Metastasi


Claudio Antonelli presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Metastasi"
(di Gianluigi Nuzzi,Antonelli Claudio)

"Quando un pentito racconta dei maneggi che stanno dentro il Parlamento, dietro le Regioni, nei Comuni grandi e piccoli, deve prepararsi a essere attaccato e screditato. Ti fanno passare da infame due volte."
Dalla testimonianza del collaboratore di giustizia Giuseppe Di Bella

La Pianura padana come l'Aspromonte. Ormai le 'ndrine controllano il Nord e fanno affari con chiunque.

Il nuovo libro dell'autore di "Vaticano S.p.A.", con Claudio Antonelli, offre una prospettiva inedita per capire un fenomeno ormai "vecchio". Di trent'anni. Solo che tutti hanno fatto finta di niente. Un esercito di 1500 persone che controlla dagli anni Settanta non solo il traffico di armi e di cocaina ma anche un'importante quota della liquidità lombarda; sì, quella dei salotti buoni, dei politici, dei cavalieri del lavoro, delle camere di commercio, delle amministrazioni locali. Trent'anni di mazzette ( e se necessario di omicidi) per ottenere licenze edilizie e controllare una buona parte degli immobili commerciali del Nord Italia (Varese, Lecco, Milano, Como), avendo un dominio ferreo del territorio anche grazie alla continua e capillare attività di estorsione.

Adesso la testimonianza di un pentito qui raccolta permette di capire perché tutto ciò è stato possibile e di avere a disposizione verità e retroscena a volte incredibili. Il boss che si intrattiene con il futuro ministro, il traffico d'armi con le Br, il commercio di uranio,l'incontro con Andreotti, il patto tra 'ndrangheta e cinesi, il caso di un industriale delle armi rapito, poi liberato, ed eletto in Parlamento per fare gli interessi della 'ndrangheta. Persino il caso di un famoso stilista ammazzato ma che forse ammazzato non è. Anche qui c'entra la 'ndrangheta, gli amici di Coco Trovato trovano la soluzione per ogni problema. Soprattutto per riciclare denaro sporco e fagocitare le attività produttive più redditizie.

Tutto fatto secondo rituali e regole che arrivano da lontano e che si appoggiano su codici famigliari e amicali che vanno rispettati. Sempre. Se no la punizione arriva, puntuale, anche a distanza di anni. E fa paura: la paura del nostro testimone che riporta fatti anche di rilevanza penale che potrebbero aprire nuove indagini; la paura di chi ha sfidato un codice d'onore e adesso è solo.

"Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud. La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito"

autore:
Gianluigi Nuzzi,Antonelli Claudio
collana: Principio attivo
dettagli: 208 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Metastasi

"Sangue, soldi e politica tra Nord e Sud. La nuova 'ndrangheta nella confessione di un pentito"

autore:
Gianluigi Nuzzi,Antonelli Claudio
collana: Principio attivo
dettagli: 208 pagine
prezzo: 14.6 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Metastasi"
(di Gianluigi Nuzzi,Antonelli Claudio)



"–C'è Gamma. – Di che parlano? – E di che devono parlare? Di voti e di bionde."
Conversazione tra Giuseppe Di Bella e Agostino Rusconi, marzo 1990. Il riferimento è a un esponente di governo della Lega
"Il palazzo di giustizia di Lecco è un posto accogliente. Così accogliente che se sei della 'ndrangheta trovi molte porte aperte."
"La morte di Versace è stata tutta una messinscena. Quando hanno programmato l'omicidio di Miami, Versace si trovava a Zurigo. Adesso dobbiamo far sparire le ceneri perché potrebbero fare qualche controllo sul dna.""
Ricostruzione attribuita da Giuseppe Di Bella ad Alfa, identità coperta perché la persona potrebbe essere sottoposta a nuove indagini
"Le famiglie della 'ndrangheta godono di un fatturato di oltre 44 miliardi di euro ogni anno, il 2,9 per cento del nostro Pil. Solo a Reggio Calabria sono presenti 73 cosche."
Dati Eurispes 2008.
"Se un uomo come Versace veniva a prendere ordini dalla 'ndrangheta sicuramente non è una cosa di poco conto. Paolo De Stefano mi ha detto che lui aveva Versace nelle mani.""
Filippo Barreca, pentito, vive sotto falsa identità. Suo fratello è stato ammazzato. Paolo De Stefano è stato un importante boss di 'ndrangheta
"Ho deciso di raccontarvi tutto e di condurvi in questo inferno."
-Giuseppe Di Bella
"Io non so oggi se questo è vero o meno... Per noi Versace era ed è vivo.""
Dalla testimonianza di Giuseppe Di Bella. La versione ufficiale sul delitto Versace non è priva di misteri
"ll motto non cambia mai: votare per la Lega.""
Dalla testimonianza di Giuseppe Di Bella
"Per non parlare della Camera di commercio. Il direttore dal 1983 in avanti aveva un compito ben preciso: facilitare gli amici e le aziende legate al clan.""
Dalla testimonianza di Giuseppe Di Bella




Le vostre recensioni 6 recensioni
5 stelle
 
 (4)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Elisabetta Mangani:
E' un libro da far conoscere ai giovani, che devono essere informati e acquisire gli anticorpi per organizzare la vita senza la smania del guadagno facile. E da regalare ad ognuno dei ministri e sottosegretari dell'attuale governo perché prendano provvedimenti adeguati a individuare e frenare il fenomeno, anche spostando e riducendo i direttori generali e dirigenti di regioni, enti locali e ministeri, spesso inamovibili e garanti di affari illeciti.

NicolaDiTuri:
Buona capacità di discernimento e di lucida analisi delle rivelazioni del pentito Di Bella. Non manca un po’ di pathos e qualche concessione al thriller, in genere nel racconto di scenari segreti e inusuali degli incontri con Pippo Di Bella (i due cronisti restano chiusi fuori dal balcone di casa del pentito!)

Nicola Di Turi:
Ne ho scritta una dettagliata qui su http://nicoladituri.blogspot.com/2011/02/ndrangheta-la-metastasi-del-nord.html

Giulio Giona:
Un libro che va via bene proprio perchè sotto forma di un racconto fatto da pentiti. Ci sono elementi nuovi mai sentiti prima, come la storia del referente leghista per la ndrangheta al nord e della morte di Versage.

Luca:
Agghiacciante è il commento del precedente lettore che faccio mio. Agghiacciante leggere come le mafie hanno preso possesso del nord italia da trenta anni nel quasi silenzio generale.E si capisce pure il silenzio assordante della lega: comodo parlare delle mafie al sud... ma quando queste vengono al nord con ingenti capitali da riciclare e molti voti da offrire tutti zitti.

claudio:
Dopo Vaticano spa, Nuzzi inanella un altro libro denuncia: questa volta è la n'drangheta in Lombardia, con le parole di un pentito: ti si gela il sangue, specie quando si fanno i nomi di alcuni mammasantissima, tipo GAMMA, dietro il quale si cela un grosso personaggio politico lombardo. Agghiacciante.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Metastasi

Gianluigi Nuzzi,Antonelli Claudio

"Per non parlare della Camera di commercio. Il direttore dal 1983 in avanti aveva un compito ben preciso: facilitare gli amici e le aziende legate al clan.""
Dalla testimonianza di Giuseppe Di Bella