Il Peggiore


Giuseppe Salvaggiulo presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Il Peggiore"
(di Giuseppe Salvaggiulo)

“L’opinione del popolo è la base del nostro governo.”
Thomas Jefferson

“I comunisti ci sono, ci sono, si sono imborghesiti. Indossano capi firmati, scarpe fatte su misura. Pasteggiano a caviale e champagne. Una volta andavano nelle Case del popolo, adesso frequentano i salotti più chic...”
Silvio Berlusconi, 2011

La peculiare parabola di Massimo D’Alema -- biografica, psicologica, politica -- disvela il senso profondo della crisi che ha colpito la sinistra italiana.
Ha teorizzato il primato della politica e l’ha ridotta a puro tatticismo; voleva sbaragliare Berlusconi e lo ha fatto arricchire; idolatrava il partito e lo ha distrutto; ha partorito l’Ulivo e l’ha ammazzato in culla (“Prodi non capisce un cazzo di politica”); si proclama erede di Berlinguer ma si circonda di affaristi, coltivando passioni non certo popolari (le scarpe fatte a mano, Sankt Moritz, la barca a vela, gli chef stellati, gli abiti firmati).
Ecco la storia di un uomo che spiega perché oggi la sinistra scambia la richiesta di politica per antipolitica, ritrovandosi senza più una storia e senza una nuova identità.


Giuseppe Salvaggiulo è giornalista del quotidiano “La Stampa”. Oltre al libro LA COLATA. IL PARTITO DEL CEMENTO CHE STA CANCELLANDO L’ITALIA E IL SUO FUTURO (Chiarelettere 2010), ha scritto FLOP. BREVE MA VERIDICA STORIA DEL PARTITO DEMOCRATICO (Aliberti Castelvecchi 2009).

"I protagonisti dell’antipolitica, serie a cura di Pino Corrias. Ascesa e caduta di Massimo D'Alema e della sinistra italiana"

autore:
Giuseppe Salvaggiulo
collana: Reverse - I protagonisti dell'antipolitica
dettagli: 256 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Il Peggiore

"I protagonisti dell’antipolitica, serie a cura di Pino Corrias. Ascesa e caduta di Massimo D'Alema e della sinistra italiana"

autore:
Giuseppe Salvaggiulo
collana: Reverse - I protagonisti dell'antipolitica
dettagli: 256 pagine
prezzo: 13,90 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Il Peggiore"
(di Giuseppe Salvaggiulo)



“La testa più pensante della sinistra, e anche della destra.”
Roberto Gervaso.
“Perché comprare i giornali? È un segno di civiltà lasciarli in edicola.”
Intervista rilasciata da Massimo D’Alema a «Prima Comunicazione», 1995.
“Voi de ‘il Fatto’ siete tecnicamente fascisti...”
Massimo D’Alema a Luca Telese, 2011.
“ Prodi e Veltroni sono due flaccidi imbroglioni”, “Veltroni è un ragazzotto, Prodi non capisce un cazzo di politica”, “La Lega è una costola della sinistra”, “Capotavola è dove mi siedo io”, “La sinistra è una disgrazia che solo la destra rende accettabile”, “Tremonti è stato come Picasso: ha inventato la finanza creativa”, “Brunetta è un energumeno tascabile”, “Dove si vende l’agenda Monti?”, “Il Pd è un amalgama mal riuscito.”
“Berlusconi è veramente un uomo simpatico, di straordinaria simpatia.” “È una frase che sottoporrei a una seria revisione critica.”
Massimo D’Alema, 2000 e 2011.
“Berlusconi era ed è ineleggibile.”
Festa dell’Unità, Bologna, 2000.
“Ci sono tre luoghi comuni: è intelligente, ha i baffi, ha la barca.”
Roberto Benigni su Massimo D’Alema.
“D’Alema è una specie di re Mida: tutto quello che tocca diventa oro. Per Berlusconi.”
Marco Travaglio.
“D’Alema e Berlusconi si imitano a vicenda.”
Valentino Parlato, «Corriere della Sera», 2000.
“Io non conosco questa cosa, questa politica che viene fatta dai cittadini e non dalla politica.”
Massimo D’Alema, discorso del 9 marzo 1997 al seminario dell’Ulivo nel Castello di Gargonza.




Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 
 (2)
4 stelle
 
 (2)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Antonello Tanteri:
Bellissimo l'ho letto tutto d'un fiato sotto l'ombrellone

Matteo F.:
Una buona biografia politica del personaggio D'Alema attraverso l'analisi (forse un po' troppo stringata) degli aspetti più controversi (rapporti con la società civile, con Berlusconi, coi soldi, coi giornalisti etc) del politico di sinistra più odiato dalla sua parte e amato dalla destra. Un resoconto talmente spietato nel mettere in luce i difetti e gli errori di D'Alema da farlo risultare in alcuni casi quasi simpatico

Filippo tancredi:
Lettura difficile come il protagonista del resto. Intrigante

Chiara Sorani:
Appena preso già letta una buona metà.. scrittura graffiante e scorrevole, molti dettagli che non conoscevo. Il migliore sul tema


un pretesto per leggerlo
Tratto da Il Peggiore

Giuseppe Salvaggiulo

“Io non conosco questa cosa, questa politica che viene fatta dai cittadini e non dalla politica.”
Massimo D’Alema, discorso del 9 marzo 1997 al seminario dell’Ulivo nel Castello di Gargonza.