Sono un uomo morto


Federico Monga presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Sono un uomo morto"
(di Federico Monga,Rocco Varacalli)

“Ho condiviso la cella con gente del calibro di Rosario Barbaro, i Trimboli, i Nirta, i Morabito, che mi hanno confidato omicidi, estorsioni, intrighi con la politica e l’economia... Le ditte calabresi hanno operato in tutti i business più importanti: la ferrovia ad alta velocità, la nuova autostrada Torino-Milano, le Olimpiadi invernali del 2006, il porto di Imperia, solo per citare gli affari più clamorosi.”
Rocco Varacalli

“Sono stato io ad aprire agli inquirenti il libro della ’ndrangheta.” Questa è la storia dell’uomo che per primo ha raccontato l’infiltrazione della ’ndrangheta nel Nordovest d’Italia, in particolare in Piemonte e in Liguria. Si chiama Rocco Varacalli, la sua è un’epopea criminale che inizia in Calabria e finisce a Torino. Nel mezzo scorre una vita violenta, qui raccontata in prima persona e dall’interno dell’organizzazione.
Più volte arrestato,Varacalli è stato condannato per traffico di stupefacenti. Dodici anni di militanza che gli hanno valso contatti di primissimo livello nell’onorata società, fino alla decisione di diventare testimone di giustizia. La sua confessione è diventata l’architrave dell’inchiesta Minotauro che nel giugno 2011 ha portato all’arresto di 150 persone e al coinvolgimento di politici, assessori, consiglieri regionali e imprenditori.
L’alta velocità, i cantieri delle Olimpiadi invernali a Torino, la costruzione del centro commerciale Le Gru di Grugliasco (Torino) con le famiglie calabresi che stringono la mano a Berlusconi il giorno dell’inaugurazione, il porto di Imperia in Liguria. E poi il traffico internazionale di droga dall’America del Sud all’Europa e alle grandi città dell’Italia del Nord, passando per l’Africa.
Varacalli racconta tutto: la scelta di pentirsi, le pressioni della famiglia, il disconoscimento, le minacce, le stragi e gli omicidi. E come funziona l’organizzazione.
La sua testimonianza, giudicata attendibile da almeno due sentenze, è drammatica. Ora politici e amministratori non possono più far finta di niente e dire: io non sapevo. Troppi si sono fatti usare e hanno usato la malavita calabrese per vincere le loro battaglie personali e guadagnare consenso. Intanto i processi vanno avanti e Varacalli continua a definirsi un morto che cammina.

Federico Monga vive a Napoli dove, dal luglio del 2010, è vicedirettore del quotidiano “Il Mattino”. Ha iniziato l’attività giornalistica collaborando con “l’Unità” e il quotidiano “La Provincia Cosentina”. È stato caposervizio al “Giornale del Piemonte”, poi è passato a “La Stampa”, dove ha ricoperto l’incarico di responsabile dell’inserto “Tuttosoldi” e di vicecaporedattore all’Economia e alla Cronaca di Torino. SONO UN UOMO MORTO è il suo primo libro.

Rocco Varacalli, nato a Natile di Careri (Reggio Calabria) nel 1970, affiliato alla ’ndrangheta calabrese dal 1994, ha trafficato droga per vent’anni, a partire dal 1987. Dopo l’arresto nel 2006 ha deciso di pentirsi e di collaborare con la giustizia. Padre di quattro figli, arrestato sette volte e condannato a diciassette anni in Cassazione come mandante di un omicidio, ha vissuto in località segrete. Ora è detenuto nel carcere di Torino.

