La scoperta di Cosa nostra

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "La scoperta di Cosa nostra"
(di Gabriele Santoro)

«Le dichiarazioni del collaboratore
di giustizia Joe Valachi sono
il più importante passo in avanti
compiuto dall’intelligence nella
lotta contro la mafia.»
Robert Kennedy, procuratore generale
degli Stati Uniti

La sfida di Robert Kennedy alla criminalità organizzata

«Il saggio di Santoro è uno di quei libri
che vanno letti e divulgati.»
Dalla prefazione di Nicola Gratteri e Antonio Nicaso

– Lei fa parte di un’organizzazione segreta che si dedica
al crimine e alla protezione dei suoi membri che perpetrano reati?
– Ne ho fatto parte.
«Il saggio di Santoro è uno di quei libri – Qual è il suo nome?
– Cosa nostra.
Joe Valachi davanti alla Commissione McClellan, 27 settembre 1963

Questa è la storia di un mafioso e di un politico: Joe Valachi, soldato nelle potenti famiglie di Cosa nostra a New York, e Robert Kennedy, che dalla fine degli anni Cinquanta al cuore dei Sessanta lavora alla realizzazione di una società più equa. Quando i loro destini si incrociano, l’America e il mondo scoprono l’esistenza di un’organizzazione criminale diffusa e articolata, sottostante a regole e codici precisi, che mina dall’interno l’economia intessendo relazioni con il potere.
Dopo trent’anni di militanza, Valachi, sentitosi tradito dal boss Vito Genovese, abbatte il muro dell’omertà: è lui il primo collaboratore di giustizia a fare il nome dell’associazione mafiosa. Il suo contributo rappresenta l’apice della svolta nella conoscenza e nel contrasto al crimine organizzato impressa da Kennedy, ministro della Giustizia dal 1961 al 1964 e creatore del primo pool antimafia.
Nel corso di questi quattro anni Kennedy rafforza e indirizza l’attività delle agenzie investigative, e coordina le indagini riunendo un gruppo di procuratori e inquirenti specializzati. Le sue intuizioni porranno le basi per la definizione in Italia del reato di associazione a delinquere di stampo mafioso.
Dando voce ai protagonisti, grazie all’esame di numerose fonti d’archivio statunitensi e alla raccolta di testimonianze dirette, questo libro ricostruisce in modo puntuale la storia di una strategia che ha rivoluzionato la percezione della mafia e indicato i metodi per contrastarla.

Gabriele Santoro (Roma 1984) è giornalista professionista dal 2010. Ha lavorato per Adnkronos, gli esteri di Rainews24, Tv2000 e «il venerdì di Repubblica». Dal 2012 collabora con le pagine culturali de «Il Messaggero». Scrive per le riviste online «Minima&moralia» e «Il Tascabile – Treccani».

"La svolta di Valachi, i Kennedy e il primo pool antimafia"

autore:
Gabriele Santoro
collana: Principio attivo
dettagli: 272
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

La scoperta di Cosa nostra

"La svolta di Valachi, i Kennedy e il primo pool antimafia"

autore:
Gabriele Santoro
collana: Principio attivo
dettagli: 272
prezzo: 18 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "La scoperta di Cosa nostra"
(di Gabriele Santoro)



"Le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Joe Valachi sono il più importante passo in avanti compiuto dall'intelligence nella lotta contro la mafia."
Robert Kennedy, procuratore generale degli Stati Uniti




Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da La scoperta di Cosa nostra

Gabriele Santoro

"Le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Joe Valachi sono il più importante passo in avanti compiuto dall'intelligence nella lotta contro la mafia."
Robert Kennedy, procuratore generale degli Stati Uniti