La Lobby di Dio


Ferruccio Pinotti presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "La Lobby di Dio"
(di Ferruccio Pinotti)

"Una Chiesa privata, ben sintonizzata con gli umori della destra italiana e dominata dall'affettuosa confidenza con banchieri e imprenditori."
Gad Lerner, "la Repubblica", 28 agosto 2010.

Più potente dell'Opus Dei, più efficiente della massoneria.Questo libro racconta per la prima volta dall'interno come funzionano Comunione e liberazione e il suo braccio finanziario, la Compagnia delle opere (una rete di più di 34.000 imprese, un fatturato complessivo di almeno 70 miliardi di euro). Un potere che sembra inarrestabile. "Questo nostro modello conquisterà l'Italia" ha detto Roberto Formigoni. Il modello, in gergo ciellino, si chiama "amicizia operativa". E oggi sempre più imprese, complice la crisi finanziaria, si avvicinano a Cl per godere dell'ombrello protettivo della Compagnia delle opere.

In questo libro si propone la prima vera inchiesta su Cl: i rapporti del movimento con Berlusconi fin dagli anni Settanta (nel 1978 nasce "Il Sabato", il settimanale di Cl finanziato dall'attuale premier), i legami con la sinistra (Bersani al Meeting di Rimini 2003: "Solo l'ideale lanciato da Cl negli anni Settanta è rimasto vivo") e con la Lega Nord. Dall'università alla scuola, alla sanità, alla finanza, all'edilizia, ai servizi sociali e all'assistenza, quello legato a Cl è un business che vale miliardi di euro e seduce tutti, imprenditori, politici e uomini d'affari. Non senza conseguenze giudiziarie, come dimostrano le inchieste Oil for Food, Why Not, La Cascina, oltre a quella della Procura di Padova sui fondi Ue o i procedimenti che hanno toccato la sanità lombarda.

Un viaggio tra i membri di Comunione e liberazione, con interviste esclusive ad alcuni appartenenti ai Memores Domini, i "monaci guerrieri" che praticano la castità e vivono in residenze comuni, secondo uno stile di vita che molto ricorda quello dei numerari dell'Opus Dei (Formigoni è il più illustre tra i Memores Domini). La testimonianza dura e lucidissima di un fuoriuscito dal movimento ("Dovevo allontanarmi da questa situazione tossica") e quella di uno psicoterapeuta che ha conosciuto molti militanti di Cl e ne racconta fragilità e paure ("La dipendenza che crea è molto profonda") restituiscono il ritratto spiazzante e veritiero di una lobby affamata di potere.

"Fede, affari e politica. La prima inchiesta di Comunione e liberazione e la Compagnia delle opere"

autore:
Ferruccio Pinotti
collana: Principio attivo
dettagli: 464 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

La Lobby di Dio

"Fede, affari e politica. La prima inchiesta di Comunione e liberazione e la Compagnia delle opere"

autore:
Ferruccio Pinotti
collana: Principio attivo
dettagli: 464 pagine
prezzo: 16.6 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "La Lobby di Dio"
(di Ferruccio Pinotti)



"Berlusconi è come De Gasperi.""Raffaello Vignali, ex presidente della Compagnia delle opere, 7 aprile 2006
"La vostra accoglienza mi ha commosso, direi mi ha sbalordito, mi ha carburato."
Silvio Berlusconi al Meeting di Rimini, agosto 2002
"Non ho nulla per cui protestare, solo da ringraziare."
Scritta stampata sulle T-shirt in vendita al Meeting di Rimini 2010
"Sono entrato perché Cl ti aiuta in tutto. Io non avevo amici, vivo in un paesino della Calabria, non ho chance.""
Testimonianza di un giovane ciellino, Meeting di Rimini 2009
"È entrato a far parte di Cl un personaggio come Marco Barbone, l'omicida di Walter Tobagi."
Marco Barbone è responsabile della comunicazione della Compagnia delle opere
"È un meccanismo diabolico: io curo i rapporti con il politico, lui mi dà i finanziamenti, io gli assumo la gente, lui si prende i voti.""
Arturo Zannelli, già direttore della Compagnia delle opere Calabria e marito di Caterina Merante, teste chiave dell'inchiesta Why Not
"Don Giussani mi ripeteva sempre di considerarmi l'uomo della Provvidenza."
Silvio Berlusconi, 22 febbraio 2005.
"In Cl incontri la ragazza, ti sposi, trovi lavoro, fai figli, li educhi, li sistemi, sempre con ciellini e tra ciellini. È un vuoto che ti dà l'illusione della pienezza."
Luigi Cortesi, psicoterapeuta, cattolico, ha frequentato e conosciuto vari membri del movimento
"Nemmeno la mafia a Palermo ha tanto potere. Negli ospedali,nell'assistenza,nell'università…""
Eugenio Scalfari sul potere della Compagnia delle opere in Lombardia, "la Repubblica", 13 ottobre 2008
"Puoi essere un corruttore, un tangentista, un terrorista, ma se vai da loro e scopri l'incontro con Gesù potrai tranquillamente entrare nell'orbita di Cl.""
Mino Martinazzoli, più volte ministro della Repubblica nelle file della Democrazia cristian




Le vostre recensioni 7 recensioni
5 stelle
 
 (5)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 
 (2)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Roberto Boccarusso:
Libro da leggere con un secchio a portata di mano, perchè i conati arrivano presto. Una attenta disamina della rivoltante ipocrisia che invade CL e la CDO (ma non solo), basta infatti ascoltare ciò che viene detto e confrontarlo con ciò che viene fatto negli ambienti cattolici per avere un quadro, acritico, di queste realtà. Il povero Don Giussani si starà rivoltando nella tomba, mentre il popolo di CL pare non vedere, ma probabilmente finge di non vedere, lo stomachevole spettacolo...

