Toglietevelo dalla testa


Riccardo Staglianò presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Toglietevelo dalla testa"
(di Riccardo Staglianò)

"SENTIVO UN GRAN CALORE STANDO AL TELEFONO TUTTO QUEL TEMPO. NON AVREI MAI PENSATO CHE QUEL FASTIDIO MI AVREBBE ROVINATO LA VITA. IL MIO ESEMPIO POTREBBE DARE IL VIA A UNA CLASS ACTION. COSÌ TUTTO QUESTO DOLORE SARÀ SERVITO A QUALCOSA. A SENSIBILIZZARE CHI PASSA LE GIORNATE CON QUELLE PISTOLE PUNTATE ALLE TEMPIE."
Innocente Marcolini, ex manager, agosto 2011. Una sentenza del Tribunale di Brescia ha stabilito che il suo tumore alla testa è legato all'uso eccessivo del telefonino.

La domanda è: il nostro compagno più inseparabile (il cellulare) ci sta forse tradendo? Prove ce ne sono, e parecchie (nel 2011 l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha inserito il telefonino tra i possibili cancerogeni). I manuali di istruzione dicono di tenerli da 1,5 a 2,5 centimetri dall'orecchio (perché? E soprattutto: chi lo fa davvero?). In molti paesi precise disposizioni sanitarie raccomandano di non farli usare ai bambini, di non lasciarli sotto il cuscino di notte (come fanno molti adolescenti in attesa del fatidico sms prima di dormire).
Una sentenza del Tribunale di Brescia ha stabilito un risarcimento a carico dell'Inail per un ex manager colpito da un tumore alla testa causato dall'uso eccessivo del cellulare. Questo libro racconta tutto quello che c'è da sapere sul possibile legame causale cellulari-cancro e lo fa con straordinaria capacità di divulgazione, senza tecnicismi. Tutto squadernato con la passione del reportage narrativo.
"Toglietevelo dalla testa" è un viaggio a caccia di storie, fatti e testimonianze, dall'Italia a New York, Seattle, San Francisco, Sydney, Stoccolma, sulle tracce dell'ultima ricerca, incontrando le prime vittime che lottano contro il silenzio dei media, raccontando l'eterno braccio di ferro con le multinazionali impegnate a difendere il più grande business del nuovo millennio. Decine di centri studi, all'insaputa dei cittadini, raccolgono montagne di fondi dalle aziende per promuovere campagne che abbassino la soglia di attenzione sui rischi per la salute. È successo con le sigarette, con l'amianto, oggi il candidato più quotato pare proprio il cellulare.
L'industria continua a sostenere che non ci sono prove "conclusive": e se dovessero arrivare? Meglio difendersi prima. Il libro si apre con un Decalogo per l'uso sicuro del telefonino, pericoli e rischi li conoscerete solo leggendo.

Riccardo Staglianò è giornalista de "la Repubblica". Tra i suoi libri ricordiamo "Bill Gates. Una biografia non autorizzata" (Feltrinelli 2000) e "L'impero dei falsi" (Laterza 2006). Per Chiarelettere ha pubblicato "I cinesi non muoiono mai" (con Raffaele Oriani, 2008); "Miss Little China" (con Raffaele Oriani, 2009), libro che accompagna l'omonimo documentario di Riccardo Cremona e Vincenzo de Cecco, e "Grazie" (2010). Nell'ottobre 2011 ha portato in Italia (Reggio Emilia) le Ted Conference, format americano nel quale le migliori intelligenze internazionali sono invitate a tenere discorsi della durata di 18 minuti sui temi più diversi.

"Cellulari, tumori e tutto quello che le lobby non dicono"

autore:
Riccardo Staglianò
collana: Principio attivo
dettagli: 368 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Toglietevelo dalla testa

"Cellulari, tumori e tutto quello che le lobby non dicono"

autore:
Riccardo Staglianò
collana: Principio attivo
dettagli: 368 pagine
prezzo: 15,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Toglietevelo dalla testa"
(di Riccardo Staglianò)



