Chi sbaglia paga

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Chi sbaglia paga"
(di Sergio Abis)

«Il problema non è tenere i detenuti
dentro il carcere ma tenerli fuori, e come.»
Gherardo Colombo
«Oggi il carcere è fondamentalmente stupido.
Non serve a niente e costa
un enorme ammontare di denaro…
Un carcere utile e logico è possibile.»
Don Ettore Cannavera,
fondatore della Comunità La Collina

Smettere di delinquere si può. Chi sbaglia paga descrive la straordinaria esperienza di un carcere alternativo, la Comunità La Collina di Serdiana (Sardegna), fondata nel 1994 da don Ettore Cannavera: un carcere utile, umano e logico in contrapposizione a una galera segregativa, illogica e inutile (il 70 per cento dei detenuti ritorna in prigione commettendo nuovi reati).
Il libro, attraverso le lettere di chi vive la segregazione forzata, esamina la vita di carcerazione della massa di drogati, disadattati, extracomunitari, psicolabili, assassini stipati nelle case circondariali, evidenziando lo stato di sostanziale disordine e l’illegalità cui sono costretti, motivo per il quale la rieducazione risulta impossibile. Il contrario di quanto invece avviene a Serdiana che, come racconta Abis, propone un modello di vita di lavoro e legalità orientata alla rieducazione, secondo quanto stabilito dalla Costituzione, in cui è favorita la relazione con il prossimo sotto il costante controllo di educatori professionisti. I risultati ottenuti dalla Comunità in venticinque anni di esperienza (4 per cento di recidiva) dimostrano che è possibile assicurare la giustizia ai cittadini, garantendo la certezza della pena, e rieducare senza sconti i colpevoli di delitti anche gravi, riammettendoli alla fine del percorso detentivo all’interno della società come elementi consapevoli e capaci di comportamento conforme alla legge, dunque senza compromettere la sicurezza collettiva.
La Comunità La Collina è un carcere alternativo che ospita detenuti affidati dalle diverse magistrature competenti; è stata fondata nel 1994 da don Ettore Cannavera. Riconosciuta la sua validità pedagogica, nel 2019 il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha insignito il fondatore – e per suo tramite i collaboratori, operatori e volontari che si occupano dei detenuti – del titolo di commendatore al merito della Repubblica «per la preziosa opera di sostegno a persone in condizioni di marginalità e in particolare a giovani e minori coinvolti in percorsi di reinserimento sociale».
Sergio Abis (Cagliari 1953), laureato in Fisica, si è dedicato alla ricerca applicata e allo sviluppo di nuove tecnologie nell’ambito dei materiali strutturali e funzionali non ferrosi. Ha lavorato principalmente nel Nord Italia, con aziende italiane e multinazionali. È titolare di numerose pubblicazioni in riviste scientifiche e tecniche, e detentore di svariati brevetti. Appena compiuti i sessant’anni, incensurato, ha commesso un grave reato per il quale (reo confesso, costituitosi) è stato incarcerato, visitando suo malgrado due case circondariali, Cagliari e Busto Arsizio, quest’ultima nota per la condanna da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo. Durante la segregazione è entrato in contatto con la Comunità La Collina, di cui è stato ospite a fine pena per la stesura di questo libro.

"Certezza della pena e della rieducazione. La voce dei detenuti e l’esperienza di un carcere alternativo"

autore:
Sergio Abis
prefazione di: Gherardo Colombo
collana: Reverse
dettagli: 240
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Chi sbaglia paga

"Certezza della pena e della rieducazione. La voce dei detenuti e l’esperienza di un carcere alternativo"

autore:
Sergio Abis
prefazione di: Gherardo Colombo
collana: Reverse
dettagli: 240
prezzo: 16,90 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Chi sbaglia paga"
(di Sergio Abis)



«Il problema non è tenere i detenuti
dentro il carcere ma tenerli fuori, e come.»
Gherardo Colombo
«Oggi il carcere è fondamentalmente stupido.
Non serve a niente e costa
un enorme ammontare di denaro…
Un carcere utile e logico è possibile.»
Don Ettore Cannavera,
fondatore della Comunità La Collina





Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da Chi sbaglia paga

Sergio Abis

«Il problema non è tenere i detenuti
dentro il carcere ma tenerli fuori, e come.»
Gherardo Colombo
«Oggi il carcere è fondamentalmente stupido.
Non serve a niente e costa
un enorme ammontare di denaro…
Un carcere utile e logico è possibile.»
Don Ettore Cannavera,
fondatore della Comunità La Collina