Mario:
Grande libro, grandissima inchiesta. Mi ha aperto gli occhi su un mondo che conoscevo ma non così a fondo. Sono ancora esterefatto per lo squallore che emerge da un movimento religioso cattolico che ha alle sue origini tutte le migliori intenzioni. Ora troppi soldi, troppo marcio che viene a galla. Dato che sono amico e simpatizzante del movimento, invito tutti i ciellini onesti e genuini a ribellarsi di fronte a tanto squallore umano. Non abbiate paura della verità, diceva Giovanni Paolo II.

paolo pellegrino:
letto in tre giorni. Testo fondamentale per capire come funziona la Lombardia (ma anche la Sicilia e l'Emilia Romagna, per esempio), il retrobottega del movimento cattolico, la selva dei legami nascosti sotto l'amore finto per Gesu' Cristo. Ogni ciellino dovrebbe averne uno sul comodino.

OSCAR:
Faccio subito una premessa: non sono di CL ! Ammetto che ho letto questo libro cercando di essere il più imparziale possibile. Il risultato è che l'autore ha fatto una " sorta di frullato " tra alcune informazioni che sicuramente sono vere ed altre che sono assolutamente INGIGANTITE. Penso questo perchè mia moglie che appartiene al movimento da molto tempo, non ha mai: ripeto mai , assunto o fatto determinate cose che nel libro vengono scritte. In vita mia ho partecipato per tre volte alla scuola di cominità, ma mi è sembrata una catechesi fatta con razionalità e con serietà. Non metto in dubbio che a volte vengano dati dei consigli su come comportarsi nella nostra società, ma questo non credo sia cosi scandaloso da suscitare sdegno. Io appartengo ad un altro movimento cattolico di impostazione totalmente diversa da CL, e credetemi se uno vuole approfondire ed amare Gesù non si deve vergognare di manifestare la propria fede anche al di fuori delle mura di una chiesa. Certo, non metto in dubbio che qualcuno se ne possa approffittare ( questo vale per qualsiasi ambito o settore della nostra vita sociale e politica ),ma credo che molte cose scritte siano veramente esagerate e atte a scontrarsi con una realtà ben diversa. Perchè non pensare ai giovani che vanno al meeting come volontari pagandosi pure le spese come uno scandalo ?... forse molti di loro cercano amicizie vere, testimonianze "forti" ! Perchè in Italia se una persona ( tanto più se giovane ) fa del volontariato ( quindi non retribuito ) è considerato un opportunista ? P.S.Oltre a non essere di CL non sono neanche del PDL e della Lega.

Dany:
Scorrevole e semplice. Apre gli occhi davanti all'ennesima multinazionale in orbita vaticana... Curando oltre ke i suoi interessi anke legami con l'opus dei! Soldi chiamano soldi! Amen

Gianluigi:
Avendo molti colleghi appartenenti a CL dal comportamento contraddittorio e settario ho cercato di approfondire le ragioni che portano gli individui ad assumere certi comportamenti. Il libro di Pinotti consente di approfondire le tante contraddizioni che permeano un movimento che perlomeno in Lombardia dove vivo sta assumendo dimensioni di invasività e condizionamento dei cittadini (attraverso per esempio il controllo della sanità e di vasti settori dell'educazione)davvero imbarazzanti. Lo stile giornalistico è avvincente consentendo di leggere con leggerezza notizie che sconcertano.

Luigi Murtas:
Vedo che nella classifica del "potere", CL avrebbe sorpassato l'Opus Dei; infatti in questo genere di letteratura fin ora si diceva che nulla era più potente della Obra. E se è vero quel che disse Giovanni Paolo II a don Alvaro del Portillo, essere cioè la potenza dell'Opera la preghiera, c'è allora da rallegrarsi enormemente di questa "gara" tra diverse realtà ecclesiali, sperando che non ci sia mai un vincitore ma un continuo emularsi. Anche se, alla fine, conta solo, come suggerisce san Paolo, "gareggiare nello stimarsi a vicenda". E la stima per don Giussani è davvero grande, immensa, come pure per chi si sforza - con i propri limiti e difetti - di seguirne l'esempio.


un pretesto per leggerlo
Tratto da La Lobby di Dio

Ferruccio Pinotti

"Puoi essere un corruttore, un tangentista, un terrorista, ma se vai da loro e scopri l'incontro con Gesù potrai tranquillamente entrare nell'orbita di Cl.""
Mino Martinazzoli, più volte ministro della Repubblica nelle file della Democrazia cristian