Dalla parte del torto

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Dalla parte del torto"
(di Tomaso Montanari)

«Da un pezzo me ne sono accorto. / La ragione è sempre /
dalla parte del torto» ha scritto Giorgio Caproni.
Ebbene, non possiamo aspettare:
è questo il tempo per ricostruire dalla parte nostra.
Dalla parte del torto. Non abbiamo ancora una parola migliore
di “sinistra” per indicarla, questa nostra parte.
Quella per cui parteggiare, per cui essere partigiani.
La parte nostra: quella della giustizia.»
Tomaso Montanari

Il pamphlet rivolto al partito che non vota
e a tutti quelli che “non ci stanno”
di uno degli artefici della vittoria del No
al referendum sulla Costituzione.
Per invertire la rotta e ritrovare le ragioni
di credere e di lottare
per un mondo più giusto.


«Non possiamo continuare a vivere così.»

È il paradosso della nostra epoca: non si può non essere contro se si ama davvero la vita. Quanto più grande è il nostro amore per gli uomini e per le cose belle di questo mondo, tanto più grande è il desiderio di cambiarlo, il mondo. Perché questo «sistema sociale ed economico» non è più compatibile con i di¬ritti umani. Con l’esistenza stessa dell’uomo su questo pianeta.
Ci vuole il coraggio di vederlo, e di dirlo. Un coraggio che avevamo, e che abbiamo per¬duto quando ci siamo fatti convincere che diventare adulti significa accettare il mondo così com’è.
Il piccolo libro che state per leggere è l’invi¬to a una ribellione intellettuale ed emotiva: un invito a liberare la parte di noi che è ri-masta fedele alle aspirazioni, alle convinzio¬ni, all’etica di quando eravamo bambini.
L’obiettivo di una sinistra che voglia cam¬biare il mondo non è il potere sulla società, ma il potere nella società: il potere, dato a tutte e tutti, di salvare la propria vita dal do¬minio del mercato. Il potere nei luoghi di lavoro, nelle lotte per le donne, per la difesa dell’ambiente, il potere della conoscenza e del pensiero critico aperto a tutti.

Tomaso Montanari (Firenze, 1971) ha studiato alla Normale di Pisa. È ordinario di Storia dell’arte moderna presso l’Università per Stranieri di Siena, dopo aver insegnato a Roma Tor Vergata e alla Federico II di Napoli.
Scrive su «il Fatto Quotidiano», «il venerdì di Repubblica», «Altreconomia», «MicroMega». Ha curato trasmissioni televisive per Rai 5 e per Loft. Ha ricevuto il Premio Bassani di Italia Nostra per il giornalismo in difesa del patrimonio culturale e per la stessa ragione è stato nominato commendatore dal presidente della Repubblica. È stato presidente di Libertà e Giustizia.
È sua la voce più radicale che in questi anni si è levata contro l’asservimento del patrimonio culturale alla logica del mercato e della disumanizzazione. La sua battaglia per la cultura e l’ambiente è una battaglia per il pieno sviluppo della persona umana, per l’attuazione del rivoluzionario progetto della nostra Costituzione. Una voce a sinistra: in direzione ostinata e contraria.
Tra i suoi libri: «L’ora d’arte» (Einaudi 2019); «Costituzione italiana. Articolo 9» (Carocci 2018); «Cassandra muta. Intellettuali e potere nell’Italia senza verità» (Edizioni Gruppo Abele 2017); «La libertà di Bernini. La sovranità dell’artista e le regole del potere» (Einaudi 2016); «Privati del patrimonio» (Einaudi 2015); «Le pietre e il popolo. Restituire ai cittadini l’arte e la storia delle città italiane» (minimum fax 2013); «A cosa serve Michelangelo?» (Einaudi 2011).

"Per la sinistra che non c'è"

autore:
Tomaso Montanari
collana: Reverse
dettagli: 160
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Dalla parte del torto

"Per la sinistra che non c'è"

autore:
Tomaso Montanari
collana: Reverse
dettagli: 160
prezzo: 15 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Dalla parte del torto"
(di Tomaso Montanari)



"Dalla parte del torto. Non abbiamo ancora una parola migliore di 'sinistra' per indicarla, questa nostra parte. Quella per cui parteggiare, per cui essere partigiani. La parte nostra: quella della giustizia."




Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da Dalla parte del torto

Tomaso Montanari

"Dalla parte del torto. Non abbiamo ancora una parola migliore di 'sinistra' per indicarla, questa nostra parte. Quella per cui parteggiare, per cui essere partigiani. La parte nostra: quella della giustizia."