I veri intoccabili


Franco Stefanoni presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "I veri intoccabili"
(di Franco Stefanoni)

La metà dei componenti del Parlamento italiano è iscritta a un ordine professionale. Un gruppo trasversale: il partito dei professionisti. Stiamo parlando di più di due milioni di persone in Italia, divise in 28 categorie: avvocati, medici, notai, ingegneri, giornalisti, farmacisti... Hanno enti previdenziali propri, un patrimonio di circa 50 miliardi di euro investiti in beni immobili e titoli finanziari. Quello degli ordini professionali è un mondo chiuso e ancora tutto da raccontare. Una macchina del privilegio, con meccanismi e regole scritte e non scritte.
Questo libro lo racconta, attraversando inchieste e scandali, modalità di accesso non sempre trasparenti e sanzioni disciplinari che arrivano con incredibile ritardo. Nati con l'alibi di difendere il cittadino-consumatore, gli ordini professionali proteggono solo se stessi, tramandandosi il potere in maniera quasi ereditaria (il 44 per cento degli architetti è figlio di architetti, il 41 per cento dei farmacisti è erede di farmacisti, il 37 per cento dei medici è figlio di un medico). Ogni tentativo di riforma è bloccato (così Fabrizio Cicchitto, Pdl, definisce la tentata riforma Bersani del 2006: "Un esempio estremista di vendetta sociale"). All'interno delle stesse professioni c'è chi prova a opporsi (l'Anarchit - Associazione nazionale architetti italiani, Altrapsicologia, il Movimento nazionale liberi farmacisti...): invocano l'eliminazione degli albi e un radicale cambiamento che metta in prima fila libertà e merito, abbattendo ogni privilegio. La loro battaglia è la battaglia di tutti i cittadini italiani.

"LA RIFORMA DELLE PROFESSIONI È COME L'AUTOSTRADA SALERNO-REGGIO CALABRIA, SIAMO SEMPRE IN CODA, NERVOSI E IMPOTENTI, MENTRE NIENTE CAMBIA."
Michele Vietti, esponente Udc, vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura

AUTORE
Franco Stefanoni è giornalista de "il Mondo". Da anni si occupa di liberi professionisti e ordini professionali, raccontandone fatti e misfatti. È autore di FINANZA IN CRAC (Editori Riuniti, 2004), IL CODICE DEL POTERE (2007), IL FINANZIERE DI DIO. IL CASO ROVERARO (2008), MAFIA A MILANO (con Mario Portanova, Giampiero Rossi, nuova edizione 2011) tutti pubblicati da Melampo.

"Commercialisti, avvocati, medici, notai, farmacisti. Le lobby del privilegio"

autore:
Franco Stefanoni
collana: Principio attivo
dettagli: 240 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

I veri intoccabili

"Commercialisti, avvocati, medici, notai, farmacisti. Le lobby del privilegio"

autore:
Franco Stefanoni
collana: Principio attivo
dettagli: 240 pagine
prezzo: 15,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "I veri intoccabili"
(di Franco Stefanoni)



"Attenzione, rischiamo di perdere voti... Inimicarsi le professioni può costare caro."
Massimo Brutti, esponente dei Ds (oggi Pd), autunno 2000.
"Fa specie leggere che la spesa per i 21 consiglieri nazionali (dell'ordine dei commercialisti) sfiora i 3,5 milioni di euro. Livello pari o addirittura superiore al costo dei consigli di amministrazione di moltissime società quotate, anche di dimensione internazionale."
Domenico Posca, Unico (Unione italiana commercialisti), 9 aprile 2009.
"Gli ordini non sono corporazioni, ma una risorsa per il paese. I professionisti sono capitani coraggiosi, colonne portanti e non permetteremo colpi di mano contro di loro."
Silvio Berlusconi, messaggio al Professional Day, Roma, 12 dicembre 2001.
"I professionisti iscritti a un ordine rappresentano il 44 per cento circa dei deputati e il 45 per cento circa dei senatori."
"L'ordine dei giornalisti va eliminato, cancellato. Restituiamo l'informazione ai loro legittimi proprietari: i cittadini italiani."
Beppe Grillo
"Le liberalizzazioni prima si fanno e poi si dicono, perché se si dicono, va a finire che non si fanno più."
Pier Luigi Bersani, maggio 2006.
"Siamo pronti a scendere in piazza in decine di migliaia, per difenderci da un vero attacco antidemocratico."
Maurizio de Tilla, ex presidente Cassa nazionale di assistenza e previdenza forense, luglio 2006, in occasione della riforma Bersani sugli ordini professionali.




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (2)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


SoloLibri.Net:
"Nell’ingorgo di pubblicazioni su caste e “libri neri” (comunismo, prima repubblica, psicoanalisi, vaticano, serial killer, capitalismo, e chi più ne ha più ne metta) questa di Franco Stefanoni sulle lobby degli ordini professionali (“I veri intoccabili”, Chiarelettere, 2011) è l’inchiesta che mancava alla bibliografia sui mali del Paese, quella che - forse - disgusta di più."

Andrea Greco, "A" Anna - 7 dicembre 2011:
"Gli ordini professionali in Italia sono 28: medici, avvocati, giornalisti, notai ecc. ecc. Solo una minoranza dei cittadini italiani ne fa parte, ma sono professionisti la metà degli eletti in Parlamento. Una grande macchina del privilegio."

Stefano77:
Per ragionare sulle "caste" che infestano la società italiana. Un testo molto interessante che mostra un vero e proprio "cancro" della società italiana.


un pretesto per leggerlo
Tratto da I veri intoccabili

Franco Stefanoni

"Siamo pronti a scendere in piazza in decine di migliaia, per difenderci da un vero attacco antidemocratico."
Maurizio de Tilla, ex presidente Cassa nazionale di assistenza e previdenza forense, luglio 2006, in occasione della riforma Bersani sugli ordini professionali.