Voglia di cambiare


Salvatore Giannella presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Voglia di cambiare"
(di Salvatore Giannella)

ELEZIONI POLITICHE 2008

"Io mi auguro che l'Italia possa finalmente diventare un paese normale... un paese in cui sia abolita la doppiezza." Dalla testimonianza di Enzo Biagi.

"E' sbagliato dire che le donne non vogliono fare figli. La verità è che non possono."
Dall'intervista a Franco Bassanini.

I trasporti record della Spagna
"I treni Ave sono talmente puntuali che le ferrovie spagnole, prime al mondo, assicurano il rimborso del 100 per cento del prezzo del biglietto per ritardi superiori ai cinque minuti."

Di lavoro in Italia si muore. In Svezia no
"In Svezia, un'operaia ha bloccato la produzione nella sua fabbrica perchè ha segnalato delle mancanze nel sistema di sicurezza" l'ispettore le ha dato ragione e la produzione è ripresa solo dopo aver sistemato la falla" Un operaio del bergamasco che ha segnalato condizioni rischiose per i lavoratori è stato accusato di mobbing e sospeso tre giorni dal lavoro, senza stipendio."

La "flessicurezza" in Danimarca
"Immaginate di poter essere licenziati con un preavviso di soli cinque giorni" da subito riceverete un'indennità di disoccupazione dell'80 per cento" E poi, entro tre mesi, l'Ufficio pubblico del lavoro preparerà un job plan su misura per voi, che vi potrà trovare non solo un nuovo lavoro, ma un buon lavoro."

Gran turismo alla francese
Francia: "La Francia è ormai stabilmente, dal 1990, prima potenza turistica mondiale" Titolo che nel 1970 spettava all'Italia.

"Seguiamo l'esempio degli altri paesi europei"

autore:
Salvatore Giannella
collana: Principio attivo
dettagli: 240 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Voglia di cambiare

"Seguiamo l'esempio degli altri paesi europei"

autore:
Salvatore Giannella
collana: Principio attivo
dettagli: 240 pagine
prezzo: 13.6 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Voglia di cambiare"
(di Salvatore Giannella)



"Immaginate di poter essere licenziati con un preavviso di soli cinque giorni... da subito riceverete un'indennità di disoccupazione dell'80 per cento... E poi, entro tre mesi, l'Ufficio pubblico del lavoro preparerà un job plan su misura per voi, che vi potrà trovare non solo un nuovo lavoro, ma un buon lavoro." La "flessicurezza" in Danimarca.
"In Svezia, un'operaia ha bloccato la produzione nella sua fabbrica perché ha segnalato delle mancanze nel sistema di sicurezza... l'ispettore le ha dato ragione e la produzione è ripresa solo dopo aver sistemato la falla... Un operaio del bergamasco che ha segnalato condizioni rischiose per i lavoratori è stato accusato di mobbing e sospeso tre giorni dal lavoro, senza stipendio."
"È sbagliato dire che le donne non vogliono fare figli. La verità è che non possono." Dall'intervista a Franco Bassanini.
"Caro Sindaco, è ora che tu cominci ad ascoltare le voci che sembrano inutili." Dai sette messaggi di Tonino Guerra al sindaco del suo paese.
"Che c'entra la ‘meglio Europa con la tangenziale nord di Torino? C'entra... Due uscite (Venaria e corso Regina), due Italie, due modi di fare le cose, farle bene e farle male." Dal restauro della reggia alla tragedia della ThyssenKrupp.
"I treni Ave sono talmente puntuali che le ferrovie spagnole, prime al mondo, assicurano il rimborso del 100 per cento del prezzo del biglietto per ritardi superiori ai cinque minuti."
"Io mi auguro che l'Italia possa finalmente diventare un paese normale... Con un giornalismo che torni a consumare la suola delle scarpe." Dalla testimonianza di Enzo Biagi.
"Non intendo abbandonare la politica, voglio tornare a farla per dire ciò che penso." Dalla lettera di dimissioni al Senato di Franca Rame.




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 
 (1)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Gianna:
Non credo che "l'erba del vicino sia sempre più verde". Noi italiani siamo abilissimi ad esaltare i nostri cugini europei, mascherando di converso quanto di buono anche noi siamo in grado di produrre e di trasmettere agli altri. Dall'autore mi aspetto un prossimo libro sulle cose che gli stranieri dovrebbero imparare da noi.

Ludovica:
Noi italiani siamo spesso tacciati di esterofilia. Non sono d'accordo con quanti enfatizzano le qualità altrui e denigrano quelle nazionali per partito preso. Ma questo libro di Giannella ha il pregio di indicare senza ostentazione, quel che di buono c'è oltre i nostri confini. E di invitarci all'emulazione di modelli virtuosi. Spero con buon esito

Leonardo :
Dopo aver letto questo libro, la prima cosa che ti viene da fare è quella di preparare le valigie e andartene in un qualsiasi altro paese dell'UE. Mi vergogno di essere italiano.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Voglia di cambiare

Salvatore Giannella

"Non intendo abbandonare la politica, voglio tornare a farla per dire ciò che penso." Dalla lettera di dimissioni al Senato di Franca Rame.