L'Italia della Uno bianca


Giovanni Spinosa presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "L'Italia della Uno bianca"
(di Giovanni Spinosa)

"I DELITTI DELLA UNO BIANCA SONO UNO DEI PRIMI ATTI DELLA STRATEGIA TERRORISTICA E DESTABILIZZANTE CHE LA MAFIA SCATENA CONTRO LO STATO... CHI SI INOLTRA NELLA LETTURA DI QUESTO LIBRO DEVE SAPERE CHE NON RIUSCIRÀ PIÙ A SMETTERE."
Marco Travaglio

Una storia criminale. No. Politica. Che vale la pena di ricostruire per capire cosa è successo nell'Italia della fine della Prima repubblica.
Forse molti ricordano gli eccidi perpetrati dai criminali in divisa della UNO BIANCA, i fratelli Savi, che si susseguirono tra il 1987 e il 1994. Una lunga scia di sangue (82 delitti, 23 morti, centinaia di feriti) e un bottino di quasi due miliardi di lire, una tragedia che sembrava dovesse rimanere avvolta nel mistero. Con questo libro, adesso, possiamo capirne le ragioni.
A parlare e ricomporre tutta la vicenda, degna di un film trash (ma il dolore delle famiglie delle vittime è ben reale), è il pm che ha iniziato le indagini sfociate nei processi che hanno visto condannare i colpevoli rinunciando però a chiarire i moventi dei fatti. Concatenati l'uno all'altro, essi portano a una sola verità: l'azione criminale dei FRATELLI SAVI è stata eterodiretta, troppe armi, troppe munizioni, troppo sangue. A volte per un bottino di poche lire. Allora chi li proteggeva e perché? Spinosa documenta le voragini investigative, le bugie, i depistaggi operati dai Savi soprattutto in relazione ai rapporti che essi ebbero con la criminalità organizzata, cioè con la MAFIA catanese, con la CAMORRA cutoliana (che trattò con lo Stato per la liberazione di Ciro Cirillo) e casalese. E ricostruisce i numerosissimi interventi della FALANGE ARMATA, la misteriosa sigla che dal 1990 al 1995 segna ogni strage mafiosa e molti episodi misteriosi di quegli anni. Alla fine i nodi - che i processi non hanno voluto chiarire - vengono al pettine: l'arresto dei Savi è l'atto conclusivo di una STRATEGIA STRAGISTA di destabilizzazione di Cosa nostra e dei suoi referenti che finora nessuno aveva fatto emergere. Ce n'è abbastanza per riaprire un caso chiuso troppo in fretta.

Giovanni Spinosa è presidente del Tribunale di Teramo. In magistratura dall'81, ha diretto le indagini sui sequestri di persona a opera dell'Anonima sarda avvenuti in Emilia Romagna nella seconda metà degli anni Ottanta. In collaborazione con il Tribunale di Palermo, ha svolto le prime indagini sulle associazioni mafiose legate ai corleonesi insediatesi a Bologna e in Romagna a partire dal 1984. Si è inoltre occupato di diverse inchieste sulla 'ndrangheta, sulla stidda, sul doping nel ciclismo e sulla revoca della scorta a Marco Biagi. È stato titolare dell'indagine sui crimini della Uno bianca.

"Una storia politica e di mafia ancora tutta da raccontare"

autore:
Giovanni Spinosa
prefazione di: Marco Travaglio
collana: Principio attivo
dettagli: 464 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

L'Italia della Uno bianca

"Una storia politica e di mafia ancora tutta da raccontare"

autore:
Giovanni Spinosa
prefazione di: Marco Travaglio
collana: Principio attivo
dettagli: 464 pagine
prezzo: 18,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "L'Italia della Uno bianca"
(di Giovanni Spinosa)



"- Fai quello che devi fare. - Ti devo sparare."
Roberto e Fabio Savi.
"Chissà che questo libro, oltre a sbugiardare le comode 'verità' della Uno bianca, non convinca qualcuno che sa a parlare."
Marco Travaglio.
"I dieci anni di 'furia omicida' di Cosa nostra (dal Natale 1984 all'aprile del 1994) si sovrappongono quasi integralmente ai sette anni di furore omicida della Uno bianca."
"Il vero business dei Savi era il traffico di armi intessuto con elementi della criminalità catanese e campana."
"La Uno bianca era un timbro."
Alberto Savi.
"Roberto Savi non sa nemmeno a chi ha sparato; non gli interessa. È una verifica che devono fare i periti." "La storia dei fratelli Savi è la storia di un grande depistaggio... con i delitti finalizzati a inserire in un contesto di serialità altri delitti più gravi."
"Sa fet, delinquent! (Cosa fate, delinquenti!)."
Le ultime parole di Adolfino Alessandri, colpito a morte senza un perché.
"Se fossimo stati arrestati qualcuno ci avrebbe tirato fuori."
Roberto Savi rassicura il fratello, 21 novembre 1994.




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (3)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Paolo Casicci, Il Venerdì di Repubblica:
"L'Italia della Uno bianca è un romanzo criminale al rovescio. Se Giancarlo De Cataldo, altro giudice e scrittore, ha coronato con la fiction la storica sentenza di condanna della banda della Magliana, Spinosa sublima con la sua controinchiesta quella verità giudiziaria che avrebbe potuto essere e non è stata. Perché per Spinosa i Savi sono stati poco altro che un sodalizio di trafficanti di armi ed esecutori materiali governati da una regia superiore."

Marco Travaglio:
"Spinosa documenta le voragini investigative e le amnesie processuali sui rapporti dei Savi con esponenti della criminalità organizzata, cioé la mafia catanese, e con la camorra cutoliana e casalese. Alla fine non lascia margine al dubbio: la storia dei delitti della Uno Bianca non é quella scritta nelle sentenze."

Antimafia Duemila:
"Forse non tutti ricordano gli eccidi perpetrati dai criminali della Uno bianca, che si susseguirono con una tragica sequenza tra il 1987 e il 1994. Una lunga scia di sangue (82 delitti, 22 morti e decine di feriti) che sembrava dovesse rimanere senza colpevoli. Con questo libro, adesso, sappiamo il perché. A parlare e ricostruire tutta la storia è il pm che ha condotto l'indagine che è sfociata poi nel processo che ha visto condannare i colpevoli ma che non ha chiarito i moventi dei fatti. "


un pretesto per leggerlo
Tratto da L'Italia della Uno bianca

Giovanni Spinosa

"Se fossimo stati arrestati qualcuno ci avrebbe tirato fuori."
Roberto Savi rassicura il fratello, 21 novembre 1994.