La maledizione di Piazza Fontana

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "La maledizione di Piazza Fontana"
(di Andrea Sceresini,Salvini Guido)

“Se un nuovo processo venisse celebrato oggi,
con i dati contenuti in questo libro,
è probabile che i responsabili della strage
di piazza Fontana avrebbero tutti o quasi un nome.”
Guido Salvini
“In Argentina Giovanni Ventura mi ha confidato
che Delfo Zorzi ha partecipato
all’operazione di piazza Fontana.
La cellula di Padova aveva un deposito
di armi ed esplosivi, mai scoperto, in un casolare
di campagna alla periferia di Treviso.”
Giampaolo Stimamiglio, ex ordinovista di Verona
“I dettagli del piano erano certamente noti
ai massimi vertici politici, in Italia come negli Stati Uniti.”
Gianadelio Maletti, ex numero due del Sid
Giugno 2005: la Corte di cassazione conferma l’assoluzione degli ultimi neofascisti imputati per la strage del 12 dicembre 1969. Settembre 2008: il giudice Guido Salvini, autore dell’istruttoria che ha portato all’ultimo processo sulla strage, riceve la lettera di un ex ordinovista padovano. “La prego contattarmi personalmente – recita – per novità su piazza Fontana.” È il primo passo di una lunga e puntigliosa inchiesta privata che in questo libro, scritto con la collaborazione del giornalista Andrea Sceresini, è raccontata e resa pubblica per la prima volta. Una vera e propria ricerca degli uomini di piazza Fontana. I nomi e le storie dei terroristi neri sfuggiti alla giustizia. Un documentato atto d’accusa contro una parte della magistratura, le sue responsabilità e inadempienze, che farà discutere. Nel corso di dieci anni Salvini è tornato a parlare con le sue vecchie fonti, ne ha trovate di nuove, ha smontato le bugie e gli alibi che avevano messo in difficoltà le accuse e raccolto elementi e riscontri a carico di soggetti mai sfiorati dalle indagini.
Chi era il giovanissimo neofascista che quel pomeriggio d’inverno sarebbe entrato in azione alla Banca nazionale dell’agricoltura? Cosa aveva da raccontare la “Fonte Turco” del Sid, insabbiata in tutta fretta per ordine dei vertici dei servizi segreti? Cosa lega il suicidio di un ex legionario nel Sud della Francia con la morte in Angola di un ricco imprenditore padovano? Ma soprattutto: perché i magistrati non sono stati in grado di compiere fino in fondo il loro dovere? Una narrazione ricca di elementi inediti, a cinquant’anni dalla strage. La vicenda più drammatica della nostra Repubblica raccontata come un grande giallo italiano.
Guido Salvini, giudice presso il Tribunale di Milano, è uno dei pochi magistrati che, per ragioni di indipendenza personale, non aderisce ad alcuna corrente organizzata della magistratura.
Negli anni Novanta, come giudice istruttore, ha condotto le indagini sull’eversione di destra e sulla strage di piazza Fontana, i cui risultati sono confluiti nell’ultimo processo, il terzo, sulla vicenda. Proprio mentre conduceva queste indagini è stato sottoposto a un procedimento aperto dal Csm che comportava il suo trasferimento da Milano. Si è difeso personalmente e strenuamente per anni dalle accuse, uscendone del tutto indenne e dimostrando la loro infondatezza. Ha proseguito le sue indagini sulla strage anche dopo il 2005, data dell’ultima archiviazione. I risultati del suo lavoro decennale sono contenuti in questo libro ricco di rivelazioni inedite. Nel 2013 ha pubblicato la raccolta di scritti sulla giustizia Office at night e nel 2019, per le edizioni Pendragon, il libro di riflessioni personali Domenica mattina presto.
Andrea Sceresini, giornalista freelance, per Chiarelettere ha scritto L’avvocato del diavolo (con Vittorio Dotti, 2014), La seconda vita di Majorana (con Giuseppe Borello, Lorenzo Giroffi, 2016), Internazionale nera (2017) e, con Danilo Pagliaro, Mai avere paura (2016) e La scelta (2018). Ha realizzato documentari, inchieste e reportage per Rai, Mediaset e Sky, lavorando anche come reporter dai fronti di guerra. Ha collaborato con “L’Espresso”, “il Fatto Quotidiano”, “La Stampa”, “L’Europeo” e altre testate. Nel 2016 ha vinto il premio Dig. Attualmente lavora a Mediaset.

"L'indagine interrotta. I testimoni dimenticati. La guerra tra i magistrati."

autore:
Andrea Sceresini,Salvini Guido
collana: Principio attivo
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

La maledizione di Piazza Fontana

"L'indagine interrotta. I testimoni dimenticati. La guerra tra i magistrati."

autore:
Andrea Sceresini,Salvini Guido
collana: Principio attivo
prezzo: 22,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "La maledizione di Piazza Fontana"
(di Andrea Sceresini,Salvini Guido)



Nell’anno del cinquantesimo anniversario,
le rivelazioni esclusive del giudice
che ha condotto l’ultima istruttoria su Piazza Fontana




Le vostre recensioni 1 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Saverio Regasto:
Una straordinaria ricostruzione del fallimento giudiziario del processo sulla strage, non disgiunta dalla vergognosa vicenda di un fedele e silente servitore dello Stato, il giudice Salvini, fatto oggetto, per anni, di una vera e propria persecuzione per il sol fatto di essere davvero autonomo e indipendente... Lettura necessaria per comprendere certi mali dell'Italia di ieri e di oggi.


un pretesto per leggerlo
Tratto da La maledizione di Piazza Fontana

Andrea Sceresini,Salvini Guido

Nell’anno del cinquantesimo anniversario,
le rivelazioni esclusive del giudice
che ha condotto l’ultima istruttoria su Piazza Fontana