Wojtyla segreto


Ferruccio Pinotti presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Wojtyla segreto"
(di Giacomo Galeazzi,Ferruccio Pinotti)

"È MIO DOVERE ELENCARE I GRAVI DUBBI CHE NON SI POSSONO TACERE... MI RENDO CONTO CHE ALCUNE MIE AFFERMAZIONI SEMBRERANNO INAUDITE. L'ANSIA CON CUI MOLTI AMBIENTI LAVORANO ALLA BEATIFICAZIONE HA POCO DI EVANGELICO. CHIEDO CHE WOJTYLA SIA LASCIATO AL GIUDIZIO DELLA STORIA." Dalla deposizione giurata di Giovanni Franzoni, teologo, nel corso del processo di beatificazione di Karol Wojtyla, 7 marzo 2007

Guardiamo ai fatti. Questo libro, scritto dal vaticanista de "La Stampa" Giacomo Galeazzi e dal giornalista d'inchiesta Ferruccio Pinotti, ricostruisce la storia di Karol Wojtyla e si propone come un appello documentato contro la beatificazione. A uso di credenti e non credenti. Proviamo a mettere da parte i miracoli, veri o presunti. Proviamo a non guardare solo allo straordinario carisma di trascinatore di folle che ha lasciato tutti profondamente ammirati. Gli anni di Cracovia, i primi sponsor politici all'interno della Chiesa, le amicizie scomode (il vescovo americano Marcinkus, il vescovo cecoslovacco Hnilica - entrato anche nella vicenda della morte del banchiere dell'Ambrosiano Roberto Calvi -, il consigliere della sicurezza americano Brzeziński), la pioggia di soldi al sindacato polacco Solidarność. WOJTYLA SEGRETO fotografa anche una serie di personaggi da romanzo criminale: Sindona, Gelli, Pippo Calò, Flavio Carboni, Francesco Pazienza.

Questa controinchiesta raccoglie molte voci critiche anche interne al Vaticano, ostili alla beatificazione ma di fatto mai davvero ascoltate. Resta il dubbio di una decisione politica. E l'amarezza per i tanti vescovi che hanno combattuto contro regimi feroci, come Wojtyla contro il comunismo, giocandosi la vita. Nel libro si ricorda tra gli altri Oscar Romero, vescovo di San Salvador, trucidato mentre celebrava una messa. Anche lui possibile santo, ma c'è chi si oppone alla sua beatificazione. Cardinali per lo più vicini a Wojtyla e al suo successore Joseph Ratzinger. La fazione vincente. Oggi in gioco c'è il futuro della Chiesa: da una parte il potere dall'altra il messaggio di Cristo. I fatti dimostrano che con la beatificazione lampo di Wojtyla la Chiesa celebra soprattutto la sua ossessione secolare per il potere.

Con una PREFAZIONE di monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo e presidente Cei per l'immigrazione.

Giacomo Galeazzi è vaticanista de "La Stampa". Tra i suoi libri ricordiamo L'ULTIMO PROFETA, BIOGRAFIA DI KAROL WOJTYLA (Spedalgraf 2005) e KAROL E WANDA, GIOVANNI PAOLO II E WANDA POLTAWSKA, STORIA DI UN'AMICIZIA DURATA TUTTA LA VITA (con FrancescoGrignetti, Sperling & Kupfer 2010).

Ferruccio Pinotti, giornalista e scrittore, è autore di molti libri di successo tra i quali ricordiamo POTERI FORTI (Bur 2005); OPUS DEI SEGRETA (Bur 2006); FRATELLI D'ITALIA (Bur 2007); COLLETTI SPORCHI (con Luca Tescaroli, Bur 2008); L'UNTO DEL SIGNORE (con Udo Gümpel, Bur 2009). Per Chiarelettere ha pubblicato LA LOBBY DI DIO (2010), un'inchiesta su Comunione e Liberazione e la Compagnia delle Opere.

