Il partito del cemento


Marco Preve presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Il partito del cemento"
(di Ferruccio Sansa,Marco Preve)

Adesso come allora. Come ai tempi de La speculazione edilizia di Calvino (1957). Una nuova colata di cemento si abbatte sull'Italia, a partire dalla Liguria. La febbre del mattone non conosce ostacoli perchè raccoglie consensi trasversali, e al diavolo il paesaggio.
Chi può, se ne va ai Caraibi. Castelli, ex fabbriche, conventi, colonie, ex manicomi, ospedali: tutto si può "riqualificare", parola magica che nasconde ben altro.

Politici locali e nazionali, di destra e di sinistra, imprenditori, alti prelati, banchieri, siedono contemporaneamente in più consigli di amministrazione e si spartiscono cariche pubbliche, concorsi, appalti, finanziamenti.
Allo scopo servono anche associazioni culturali o in difesa dell'ambiente, appuntamenti gastronomici, feste e premi. Controllori e controllati spesso sono la stessa persona, famigliari o amici fidati.
"Fare sistema" da queste parti vuol dire costruire una rete sul territorio che non lascia spazi a chi non è della partita. In nome degli affari.

La Liguria sta coprendosi di quasi tre milioni di metri cubi di cemento e se non c'è più posto a terra, si prova sul mare, costruendo nuovi porti per decine di migliaia di posti barca. Non mancano neppure i grattacieli, opera di architetti prestigiosi (Bofill e Fuksas a Savona, Consuegra ad Albenga) che hanno messo da parte qualsiasi scrupolo paesaggistico (ma Renzo Piano si è ritirato da un progetto che inizialmente portava la sua firma).

Parlando di cemento e di piani regolatori, si arriva necessariamente a parlare della mancanza di regole di una classe dirigente in bilico tra l'imbroglio, la trama del sottogoverno e l'interesse personale. Di un'umanità approssimata moralmente e culturalmente.
Addio all'Alassio di Carlo Levi e di Hemingway, addio alla Sanremo di Calvino, addio alle Bocche di Magra della Duras, di Vittorini, Pavese, Einaudi. Addio alla Liguria degli artisti e degli intellettuali.

Ma non tutto è perduto, c'è chi si batte e ottiene risultati sorprendenti. Basta cominciare dal basso. Tutti possiamo esercitare il ruolo di cittadini, come dimostrano le associazioni libere e le iniziative che sono nate in questi mesi, in questi anni.

"Politici, imprenditori, banchieri. La nuova speculazione edilizia."

autore:
Ferruccio Sansa,Marco Preve
prefazione di: Marco Travaglio
collana: Principio attivo
dettagli: 320 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Il partito del cemento

"Politici, imprenditori, banchieri. La nuova speculazione edilizia."

autore:
Ferruccio Sansa,Marco Preve
prefazione di: Marco Travaglio
collana: Principio attivo
dettagli: 320 pagine
prezzo: 14.6 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Il partito del cemento"
(di Ferruccio Sansa,Marco Preve)



"Albenga rischia di essere rovinata per sempre. Quando ho visto il progetto credevo di essere su" Scherzi a parte "e invece, purtroppo, è tutto vero... Dobbiamo mobilitarci tutti. Non lasciamo che Albenga e la Liguria siano rovinate per sempre." Antonio Ricci, autore e inventore tra l'altro di Striscia la notizia, cittadino di Albenga.
"Caro signor Porchia non sei il sindaco di Imperia, sei il capo di un gruppo parassitario che non conta un tubo e non prende un voto." Claudio Scajola, ex sindaco di Imperia, attuale ministro dello Sviluppo economico, a Claudio Porchia, segretario della Cgil di Imperia, reo di aver criticato il progetto di realizzazione di quello che dovrà diventare uno dei più grandi porti del Mediterraneo (1440 posti barca, 112 appartamenti, negozi e altre attività).
"Casamenti cittadini di sei-otto piani, a biancheggiare massicci come barriere di rincalzo al franante digradare della costa, affacciando più finestre e balconi che potevano verso mare. La febbre del cemento s'era impadronita della Riviera." Italo Calvino, La speculazione edilizia (1957).
"Il porto di Lavagna è uno dei più grandi del Mediterraneo, con 1600 ormeggi, una previsione di ulteriore sviluppo, un giro d'affari plurimilionario e una contraddizione da Guinness dei primati: non è stato ancora collaudato." Il porto di Lavagna è attivo dal 1973.
"La colata di cemento che con la benedizione trasversale di tutte le forze politiche sta per abbattersi sulla Liguria dovrebbe essere oggetto di grande preoccupazione, per non dire allarme." Anna Canepa, pm presso la Procura distrettuale antimafia di Genova.
"La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione." Articolo 9 della Costituzione italiana.
"Oggi noi viviamo un secondo dopoguerra. Ogni volta che torno nella mia Savona non posso fare a meno di notare il progressivo innalzarsi delle costruzioni. E non capisco... continua a sorprendermi che in tutti, istituzioni, imprenditori, ma anche negli stessi cittadini, l'idea di modernità debba per forza passare attraverso il costruire, l'edificare." Fabio Fazio, tratto da MicroMega, luglio 2006.




Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 
 (3)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Giancarlo Garassino:
Ottimo e coraggioso

br1:
E' veramente un libro ben fatto. Tanto dettagliato e particolareggiato quanto inquietante per la delicatezza dei temi trattati. Lo consiglierei sicuramente ai liguri, a prescindere dall'appartenenza politica, infatti è ammessa qualsiasi "militanza", per meglio comprendere le ragioni e gli interessi sottesi alle speculazioni edilizie effettuate, in corso e future nella loro Regione...ma anche ai non liguri;il libro a mio avviso infatti ci svela un valido "spaccato" degli interessi politico-imprenditoriali sottesi a inesistenti interessi locali, provinciali e regionali. In altre parole l'opera, prendendo spunto da quanto accade in Liguria, ci mostra quelli che sono gli introiti e gli arricchimenti malcelati da improbabili piani di sviluppo locali.....in tutta Italia. A tratti forse un pò ripetitivo ma comunque.......molto, molto e ancora molto educativo, allarmante ed illuminante. Complimenti agli Autori.

Riccardo:
condivido quanto detto da elafos. va letto con attenzione, perchè i due abili autori mettono onestamente in chiaro la distinzione tra fatti e loro interpretazioni. infine un invito ai non liguri: leggetelo anche voi, de te fabula narratur. e attraverso cemento e consorterie in liguria si arriva a capire un po' di più tutta la politica italiana d'oggi

elafos :
Per chi abita in Liguria questo libro è una chiave di lettura indispensabile per capire quello che succede dietro agli innumerevoli cantieri edili che quotidianamente vediamo sorgere sotto ai nostri occhi. Vediamo le nostre città stravolte da ingenti colate di cemento, si costruiscono grattaceli con appartamenti vista mare extra lusso eppure vuoti e tutto in nome della speculazione... E' un gran bel libro che lascia un gran amaro in bocca.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Il partito del cemento

Ferruccio Sansa,Marco Preve

"Oggi noi viviamo un secondo dopoguerra. Ogni volta che torno nella mia Savona non posso fare a meno di notare il progressivo innalzarsi delle costruzioni. E non capisco... continua a sorprendermi che in tutti, istituzioni, imprenditori, ma anche negli stessi cittadini, l'idea di modernità debba per forza passare attraverso il costruire, l'edificare." Fabio Fazio, tratto da MicroMega, luglio 2006.