Il cavaliere nero

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Il cavaliere nero"
(di Paolo Biondani,Carlo Porcedda)

Il primo libro che racconta tutta la storia di Silvio Berlusconi attraverso le sentenze
definitive dei tribunali: fatti certi, comprovati e riscontrati.

Un prezioso apparato di prove documentali in appendice.

Un grande racconto italiano che arriva fino a oggi.


Il racconto finalmente definitivo di un sistema che ha condizionato un intero paese e arricchito una sola famiglia, quella di Silvio Berlusconi. Un sistema che oggi può essere ricostruito non a partire da fatti presunti ma attraverso sentenze definitive, carte ufficiali e incontestabili sulla base delle quali gli autori, con chiarezza e passione, raccontano un’avventura incredibile che si legge come un romanzo.
Una storia che ha impegnato per anni magistrati e investigatori, tra mille ostacoli, archivi che improvvisamente spariscono, testimoni corrotti, personaggi da film, avvocati senza scrupoli, affaristi e faccendieri spregiudicati. Fino a due sentenze definitive che avrebbero cancellato dalla scena della politica qualsiasi figura pubblica; non in Italia, non con Silvio Berlusconi. La sentenza Mediaset racconta con prove certe il gigantesco patrimonio nero immagazzinato negli anni nei più impenetrabili paradisi fiscali. La sentenza che ha portato in carcere Marcello Dell’Utri, condannato per mafia, documenta tutti i rapporti riscontrati con Cosa nostra. Un libro indispensabile per conoscere chi è davvero il leader indiscusso della destra italiana.

Paolo Biondani è giornalista de “l’Espresso”. Tra i suoi libri ricordiamo “Capitalismo di rapina” (con Mario Gerevini e Vittorio Malagutti, Chiarelettere 2007).

Carlo Porcedda, dopo dodici anni da cronista politico all’Ansa di Milano, attualmente svolge la professione come freelance.

La prima edizione di questo libro è uscita nel novembre del 2013, pochi mesi dopo la sentenza Mediaset. Una seconda edizione aggiornata è uscita nell’ottobre del 2015, poco dopo la sentenza definitiva di condanna per concorso esterno in associazione mafiosa di Marcello Dell’Utri, attualmente in carcere.

"La vera storia di Silvio Berlusconi"

autore:
Paolo Biondani,Carlo Porcedda
collana: Principio attivo
dettagli: 256
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Il cavaliere nero

"La vera storia di Silvio Berlusconi"

autore:
Paolo Biondani,Carlo Porcedda
collana: Principio attivo
dettagli: 256
prezzo: 16, €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Il cavaliere nero"
(di Paolo Biondani,Carlo Porcedda)



Il primo libro che racconta tutta la storia di Silvio Berlusconi attraverso le sentenze
definitive dei tribunali: fatti certi, comprovati e riscontrati.

Un grande racconto italiano che arriva fino a oggi.

Un prezioso apparato di prove documentali in appendice.


“Berlusconi è stato condannato a rimborsare allo Stato 10 milioni di euro. Meno di un trentaseiesimo dei profitti che ha potuto nascondere all’estero.”
“Dell’Utri è stato l’anello più importante di una catena che ha consolidato e rafforzato Cosa nostra... Un decisivo intermediario tra gli interessi della mafia e quelli di Berlusconi.”
Dalla sentenza di condanna di Marcello Dell’Utri per concorso esterno in associazione mafiosa.
“Era un’area di attività assolutamente chiusa e impenetrabile… dava conto direttamente a Silvio Berlusconi e non riferiva al consiglio d’amministrazione.”
“Mi si accusa di qualcosa che non esiste. Ve lo giuro sui miei cinque figli.”
Silvio Berlusconi, 20 giugno 2008.
“Nel giro di un anno la società personale di Berlusconi compra dalla Fininvest 767 film, pagandoli poco più di 22 milioni di dollari, subito dopo rivende 702 film a Mediaset, incassando oltre 60 milioni di dollari.”
Si tratta della Mercurio Srl, società personale di Berlusconi che acquista i diritti dei film Fininvest poco prima della quotazione in Borsa e della nascita di Mediaset.
“Non credo che occorrano molte parole: io sono stato sentito più volte in indagini e processi che riguardavano Silvio Berlusconi e il Gruppo Fininvest… ho tentato di proteggerlo nella massima misura possibile e di mantenere, laddove possibile, una certa riservatezza sulle operazioni che ho compiuto per lui.”
David Mills, 18 luglio 2004.
“Silvio Berlusconi è l’ideatore, l’organizzatore e il beneficiario finale di una colossale e sistematica frode fiscale.”
Sentenza Mediaset, 1° agosto 2013.
“Solo dal 1991 al 1994 i soldi in nero versati ai giocatori delle varie squadre di Berlusconi hanno raggiunto l’importo complessivo di 122 miliardi 552 milioni di lire (oltre 61 milioni di euro).”
Atto d’accusa sistema Fininvest-All Iberian, 2001.




Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da Il cavaliere nero

Paolo Biondani,Carlo Porcedda

Tratto da Il cavaliere nero

Paolo Biondani,Carlo Porcedda

“Solo dal 1991 al 1994 i soldi in nero versati ai giocatori delle varie squadre di Berlusconi hanno raggiunto l’importo complessivo di 122 miliardi 552 milioni di lire (oltre 61 milioni di euro).”
Atto d’accusa sistema Fininvest-All Iberian, 2001.