"La prima controinchiesta su Giovanni Paolo II"

autore:
Giacomo Galeazzi,Ferruccio Pinotti
prefazione di: Mogavero Monsignor Domenico
collana: Principio attivo
dettagli: 352 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Wojtyla segreto

"La prima controinchiesta su Giovanni Paolo II"

autore:
Giacomo Galeazzi,Ferruccio Pinotti
prefazione di: Mogavero Monsignor Domenico
collana: Principio attivo
dettagli: 352 pagine
prezzo: 16,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Wojtyla segreto"
(di Giacomo Galeazzi,Ferruccio Pinotti)



"Wojtyla voleva distruggere il comunismo... Per farlo aveva bisogno di soldi. Così Marcinkus teneva in pugno il papa."
Clara Canetti Calvi, moglie del banchiere Roberto Calvi, 2003.
- Non conosco nessuno.
- Io li conosco tutti.
Scambio di battute tra l'arcivescovo di Varsavia cardinale Wyszyński e l'arcivescovo di Cracovia cardinale Wojtyla durante le riunioni di consultazione precedenti alla elezione pontificia.
"Gli avversari esterni lo sappiamo chi sono ma quelli interni alla Chiesa, Lei, Santità, li conosce? Io credo di no... C'è una sola speranza per salvare la spaventosa situazione che mi vede coinvolto... Lei è l'ultima speranza."
Dalla lettera di Roberto Calvi, presidente del Banco ambrosiano, a papa Giovanni Paolo II, 5 giugno 1982. Tredici giorni dopo Calvi sara trovato a Londra, impiccato sotto il ponte dei Frati neri.
"La Chiesa non è una democrazia."
Karol Wojtyla, ottobre 1997.
"Nel settembre 1980 Calvi mi confidò di essere preoccupato perché doveva pagare una somma di 80 milioni di dollari al movimento Solidarność, e aveva solo una settimana per versare il denaro."
Licio Gelli.
"Questo processo sta procedendo troppo in fretta. La santità non ha bisogno di corsie preferenziali."
Cardinale Godfried Danneels, ex arcivescovo di Malines-Bruxelles e primate del Belgio, 18 dicembre 2009.
"Senza Wojtyla non si può comprendere ciò che è avvenuto in Europa negli anni Ottanta."
Mikhail Gorbaciov.
"Una figura così alta e ispirata come quella di Giovanni Paolo II non può essere socia in affari con Licio Gelli, Michele Sindona e con le società panamensi di Roberto Calvi."
Eugenio Scalfari, «la Repubblica» 22 gennaio 1982.




Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (2)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 
 (1)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


lot:
ben fatto : il medioevo è finito da un pezo!

Laura Morosini:
Mi è piaciuto molto. i tempi ristrettissimi per la beatificazione fanno sospettare che in effetti sia una decisione autoreferenziale. E poi, mi pare del tutto fuori luogo la mercificazione della fede che si fa nei luoghi di culto, che dovrebbero essere sacri. Mi piacerebbe leggerne di più libri così. Grazie!

Nadia Manetti:
Era ora, mi viene da dire. Tutta questa retorica della beatificazione e della santità, strumentalizzata a livello mediatico, mi sembra esagerata e anche un po' stucchevole. Lodevole il tentativo degli autori di scrivere un libro che rappresenti una voce critica. Condivido la frase. "la beatificazione celebra l'ossessione della Chiesa per il potere"

Vannino Rossi:
L' analisi del libro è interessante. Detto questo, ritengo (e lo dimostra la folla oceanica accorsa per celebrarne la beatificazione) che le qualità espresse da Karol Wojtyla negli anni del suo pontificato siano ben superiori alle possibili critiche. Spero che la Chiesa decida presto di farlo santo.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Wojtyla segreto

Giacomo Galeazzi,Ferruccio Pinotti

"Una figura così alta e ispirata come quella di Giovanni Paolo II non può essere socia in affari con Licio Gelli, Michele Sindona e con le società panamensi di Roberto Calvi."
Eugenio Scalfari, «la Repubblica» 22 gennaio 1982.