BIG TOBACCO E BIG PHONE. IL REMAKE
"Nel caso del tabacco gli studi c'erano, le aziende li conoscevano e li occultavano con la complicità dei media. Oggi si lavora a monte. Le aziende non fanno gli studi così non c'è niente da occultare."
"Per l'amianto e il fumo i rischi si sono resi evidenti anche dopo 30-40 anni. Con i cellulari già dopo un decennio si comincia a vedere."
Lennart Hardell, scienziato svedese pioniere degli studi sulla correlazione cancro-cellulari.
"Ci sono scienziati così amici dell'industria da risultare indistinguibili dai loro uffici stampa."
"Mentre nel 67 per cento degli studi indipendenti c'è una probabilità di trovare riscontro degli effetti biologici dei cellulari, in quelli finanziati dall'industria la probabilità precipita al 28 per cento."
"Indicazioni di un aumentato rischio tra gli utilizzatori forti e di lungo periodo sono causa di preoccupazione. Misure semplici ed economiche, come l'uso di sms, auricolari e vivavoce potrebbero sostanzialmente ridurre l'esposizione del cervello... È consigliabile l'adozione di tali precauzioni, in particolare tra i giovani."
Elisabeth Cardis, responsabile dello studio Interphone, la più grande ricerca internazionale sul legame cancro e cellulari.
"Si tratta di un'antenna a microonde. Ci cuociamo il cervello quando ci teniamo attaccato il ricevitore."
Keith Black, primario di neurochirurgia, Los Angeles.
"È la notizia più trasversale dell'ultimo quarto di secolo. Con una spaventosa posta economica in gioco. E in quanti ce ne occupiamo? Due gatti, in tutto il mondo."
Mona Nilsson, giornalista svedese. Nel maggio 2011 ha pubblicato un'inchiesta in cui denunciava il conflitto d'interessi dello scienziato Anders Ahlbom ("consulente esperto" dell'Organizzazione internazionale sulle radiazioni non ionizzanti, quelle dei telefonini) che contemporaneamente siede nel Cda della società del fratello, lobbista per conto dell'industria telefonica a Bruxelles.
"Lo scenario di una maggiore incidenza di tumori al cervello tra i forti utilizzatori di cellulari negli anni 2020 e 2030 è un'eventualità che gli assicuratori hanno preso largamente in considerazione."
Bruno Porro, capo Ufficio rischi di Swiss Re, 1996.
"I Lloyd's di Londra rifiutano di coprire i produttori di telefoni cellulari contro i rischi alla salute che possono derivare dai loro apparecchi."
"The Guardian", 10 aprile 1999.




Le vostre recensioni 5 recensioni
5 stelle
 
 (2)
4 stelle
 
 (2)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Anna Miniucchi:
Grazie, grazie per averci informati, quindi protetti, attraverso il tuo coraggio e sete di chiarezza. Un grande esempio di vero giornalismo che non teme la ricerca della verità, unica via per dare speranza al futuro, così tanto minacciato, dei nostri figli. E' scritto inoltre da una penna felice, si legge benissimo, e non è poco di questi tempi...

Abramo Barigelli:
Risultato di un meticoloso lavoro di ricerca svolto in buona parte oltreoceano, tale libro DEVE assolutamente farci prendere coscienza del pericolo che si cela dietro l'esposizione prolungata alle radiofrequenze emmesse dai cellulari. Per tutelare la nuova generazione di adolescenti, permeabilissimi ad ogni novità tecnologica, che ne fanno ingenuamente un uso abnorme. Da acquistare insieme al telefonino (rigorosamente con auricolare) quale indispensabile manuale d'uso. Grazie Riccardo!

Brescia Today, 6 marzo 2012:
Ampiamente documentato, 'Toglietevelo dalla testa' analizza i diversi conflitti d'interessi di cui è costellata la materia che riguardano l'industria telefonica, il governo, gli stati e anche i giornalisti e fa un paragone fra l'industria del tabacco e l'industria telefonica, un remake con le lobby al contrattacco.

Sebastiano Di Mauro, 2righe.com:
In questo libro troverete tutto quello che c'è da sapere sul possibile nesso causale cellulari e tumore e l'autore Riccardo Staglianò, lo fa con un linguaggio tanto semplice da risultare comprensibile a chiunque, perchè la divulgazione di queste informazioni è da lui ritenuta di grande importanza per la salute di tutti.

Simonetta Alfaro, A noi la parola - 4 marzo 2012:
Finalmente un grande reportage narrativo, un validissimo strumento di informazione senza sconti per nessuno e dedicato a ciascuno di noi probabilmente inconsapoevoli, un testo che parla chiaro e ci conduce tra ombre e omissioni di chi sa e dovrebbe denunciare a gran voce e invece no.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Toglietevelo dalla testa

Riccardo Staglianò

"I Lloyd's di Londra rifiutano di coprire i produttori di telefoni cellulari contro i rischi alla salute che possono derivare dai loro apparecchi."
"The Guardian", 10 aprile 1999.