Cent'anni di fraternità


Arturo Paoli presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Cent'anni di fraternità"
(di Arturo Paoli)

“L’io umano si rivela nella fraternità.”
Emmanuel Lévinas

“Arturo Paoli scrive per chiunque si affacci su quel vuoto che prelude a ogni cambiamento profondo.”
Benedetta Tobagi, “la Repubblica”


Arturo Paoli compone queste pagine come un diario notturno. Un diario scritto con la grafia incerta del centenario, ma con la mente lucida e il cuore aperto dell’uomo sapiente che ribalta le nostre più comuni convinzioni rispetto al mondo in cui viviamo e alla vita religiosa. Le urgenze del presente, la necessità di una riforma radicale della Chiesa, i ricordi dell’Argentina, dove Paoli visse a lungo e da dove fuggì perché condannato a morte dalla dittatura militare, la critica assoluta dell’egoismo e del dio denaro… Cent’anni di fraternità è un libro sorprendente e straordinariamente pieno di vita. Per Paoli vivere religiosamente è farsi «uomo per gli altri», secondo il modello di Gesù di Nazareth. Ed è la necessaria conseguenza che scaturisce dall’incontro con la profondità del proprio essere, dalla «pazienza del nulla»: CENT’ANNI DI FRATERNITÀ rappresenta oggi il completamento di quel racconto, dalla solitudine totale a una vita completamente dedicata al prossimo, in ogni angolo del mondo in cui questo straordinario testimone del nostro tempo ha vissuto e continua a vivere.


Arturo Paoli, classe 1912, nel novembre scorso ha compiuto cento anni. Uno straordinario testimone del cristianesimo. Una voce unica in Italia. Il suo libro Dialogo della liberazione è una delle matrici del movimento nato in Sudamerica e conosciuto in tutto il mondo con il nome di Teologia della liberazione. Viceassistente nazionale della Gioventù dell’Azione cattolica, poi cappellano sulle navi degli emigranti italiani in Argentina, Piccolo fratello di Charles de Foucauld (l’eremita francese che morì solitario nel deserto di Algeria), per quarantacinque anni in America Latina: Argentina, Venezuela, Brasile e molti altri Stati sudamericani. Giusto tra le Nazioni (1999) per aver difeso e protetto centinaia di ebrei durante la Seconda guerra mondiale, per la stessa ragione nel 2006 ha ricevuto la Medaglia d’oro al valore civile dall’allora presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

"La memoria e lo spirito di un centenario che non ha smesso di credere nell’uomo"

autore:
Arturo Paoli
postfazione di: Adolfo Pérez Esquivel
collana: Reverse
dettagli: 176 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Cent'anni di fraternità

"La memoria e lo spirito di un centenario che non ha smesso di credere nell’uomo"

autore:
Arturo Paoli
collana: Reverse
dettagli: 176 pagine
prezzo: 12,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Cent'anni di fraternità"
(di Arturo Paoli)



“Arturo Paoli scrive per chiunque si affacci su quel vuoto che prelude a ogni cambiamento profondo.”
Benedetta Tobagi, “la Repubblica”
“Ci sono vite che faticano a stare persino dentro ai cent’anni, tanto sono stipate di storie ed eventi. Quella di Arturo Paoli, un italiano di cui s’è perso lo stampo, è ignota ai più. Eppure è un ‘confesso che ho vissuto’ come ce ne sono pochi, coerente ed emozionante.”
Cesare Fiumi, “Corriere della Sera”
“Non bisogna avere fede per sentire l’onda d’urto sollevata dalle parole di Arturo Paoli. Cent’anni spesi ad aiutare giovani, minatori, prostitute, perseguitati politici, scarti umani del mondo consumista.”
Stefania Berbenni, “Panorama”




Le vostre recensioni 1 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Liliana La Ricca:
Si legge d'un fiato. La prima parte è sempre attualissima; la seconda è la sintesi di una vita bella, piena, che ancora continua con una freschezza, con una intensità, con una gioia... Arturo è così anche quando lo incontri: bello, esigente e intransigente, ma bello. Ti fa sentire un verme e al tempo stesso ti infonde coraggio, ti fa sentire accolto e amato. Leggerlo, e ancora di più conoscerlo, è veramente un grande dono di Dio.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Cent'anni di fraternità

Arturo Paoli

“Non bisogna avere fede per sentire l’onda d’urto sollevata dalle parole di Arturo Paoli. Cent’anni spesi ad aiutare giovani, minatori, prostitute, perseguitati politici, scarti umani del mondo consumista.”
Stefania Berbenni, “Panorama”