Contro gli abusi delle banche

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Contro gli abusi delle banche"
(di Mario Bortoletto)

DOPO QUATTRO RISARCIMENTI PER MIGLIAIA DI EURO PAGATI INGIUSTAMENTE, IN QUESTO LIBRO MARIO BORTOLETTO RACCONTA TUTTI GLI ABUSI DELLE BANCHE SUI CORRENTISTI E CO ME È POSSIBILE SCOPRIRLI , PASSANDO DA DEBITORI A CREDITORI .

“BUONGIORNO BORTOLETTO, ABBIAMO MESSO IN PRATICA I SUOI PREZIOSI CONSIGLI. LA BANCA HA RISPOSTO: ‘QUANTO VOLETE PER CHIUDERE E RITIRARE LA DENUNCIA?’. NON HO PAROLE PER RINGRAZIARLA.” FRANCESCA, CORRENTISTA E GIOVANE IMPRENDITRICE DELLA PROVINCIA DI UDINE

CONTI DELLE BANCHE SONO SBAGLIATI e le banche lo sanno. Mario Bortoletto ha aperto un mondo finora sconosciuto. È riuscito per ben quattro volte a passare DA DEBITORE A CREDITORE di diversi colossi bancari nazionali. L’ULTIMA VERIFICA sui suoi conti correnti ha smascherato circa 300.000 euro pagati ingiustamente. Qui non sono in ballo solo reati (pesanti!), irregolarità e furberie. Qui sono in ballo I SOLDI DEI CORRENTISTI. Sono milioni le persone in Italia che hanno problemi con gli istituti di credito. Le banche le chiamano SOFFERENZE, cioè soldi che non riescono a recuperare. MA QUANTI DI QUESTI CREDITI SONO VERI? BORTOLETTO e con lui centinaia di correntisti che hanno seguito i suoi consigli raccontano tutti i GIOCHI SPORCHI SU CONTI CORRENTI, PRESTITI E MUTUI (sono circa 40 milioni i conti correnti in Italia, miliardi di guadagni solo per la gestione, anche se in attivo). Intanto le banche ricevono prestiti dalla Banca centrale europea allo 0,15 per cento. E praticano ai CORRENTISTI tassi esagerati, costi e commissioni ben nascosti negli estratti conto. GLI ABUSI CONTINUANO. Allora BEN VENUTA la dedica che apre questo libro: “A tutti coloro che hanno deciso di rialzare la testa e mi hanno detto GRAZIE, NE VALEVA LA PENA!”.

Mario Bortoletto è un imprenditore edile di Vigonza (Padova). Nel 2004 il suo lavoro subisce i primi effetti della crisi economica. Le banche cominciano a chiedergli di rientrare. Nel 2008 Bortoletto decide di passare al contrattacco. Ha ottenuto a oggi quattro vittorie e risarcimenti per somme pagate ingiustamente. Nel 2014 ha pubblicato LA RIVOLTA DEL CORRENTISTA (più volte ristampato, ora disponibile in edizione tascabile). Nel 2015 ha fondato un movimento contro gli abusi delle banche. Il suo sito è www.mariobortolettousurabancaria.it. Il suo indirizzo email è mariobortoletto@gmail.com. Completa il libro LA POSTFAZIONE DI GIANNI DRAGONI, giornalista de “Il Sole 24 Ore” e collaboratore della trasmissione “Servizio Pubblico” di Michele Santoro. Tra i suoi libri ricordiamo LA PAGA DEI PADRONI (con Giorgio Meletti, 2008), sugli stipendi di manager e banchieri, e BANCHIERI & COMPARI (2012), pubblicati da Chiarelettere.

"Mutui, prestiti,conti correnti. Come difendersi"

autore:
Mario Bortoletto
collana: Reverse
dettagli: 144 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Contro gli abusi delle banche

"Mutui, prestiti,conti correnti. Come difendersi"

autore:
Mario Bortoletto
collana: Reverse
dettagli: 144 pagine
prezzo: 13 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Contro gli abusi delle banche"
(di Mario Bortoletto)



“I bilanci delle banche non tengono per nulla in considerazione il tema dei contenziosi in corso, quelli di cui questo libro racconta. Solo Unicredit risulta aver messo a bilancio un passivo di 17 miliardi di euro per cautelarsi da brutte sorprese… E gli altri?”
“Imprenditori, impiegati, artigiani, commercianti… figli di una politica che è finalizzata sempre di più al guadagno di pochi.”
Papa Francesco riguardo al suicidio di un imprenditore vessato dalle banche.
“La banca ha tutto il vantaggio a chiudere rapidamente la questione senza riportare troppi danni reputazionali. Ma non accettare un centesimo in meno di quello che ti spetta.”
Mario Bortoletto a una correntista.
“ Oggi è possibile diventare creditori e non più debitori degli istituti di credito. Questo libro può essere letto anche come un piccolo e agguerrito manuale di autodifesa contro gli abusi.”
“Circa il 50 per cento dei rapporti bancari ha delle problematiche rivendicabili.”
“Dottore, ci legge? Voi mi avete derubato di migliaia di euro. Ora li voglio indietro.”
Una correntista e imprenditrice di Genova al direttore di banca. Dopo la sentenza del tribunale la signora si reca in istituto con l’ufficiale giudiziario reclamando il pagamento. Riceverà quattro assegni per la somma di 798.000 euro.




Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da Contro gli abusi delle banche

Mario Bortoletto

“Dottore, ci legge? Voi mi avete derubato di migliaia di euro. Ora li voglio indietro.”
Una correntista e imprenditrice di Genova al direttore di banca. Dopo la sentenza del tribunale la signora si reca in istituto con l’ufficiale giudiziario reclamando il pagamento. Riceverà quattro assegni per la somma di 798.000 euro.