Il regalo di Berlusconi


Antonella Mascali presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Il regalo di Berlusconi"
(di Peter Gomez,Antonella Mascali)

"Mills ha agito certamente da falso testimone. Da un lato per consentire a Silvio Berlusconi e al gruppo Fininvest l'impunità dalle accuse o almeno il mantenimento degli ingenti profitti realizzati attraverso operazioni societarie e finanziarie illecite. Dall'altro per perseguire il proprio vantaggio economico." Dalla sentenza di condanna in primo grado di David Mills, 17 febbraio 2009, all'interno del libro. Nicoletta Gandus Presidente, Pietro Caccialanza Giudice, Loretta Dorigo Giudice.

Bisogna cominciare da qui. Dalle motivazioni della sentenza di condanna che il 17 febbraio 2009 ha inflitto quattro anni e mezzo di carcere in primo grado a David Mills, l'avvocato inglese, marito di un ministro laburista, creatore a partire dal 1978 della rete delle società offshore del gruppo Fininvest.

Un documento eccezionale, solo in parte raccontato da giornali e tv, in cui si spiega come dietro le assoluzioni di Berlusconi nei vecchi processi (corruzione della Guardia di Finanza) ci sia la falsa testimonianza di Mills. E in cui, finalmente, viene alzato il coperchio sul sistema di fondi neri che ha garantito al Cavaliere anni di guadagni esentasse: centinaia di milioni di euro sottratti allo Stato. Tutto grazie a lui, Mills, il professionista foraggiato da Berlusconi prima con 10 miliardi di lire e poi con una tangente da 600mila dollari.

Due imputati ma un solo condannato: il presunto corrotto. L'altro, l'uomo che lo aveva pagato per farlo tacere, nel frattempo ha fatto carriera ed è diventato presidente del Consiglio. Lo ha voluto il popolo. E grazie alle leggi ad personam (in questo caso il lodo Alfano, approvato in consiglio dei ministri anche dal premier) è riuscito a non essere processato. Un delitto perfetto!

Questo libro illustra con fatti, testimonianze e documenti inediti alla mano, tutte le trappole e gli inganni tesi a danno di magistrati, giornalisti, avversari politici: per salvare Berlusconi e condannare noi cittadini a non sapere. Basta leggere la sintesi della sentenza pubblicata all'interno. Chi dovrebbe salvaguardare le leggi dello Stato ha fatto di tutto per occultare la verità e conservare il potere. Fino a quando?

"Comprare un testimone, vincere i processi e diventare premier. La vera storia del caso Mills"

autore:
Peter Gomez,Antonella Mascali
collana: Principio attivo
dettagli: 336 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Il regalo di Berlusconi

"Comprare un testimone, vincere i processi e diventare premier. La vera storia del caso Mills"

autore:
Peter Gomez,Antonella Mascali
collana: Principio attivo
dettagli: 336 pagine
prezzo: 15 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Il regalo di Berlusconi"
(di Peter Gomez,Antonella Mascali)



"Mills stesso ha dichiarato che le società offshore di Fininvest erano state costituite su diretto ordine di Silvio Berlusconi."
Dalla sentenza
"The B people... sapevano bene quanto la mia testimonianza, per usare un eufemismo, avesse tenuto Mr. B fuori da un sacco di problemi."
David Mills
"Al fisco inglese Mills dichiarava che gli oltre dieci miliardi di lire italiane... con il consenso di Berlusconi in persona erano divenuti definitivamente di sua proprietà."
Dalla sentenza
"È stato un lavoro basato esclusivamente sul diritto. È il nostro dovere e siamo pagati per farlo, certo non siamo pagati per ricevere offese."
Giudice Pietro Caccialanza
"Gli scatoloni contenenti le carte americane erano stati aperti... È la prova lampante di come, durante l'era Castelli, venissero violati gli atti segreti delle indagini che riguardavano il presidente del Consiglio."
"Il Collegio è supinamente adagiato sulla tesi accusatoria."
Silvio Berlusconi, 2008
"La sentenza emessa nel processo Fininvest ha accertato che la Guardia di Finanza era stata corrotta... affinché non venissero svolte approfondite indagini in ordine alle società del Gruppo Fininvest e non ne emergesse la reale proprietà."
Dalla sentenza




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 
 (1)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Sara:
Non posso fare a meno di pensare che l'ossessione di certa stampa per Berlusconi vada a sommarsi alla persecuzione giudiziaria. Sforzarsi di demolirlo significa rafforzarlo...questo libro si innesta nello stesso filone. E' ora di smetterla, e di provare a fare inchiesta su fatti e vicende tenuti oscuri e sopraffatti dalle notizie riguardanti B.

Pierpaolo:
Come al solito chi ha orecchie e vuole sentire senta. Chi invece non vuole sentire, non vuole vedere, ciò che combinano quei delinquenti che ci governano non lo legga.

MAX:
Consigliato agli interessati di questi temi. Antonella Mascali è giornalista di Radio Popolare di Milano, segue e racconta le vicende giudiziarie, da quelle riguardanti la mafia agli scandali giudiziari di Tangentopoli.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Il regalo di Berlusconi

Peter Gomez,Antonella Mascali

"La sentenza emessa nel processo Fininvest ha accertato che la Guardia di Finanza era stata corrotta... affinché non venissero svolte approfondite indagini in ordine alle società del Gruppo Fininvest e non ne emergesse la reale proprietà."
Dalla sentenza