Avanti tutta


Simone Perotti presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Avanti tutta"
(di Simone Perotti)

"Faranno insorgere bisogni mai sentiti prima. Chi non ha l'automobile l'avrà... daremo anche un televisore a ciascuno, due frigoriferi... il rasoio elettrico... a tutti. Purché lavorino, purché siano pronti a scarpinare... a tafanrsi l'un con l'altro. Io mi oppongo"
Luciano Bianciardi, 1962

Dunque si può fare. La scelta del downshifting raccontata in "Adesso basta" (10 edizioni) si è rivelata percorribile. "Ho tempo per cucinare, per studiare, per scrivere, navigare, perdere tempo..." scrive Simone Perotti in questo nuovo libro, che è un pamphlet sul cambiamento alle porte, su un nuovo ordine esistenziale e sociale.

Contro la paura. Scoprire che si può vivere con poco, fuori dallo schema "lavoro guadagno spendo", in un momento di grave crisi economica, può essere un sollievo personale, ma anche un progetto "politico", da condividere.

Suffragato dall'esperienza in azienda e dagli anni trascorsi nella libertà, Simone Perotti racconta "come si vive fuori", le sue scoperte (buone e cattive), e sfata gli stereotipi placando gli animi dei tifosi e contrastando una a una le obiezioni dei più critici.

Dall'analisi degli 80.000 messaggi ricevuti, l'autore ricava la prima classificazione dei downshifter italiani (i Convinti, gli Arrabbiati, gli Impegnati, gli Antitaliani, gli Accoppiati, i Sorpresi...) e una mappa generazionale delle loro paure: l'identikit dell'uomo contemporaneo in rivolta.

La lotta di classe sembra finita. Forse è incominciata la lotta per la vera liberazione.

"Contro la follia delle aziende e l'inerzia dei lavoratori"

autore:
Simone Perotti
collana: Reverse
dettagli: 224 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Avanti tutta

"Contro la follia delle aziende e l'inerzia dei lavoratori"

autore:
Simone Perotti
collana: Reverse
dettagli: 224 pagine
prezzo: 14 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Avanti tutta"
(di Simone Perotti)



"Cento lamenti non fanno una proposta."
"Io vivo con circa 800 euro al mese, e posso abbassare ancora di più questa soglia."
"La paura è dunque l'unica moneta della nostra epoca? Paghiamo in questa valuta quasi ogni scelta della nostra esistenza, soprattutto quando si tratta di cambiare. Il messaggio è: se resti dentro sopravvivi, se esci muori."
"Non ho detto nulla di come si vive bene 'qui fuori'. L'ho dato per scontato. Ma non lo è. È meraviglioso."
"Se per le strade di una democrazia circolano migliaia di coraggiosi che intendono cambiare radicalmente la propria esistenza senza troppa paura delle consuetudini, può succedere di tutto."
"Una delle cose che sappiamo fare di meno è perdere tempo. Perdere tempo è una delle cose più belle del mondo, soprattutto per chi non l'ha mai perduto."
"Una speranza c'è: emanciparsi come singoli individui."
"Occorre fondare un'agenzia che aiuti le persone a scollocarsi, cioè a uscire dalla collocazione che hanno, sia sul lavoro sia nella società."




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 
 (2)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Maria Ranieri:
Questo libro è stato una folgorazione. Un inno a riappropriarsi della vita, sfuggendo dagli schemi che la società ci impone. Non ho il coraggio, almeno adesso, di un cambiamento radicale. Ma so che la lettura del testo di Perotti mi ha costretta a riflettere e a rimettere in discussione tante cose che consideravo scontate

Loretta G8:
Letto in 10 ore. Veloce, quasi un prontuario insiemne ad Adesso basta per chi volesse fare downshifting. Una sola paura. Non si torna indietro...

Giovanna Giolla (http://www.tranquilla.it):
Questo libro non merita una recensione, merita di essere letto. Io potrei fare un sunto, dire cosa mi è piaciuto di più, esporre il mio ego al fine di rimanipolare il testo e farlo mio. Ma ciò non ha senso. Qui si parla di realtà. Questo libro va letto, perché c’è qualcosa di vitale da capire, e della vita non si capisce quasi mai nulla. Qui si capisce qualcosa di quella vita pratica e spirituale di tutti i giorni. Non è solo un manuale o un saggio. Sono dei consigli quasi amorosi da parte di un autore che sa come vanno le cose, conosce lo stato di schiavitù pratica e psicologica dell’individuo contemporaneo ed è riuscito a liberarsi alla grande. C’è però una cosa che non posso dire ed è quella di essere d’accordo con le teorie di questo libro, nel senso che per il momento non posso e non voglio abbracciarle. Non vorrei spezzare le mie abitudini. Ma questo libro mi ha regalato un immenso momento d’immaginazione, dove la mia esistenza da tipica e omologata schiava dei consumi, delle certezze e delle paure cambiava radicalmente. Perciò se avessi qui l’autore, lo abbraccerei perché mi ha fatto pensare a qualcosa, per me lo ripeto d’irrealizzabile, che però rimane scolpita nel mio cervello: come una remota, ma possibile e soprattutto concreta alternativa. Conserverò questo testo, perché mi dà conferma tangibile che oltre al pensiero unico, esiste qualcuno che scrive con umanità. Nella fiction e molto più facile, ma in un libro dove si parla della vita e di come affrontarla e di come cambiarla nella sua praticità e nei suoi enigmi è raro trovare saggezza e umiltà. Giovanna Giolla, scrittrice


un pretesto per leggerlo
Tratto da Avanti tutta

Simone Perotti

"Occorre fondare un'agenzia che aiuti le persone a scollocarsi, cioè a uscire dalla collocazione che hanno, sia sul lavoro sia nella società."