Medicine e bugie

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Medicine e bugie"
(di Salvo Di Grazia)

Così ci imbrogliano e ci trasformano in clienti a vita del mercato della salute

Più medicine, più salute. Siamo ossessionati dal benessere e abbiamo talmente paura delle malattie (anche quelle inventate) che siamo disposti a ingerire qualsiasi pillola, e a credere a truffatori e guaritori senza scrupoli.
Bombardati da pubblicità ingannevoli, compriamo integratori di ogni specie senza sapere che per la maggior parte non servono a nulla, siamo disposti a sottoporci a esami più volte all’anno con costi elevatissimi anche quando non ce n’è bisogno, ci affidiamo a qualsiasi prodotto che sia naturale e biologico sicuri della sua efficacia, anche quando non provata scientificamente, e siamo in balia della prima novità farmaceutica che ci prometta di farci diventare più belli e più giovani. Poveri ingenui.
Ecco un libro che ci può aiutare. Di Grazia, medico di professione, combatte da anni contro truffe e ciarlatani. Riporta casi di farmaci inutili o addirittura dannosi spacciati per miracolosi, dal nuovo prodotto contro l’Alzheimer allo scandalo dell’Oscillococcinum, o di certi psicofarmaci o antidolorifici causa di morte e disturbi gravissimi. Tutto provato e documentato.
Essere informati è l’unica cura che può salvarci da facili illusioni e aiutarci a essere cittadini e pazienti più sani e consapevoli.

Salvo Di Grazia è un chirurgo specialista in Ginecologia e Ostetricia, medico ospedaliero e divulgatore scientifico. Appassionato di musica e internet. Scrive per diverse testate e siti, collabora con “Le Scienze” e "il Fatto Quotidiano". Ha fondato nel 2008 e gestisce il blog MedBunker che è diventato con il tempo punto di riferimento sulla medicina e contro i ciarlatani della salute. Nel 2014 ha pubblicato il libro "Salute e bugie" (Chiarelettere) sulle terapie truffaldine.
http://medbunker.blogspot.it

"Il business della salute. Come difendersi da truffe e ciarlatani"

autore:
Salvo Di Grazia
collana: Principio attivo
dettagli: 224
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Medicine e bugie

"Il business della salute. Come difendersi da truffe e ciarlatani"

autore:
Salvo Di Grazia
collana: Principio attivo
dettagli: 224
prezzo: 15 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Medicine e bugie"
(di Salvo Di Grazia)



L’influenza dell’industria è talmente forte che persino malattie come la ‘sindrome da fatica cronica’ (individui che presenterebbero tra i vari sintomi una forte e continua stanchezza) o la ‘sensibilità chimica multipla’ (individui che sarebbero allergici a moltissime sostanze tanto da avere una pessima qualità di vita) si trasformano in piaghe sociali da curare.
L’omeopatia è l’esempio perfetto di come le aziende farmaceutiche si prendano gioco dei consumatori: si tratta di piccoli granuli di un grammo di zucchero (e nient’altro) venduti in farmacia e, neanche a dirlo, acquistati da molte persone e consigliati da farmacisti e medici.
Le aziende farmaceutiche sfornano continuamente nuovi prodotti, ma tra le novità in vendita in farmacia sono pochissime quelle davvero innovative, poiché la maggioranza sono solo varianti di qualcosa che esiste già, piccole modifiche di una molecola già nota.
Nel 2014 si è stimato che una classe di antidolorifici (gli oppioidi) possa aver causato qualcosa come ventottomila morti, circa il 61 per cento di tutti i decessi per overdose di farmaci.
Un farmaco, per essere venduto, deve superare molti test e autorizzazioni. Gli integratori non sono sottoposti a un iter così rigoroso: basta dimostrare che siano innocui.
È possibile falsificare dei dati (è successo), è possibile nascondere i risultati di una ricerca (è successo!), ma è pressoché impossibile non essere scopert.
In uno studio pubblicato recentemente dal ‘New England Journal of Medicine’ è stato stimato che il 50 per cento dei tumori alla tiroide scoperti e curati in Italia, ma anche in Francia e negli Stati Uniti, non avrebbe avuto necessità di trattamento, perché a crescita lentissima o perché non sarebbe mai progredito fino a diventare letale.
L’industria del ‘naturale’ è spesso fuori da ogni controllo, non segue il metodo scientifico, cerca il profitto e non ha nemmeno l’obbligo di dimostrare ciò che dice.




Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da Medicine e bugie

Salvo Di Grazia

L’industria del ‘naturale’ è spesso fuori da ogni controllo, non segue il metodo scientifico, cerca il profitto e non ha nemmeno l’obbligo di dimostrare ciò che dice.