Nel paese dei Moratti


Giorgio Meletti presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Nel paese dei Moratti"
(di Giorgio Meletti)

"Il caso Sarroch è tipico del modello coloniale. Basta costruire una grande fabbrica per poter pretendere da chiunque viva lì intorno gratitudine per i posti di lavoro creati. Questo è ciò che resta di una cultura che da anni condanna l'Italia alla stagnazione economica e desertifica ogni prospettiva di futuro." Giorgio Meletti

26 maggio 2009. Mentre a Milano il presidente dell'Inter Massimo Moratti segue con apprensione i capricci dell'allenatore Mourinho e suo fratello Gianmarco tratta un prestito milionario con Banca Intesa, a Sarroch, in Sardegna, Daniele Melis, ventinove anni, Luigi Solinas, ventisette, Bruno Muntoni, cinquantotto, si preparano a entrare in una cisterna per lavori di pulizia e manutenzione. Giornate molto diverse. Ma in un tragico istante diventano una cosa sola. I tre operai lavorano e muoiono alla Saras, la raffineria creata negli anni Sessanta da Angelo Moratti.

Con passione e intelligenza narrativa, Giorgio Meletti attraversa i giorni e le ore in cui si consumano i fatti e racconta gli affari dei Moratti, i dividendi della raffineria (120 milioni di euro all'anno negli ultimi cinque anni), la quotazione in Borsa della Saras a un prezzo così alto da far scattare un'inchiesta giudiziaria, le perdite dell'Inter (circa 150 milioni di euro all'anno). Ma i protagonisti di quelle ore non sono solo i fratelli Moratti. Basta spostare appena un po' l'obiettivo. C'è l'amico di sempre Tronchetti Provera e lo spolpamento di Telecom, Marchionne che promette tranquillità agli operai di Termini Imerese, le grandi banche all'inseguimento dei crac finanziari. L'assenza di Epifani. Tutto concentrato in poche ore, che compongono la fotografia del capitalismo italiano.

La Sardegna come simbolo di una nazione da colonizzare. L'immagine che esce è quella di un'oligarchia asserragliata a difendere i privilegi acquisiti, di un paese vecchio. A pagare sono sempre gli ultimi. I lavoratori e i cittadini prigionieri nella loro terra.

"Sarroch-Italia: una storia ordinaria di capitalismo coloniale"

autore:
Giorgio Meletti
collana: Principio attivo
dettagli: 256 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Nel paese dei Moratti

"Sarroch-Italia: una storia ordinaria di capitalismo coloniale"

autore:
Giorgio Meletti
collana: Principio attivo
dettagli: 256 pagine
prezzo: 14.6 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Nel paese dei Moratti"
(di Giorgio Meletti)



"Mentre è accusata di aver fatto fallire un gran numero di piccole aziende, chiudendo i rubinetti del credito, la prima banca italiana [Intesa Sanpaolo] non esita a prestare 190 milioni alla Saras per consentire ai Moratti di pagare, prima di tutto a se stessi, la cedola annuale."
Maggio 2009, pochi giorni prima dell'incidente
"È tutta la Cgil nazionale che tace: non un comunicato, un telegramma, una mezza battuta per i tre morti di Sarroch.
In questo silenzio si legge tutta la debolezza del sindacato italiano."
"Nel cielo di Sarroch "La Saras ha liberato 6 milioni di tonnellate di anidride carbonica, 1330 tonnellate di ossido di carbonio, 4150 tonnellate di ossidi di azoto, 7390 tonnellate di anidride solforosa, 25 chili di arsenico, 16 chili di cadmio, 372 chili di cromo, 1740 chili di nickel, 17 tonnellate di benzene, 223 tonnellate di PM10."
Dati European Pollutant Release and Transfer Register, anno 2007
"Non è cambiato niente. Ma non è colpa dei Moratti, la colpa è dei dirigenti che vivono e lavorano qui, e dei sindacalisti che fanno il loro gioco."
Luca Melis, fratello di una delle vittime, 7 gennaio 2010
"Per ogni euro di stipendio netto lasciato in Sardegna, i Moratti ne portano tre di profitto a Milano."
"Una delle preoccupazioni maggiori del capitalismo coloniale: guadagnare tempo e occultare il passato, anziché progettare il futuro."
"Cambierà tutto."
Massimo Moratti durante l'incontro con le famiglie dei tre operai deceduti, 27 maggio 2009
"Dopo la quotazione in Borsa [2006] abbiamo visto l'attenzione spostarsi dalla sicurezza ai margini di profitto."
Operaio della Saras e delegato sindacale
"L'Inter di Moratti ha perso 345 milioni nei primi otto anni e altri 905 milioni di euro nelle sei stagioni successive."




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Ivano Lorenzetti:
Sono un tifoso e ho sempre apprezzato Moratti per la sua dedizione alla squadra. Non pensavo che tutto questo fosse a discapito di chi lotta ogni giorno per sopravvivere. Questo libro mi ha aperto gli occhi e penso che debba essere diffuso il più possibile.

Angelo Sorrentino:
Vite umane sacrificate sull'altare del profitto. Un modello imprenditoriale che fagocita i diritti e seppellisce, per il proprio beneficio, il diritto al benessere e alla sicurezza. E in mezzo istituzioni che latitano. Conserviamo la memoria dei tre eroi di Sarroch.

PetrolieriGoHome:
Un libro da comprare e regalare a tutti i parenti dopo che Moratti ha minacciato chi lo avesse diffuso querelando Chiarelettere. In ogni caso dopo questo film cambi squadra di calcio e capisci chi è la Letizia e quali interessi può fare per i milanesi. Da non perdere


un pretesto per leggerlo
Tratto da Nel paese dei Moratti

Giorgio Meletti

"L'Inter di Moratti ha perso 345 milioni nei primi otto anni e altri 905 milioni di euro nelle sei stagioni successive."