La zona grigia

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "La zona grigia"
(di Massimiliano Griner)

“Nelle brigate rosse erano passate centinaia di persone, brigatisti di un giorno, un mese, un anno, poi tornati tranquilli al loro lavoro.”
Alberto Franceschini, tra i fondatori delle Br


Una nuova puntata di Chiarelettere su potere e terrorismo. Una storia mai del tutto chiarita, i cui protagonisti sono in parte ancora presenti sul palcoscenico della politica e della società. Migliaia di persone (non meno di 10.000 i fiancheggiatori delle Br secondo un rapporto del Pci), tra simpatie, silenzi, complicità indirette o scoperte, hanno reso possibile una guerra che ha lasciato troppi morti e feriti e che ha infangato il sogno di giustizia di tanti giovani impegnati allora a difendere la democrazia dall’eversione fascista. Da sole le Br non ce l’avrebbero fatta a mettere in ginocchio un paese intero. In questo libro si vuole ricostruire il percorso di chi, tra le fila della borghesia e anche della classe operaia, ha aderito, simpatizzato o accettato, talvolta a rischio della vita, di coprire e giustificare il fenomeno terroristico. Negli uffici, in fabbrica, nelle aule universitarie, nei giornali molti simpatizzavano con chi aveva scelto la linea di opposizione violenta allo Stato. Documenti, dichiarazioni, articoli, fatti parlano chiaro e non possono essere smentiti. Non vale ora riscrivere la propria biografia, soprattutto per rispetto nei confronti di coloro che hanno pagato duramente le loro scelte. Per rispetto nei confronti delle vittime. Talvolta è mancata una franca assunzione di responsabilità ed è prevalsa la voglia di chiudere con il passato, cancellandolo. Per paura, per vergogna, per calcolo di potere.


Massimiliano Griner(Milano, 1970) è sceneggiatore, autore televisivo e radiofonico. Tra i suoi libri, LA BANDA KOCH. IL REPARTO SPECIALE DI POLIZIA, 1943-1944 (Bollati Boringhieri 2000), NELL’INGRANAGGIO. LA SCOMPARSA DI MAURO DE MAURO (Vallecchi 2003), LA PUPILLA DEL DUCE. LA LEGIONE AUTONOMA MOBILE ETTORE MUTI (Bollati Boringhieri 2004), PIAZZA FONTANA E IL MITO DELLA STRATEGIA DELLA TENSIONE (Lindau 2011) e L’AQUILA E IL CONDOR (con Stefano Delle Chiaie e Umberto Berlenghini, Sperling & Kupfer 2012).

"Intellettuali, professori, giornalisti, avvocati, magistrati, operai. Una certa Italia idealista e rivoluzionaria"

autore:
Massimiliano Griner
collana: Principio attivo
dettagli: 304 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

La zona grigia

"Intellettuali, professori, giornalisti, avvocati, magistrati, operai. Una certa Italia idealista e rivoluzionaria"

autore:
Massimiliano Griner
collana: Principio attivo
dettagli: 304 pagine
prezzo: 16.00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "La zona grigia"
(di Massimiliano Griner)



“Certo, io non l’avrei fatto, però...”
Testimonianza di un operaio della Fiat, 1978.
“Ehi, giornalista, se mi ammazzano me, tu lo fai lo sciopero? […] Scrivi: uno, cento, mille Casalegno. A me mi vanno bene!”
Testimonianza raccolta da Giampaolo Pansa davanti alla Fiat di Mirafiori dopo l’attentato a Carlo Casalegno, «la Repubblica», 18 novembre 1977.
“Gli articoli contro Calabresi erano obiettivamente orribili.”
Adriano Sofri, La notte che Pinelli, Sellerio, 2009.
“Guerra no! Guerriglia sì!”
Franco Fortini.
“L’estremismo verbale che idealizza e copre la violenza, le falsificazioni su un’Italia poliziesca, la filosofia dell’anti-Stato (suggeriti da anarchismo libertario o da utopie rivoluzionarie), rappresentano una minaccia per la convivenza civile e un’oggettiva complicità con il terrorismo.”
Carlo Casalegno, «La Stampa», 10 luglio 1977.
“L’uccisione di Calabresi, un atto in cui gli sfruttati riconoscono la propria volontà di giustizia.”
«Lotta continua», 18 maggio 1972.
“Sapevano che io e gli altri eravamo nelle Br, anche se nessuno lo ammetteva ufficialmente. Così potevo tornarmene nella mia città per la Festa dell’Unità e mangiare tranquillamente ai tavoli con i compagni di pochi anni prima. […] Mi consideravano uno di loro.”
Alberto Franceschini, uno dei fondatori delle Brigate rosse, 1987.
“Allora mi pareva di capire che certi giornalisti servissero anche ai terroristi, o meglio ai protagonisti della lotta armata.”
Walter Tobagi, giornalista del «Corriere della Sera», ucciso dai terroristi della Brigata XXVIII marzo.
“– Giravate armati?
– Tutta la nostra attività era una attività armata.
– Tipo pistole?
– Noi le avevamo, sì: facevano parte della necessità della presenza in piazza contro i fascisti e nei cortei. Dopo il ’75 è diventata pratica comune.”
Erri De Luca a Claudio Sabelli Fioretti, «Corriere Magazine», 9 settembre 2004.




Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da La zona grigia

Massimiliano Griner

“– Giravate armati?
– Tutta la nostra attività era una attività armata.
– Tipo pistole?
– Noi le avevamo, sì: facevano parte della necessità della presenza in piazza contro i fascisti e nei cortei. Dopo il ’75 è diventata pratica comune.”
Erri De Luca a Claudio Sabelli Fioretti, «Corriere Magazine», 9 settembre 2004.