggono il potere economico. Da leggere.

Iceman:
Un libro che si lascia leggere tutto d'un fiato. Leggero ma allo stesso tempo serissimo, sorprende positivamente per il contenuto che mette alla prova tutti i giovani d'oggi. Un grido di battaglia: ragazzi sveglia, e tutti fuori a fare la Rivoluzione!!!

Robadaricchi:
Basta con gli interessi personali, l'egoismo e l'appiattirsi a queste logiche imperanti. Oggi occorre la Rivoluzione! Ma chi scrive queste cose? Un giovane? No. E' opera di due novantenni, che danno la "paga" a molti giovani. Sveglia ragazzi, e fuori a correre nelle strade per "cambiare il mondo"...o almeno provarci.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Il cammino della speranza

Stéphane Hessel,Edgar Morin

«Cari concittadini, il nostro proposito è di denunciare il corso perverso di una politica cieca che ci sta conducendo al disastro. Di tracciare una via politica che porti al benessere della collettività. Di annunciare una nuova speranza.»
Stéphane Hessel & Edgar Morin