"Parla il pentito che ha svelato i segreti della ‘ndrangheta al Nord"

autore:
Federico Monga,Rocco Varacalli
collana: Principio attivo
dettagli: 192 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Sono un uomo morto

"Parla il pentito che ha svelato i segreti della ‘ndrangheta al Nord"

autore:
Federico Monga,Rocco Varacalli
collana: Principio attivo
dettagli: 192 pagine
prezzo: 13,9 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Sono un uomo morto"
(di Federico Monga,Rocco Varacalli)



“Abbiamo Torino in mano, noi! Se decidono di sparare a qualcuno devono prima rendere conto a noi.”
Giacomo Lo Surdo, uomo di fiducia di Adolfo Crea, il capo a Torino del “crimine” (la cellula armata della ’ndrangheta), si vanta con la fidanzata del potere del suo gruppo di fuoco.
“Diciamo a questi che conosciamo che facciamo votare Fassino.”
Salvatore De Masi detto “Giorgio”, capo della ’ndrangheta a Rivoli, al telefono con il deputato Domenico Lucà del Pd che gli chiede appoggio per la candidatura di Fassino alla carica di sindaco di Torino, 21 febbraio 2011.
“Io mi affido alla rete delle conoscenze e degli amici. Mi affido a voi.”
Fabrizio Bertot, sindaco di Rivarolo Canavese e candidato per il Pdl alle elezioni per il Parlamento europeo, in un incontro a cui partecipano elementi di spicco della ’ndrangheta torinese, 27 maggio 2011.
“La comunità calabrese è la nostra ricchezza.”
L’imprenditore Nevio Coral a una cena con alcuni pezzi grossi della ’ndrangheta organizzata per raccogliere voti per il figlio Ivano, candidato del Pdl alle elezioni provinciali, 20 maggio 2009.
“Mi chiamo Rocco Varacalli, da quindici anni sono affiliato alla ’ndrangheta, ho trafficato quintali di droga, posso svelare omicidi, estorsioni, traffici loschi con l’economia e la politica.”
Lettera con cui Rocco Varacalli manifesta al pm di Torino Roberto Sparagna la sua intenzione di collaborare con la giustizia, 17 ottobre 2006.
“Non siamo più la sua famiglia. Non è degno, come non lo è mai stato, di dire che fa parte di una famiglia unita, pulita e onesta come la nostra.”
Lettera di alcuni familiari di Rocco Varacalli pubblicata sul quotidiano “Calabria Ora” il 22 aprile 2010, dopo le sue rivelazioni al processo Stupor Mundi sul ruolo delle cosche calabresi nel traffico internazionale di droga.
“So bene che posso essere ucciso da un momento all’altro. La ’ndrangheta non perdona. Ma questa è la strada che ho scelto.”
Rocco Varacalli.




Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (4)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Gianluca Viscomi:
Lo leggi in un attimo, sembra un romanzo ma non lo è. Come "leggere" un film. Fantastico.

La Sentinella del Canavese:
"Mi chiamo Rocco Varacalli, da 15 anni son affiliato alla 'ndrangheta, ho trafficato quintali di droga, posso svelare omicidi, estorsioni, traffici loschi con l'economia e la politica." Inizia così la lettera di Rocco Varacalli del 17 ottobre 2006, indirizzata al pm Roberto Sparagna dove manifesta la sua intenzione di collaborare con la giustizia. E l'incipit della lettera di Varacalli apre anche il libro scritto dallo stesso Varacalli con il giornalista Federico Monga (Chiarelettere).

Panorama:
"Sono stato io ad aprire agli inquirenti il libro della 'ndrangheta". A dirlo è il pentito Rocco Varacalli che con il suo racconto ha svelato l'infiltrazione criminale in Piemonte. E che ha raccontato insieme a Federico Monga nel libro "Sono un uomo morto" (Chiarelettere).

Filippo Veltri, Huffington Post:
Varacalli ha avuto il merito di aprire agli inquirenti il 'libro' della 'ndrangheta al nord e "Sono un uomo morto" è la storia della persona che per prima ha raccontato l'infiltrazione della criminalità organizzata calabrese nel Nordovest d'Italia, in particolare in Piemonte e in Liguria. La sua storia è una vera e propria epopea criminale che inizia in Calabria e finisce a Torino.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Sono un uomo morto

Federico Monga,Rocco Varacalli

“So bene che posso essere ucciso da un momento all’altro. La ’ndrangheta non perdona. Ma questa è la strada che ho scelto.”
Rocco Varacalli.