L'industria della carità


Valentina Furlanetto presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "L'industria della carità"
(di Valentina Furlanetto)




"Ho l'impressione che le ong - con le dovute eccezioni - alla fine siano servite più a noi che non agli impoveriti, perché funzionali a un modello di sviluppo occidentale. Diventano spesso i paletti avanzanti del nostro commercio estero... Basta con la carità, c'è bisogno di giustizia... La liberazione viene sempre dal basso, dai poveri, mai dai ricchi."
Alex Zanotelli


Questo libro racconta un mondo, quello della solidarietà, di cui non si sa abbastanza. Tra sms che salvano, adozioni a distanza, partite del cuore, campagne televisive, azalee e arance benefiche, quanti milioni di euro raccolti arrivano a chi ha bisogno? La risposta che viene fuori dalle testimonianze di cooperanti italiani e internazionali e dai più recenti dati di bilancio (quando sono disponibili: in Italia non c'è l'obbligo di pubblicare un vero e proprio bilancio economico-finanziario) è che tra profit e non profit c'è ormai poca differenza. Migliaia di associazioni sono in lotta una contro l'altra per i fondi, quelle più grandi spendono milioni per promuoversi e farsi conoscere, intanto le più piccole sono schiacciate dalla concorrenza.
Gli stipendi dei manager del settore non profit sono ormai uguali a quelli delle multinazionali (la buonuscita milionaria di Irene Khan, ex segretario generale di Amnesty International, è solo la punta dell'iceberg).
Ma i soldi non sono che una parte della questione, c'è molto altro da sapere. Che fine fanno i vestiti che lasciamo ai poveri? Come funziona il sistema delle adozioni internazionali? E il commercio equo e solidale?
La filantropia ha fatto cose importanti, ma è anche il simbolo del fallimento della politica. Gli esseri umani non dovrebbero dipendere dalla generosità di altri. Se poi questa generosità diventa un business è importante raccontarlo per impedire che qualcuno si arricchisca sulla buona fede dei donatori.


Valentina Furlanetto è giornalista. Ha lavorato per "Uomini & Business" e "Affari e Finanza". Da più di dieci anni fa parte della redazione di Radio 24 - Il Sole 24 Ore occupandosi prevalentemente di economia e temi sociali. Ha condotto alcune trasmissioni radiofoniche dedicate al non profit come SENZA FINE DI LUCRO (2003--2006), ASCOLTO (2006-- 2008) e FIGLI DI UN DIO MINORE (2008-2010), oltre alla rubrica PAESE SOMMERSO sull'evasione fiscale. È autrice del libro SI FA PRESTO A DIRE MADRE (Melampo Editore, 2010), un'inchiesta narrativa sulla maternità in Italia.

"Da storie e testimonianze inedite il volto nascosto della beneficenza"

autore:
Valentina Furlanetto
prefazione di: Alex Zanotelli
collana: Principio attivo
dettagli: 272 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

L'industria della carità

"Da storie e testimonianze inedite il volto nascosto della beneficenza"

autore:
Valentina Furlanetto
prefazione di: Alex Zanotelli
collana: Principio attivo
dettagli: 272 pagine
prezzo: 13,90 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "L'industria della carità"
(di Valentina Furlanetto)



"Abbiamo il diritto di chiedere dove vanno a finire le donazioni e il dovere di farlo nei confronti di chi vogliamo aiutare."
"Dalla vendita delle azalee Airc (Associazione italiana ricerca sul cancro) ha ricavato 10 milioni di euro. Per organizzarne la vendita ne spende quasi la metà, circa 4 milioni."
Dati bilancio 2011.
"Ho capito che la povertà è un prodotto, che viene venduto come altri prodotti, promuovendo costose analisi di mercato, organizzando campagne stampa, sbattendo spesso il volto di un bambino, preferibilmente affamato o sfigurato o impaurito, sullo schermo di un televisore o a tutta pagina su un quotidiano."
"Il 66 per cento di tutte le donazioni che sono state fatte nel mondo non sono state investite per la gente di Haiti, ma per il funzionamento delle ong. Alcune hanno comprato fuoristrada da 40-50.000 dollari e il 20 per cento delle donazioni è andato in stipendi del personale delle organizzazioni."
Evel Fanfan, presidente di Aumohd (Action des unités motivées pour une Haïti de droit), organizzazione di avvocati che dal 2002 si occupa della difesa dei diritti umani e civili della popolazione di Haiti.
"La bontà disarmata, incauta, inesperta e senza accorgimento non è neppure bontà, è ingenuità stolta e provoca solo disastri."
Antonio Gramsci.
"Per salvaguardare oceani, balene, foreste, ambiente Greenpeace Italia ha utilizzato 2 milioni 349.000 euro, meno di quanto spenda per pubblicizzarsi e cercare nuovi iscritti: 2 milioni 482.000 euro."
Dati bilancio 2011.
"Questo è un sistema assurdo, ci sono tantissimi soldi che girano senza che cambi nulla. Le organizzazioni sono tutte in lotta fra loro, lotta spietata per i fondi."
Viviana Salsi, trentenne milanese con diverse esperienze come cooperante internazionale.
"Sarà un caso ma in occasione delle settimane della moda a Milano ai giornalisti accreditati arrivano decine di inviti a serate che promuovono villaggi scuola in Burundi, ospedali per l'infanzia in Mali, ma mai una volta che sui cartoncini siano impressi nomi come l'Opera di san Francesco, dove ogni mattina si mettono in fila i senzatetto... Quella ai poveri locali sarebbe una specie di carità a km zero, ma sfortunatamente non tira."




Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (2)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Antonello Sartori:
Brava Valentina ! Ho sempre diffidato di quelle Associazioni,nelle quali non si conoscono i bilanci,o normalmente dove vanno a finire i nostri "schei",sempre meno tutelati e mal spesi aime' ! Leggete e rileggete ! Grazie Valentina

Wendy:
Leggo che il libro è stato investito da una pioggia di critiche. Bene, dal mio punto di vista. Perché vuol dire che ha colto nel segno. Penso, dopo averla letta e apprezzata, che di un'opera del genere ci fosse realmente bisogno, e che abbia colmato un vuoto di riflessione e approfondimento. Per questo, ringrazio l'autrice e spero riesca a fare breccia nelle coscienze con l'onestà del suo lavoro.

Rolando:
Tematica atipica per un libro d'inchiesta che a tratti fa male ma che ha il pregio di svelare cosa c'è dietro questa vera e propria industria della carità. "Fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio", dice un detto popolare e soprattutto, perchè c'è bisogno della carità? Cosa fanno i politici per risolvere i problemi della gente?

Gaetano:
Entra a gamba tesa su un mondo, quello della carità, che personalmente mi ha sempre posto tanti interrogativi. Fino a che punto quello che si dona viene veramente impiegato per fornire aiuti? Chi c'è dietro queste organizzazioni?


un pretesto per leggerlo
Tratto da L'industria della carità

Valentina Furlanetto

"Sarà un caso ma in occasione delle settimane della moda a Milano ai giornalisti accreditati arrivano decine di inviti a serate che promuovono villaggi scuola in Burundi, ospedali per l'infanzia in Mali, ma mai una volta che sui cartoncini siano impressi nomi come l'Opera di san Francesco, dove ogni mattina si mettono in fila i senzatetto... Quella ai poveri locali sarebbe una specie di carità a km zero, ma sfortunatamente non tira."