Fuori orario


Claudio Gatti presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Fuori orario"
(di Claudio Gatti)

"Fino al 1999, quando i dati della puntualità erano inseriti manualmente, era tutto taroccato. Adesso non è più così. Ma in assenza di controlli esterni, lo spazio per l'abuso permane. Nel 2008 ben 1.754 Eurostar sono arrivati in ritardo ma registrati come puntuali." Testimonianza, documenti alla mano, di un ex dirigente del gruppo Fs

Alla tavola delle ferrovie italiane c'è da mangiare per tutti: politici, manager, intermediari, sindacalisti, grandi aziende. Prima d'ora nessuno aveva avuto modo di provarlo.

Claudio Gatti è riuscito a trovare testimonianze, rapporti riservati e email di dirigenti ed ex dirigenti, consulenti, imprenditori, fornitori: parole che rivelano un quadro allarmante frutto di disorganizzazione, sbagli, truffe, ruberie ripetute per anni e che continuano nonostante le severe denunce della Corte dei Conti.

Le Ferrovie italiane come specchio della situazione e della storia del nostro Paese. Casi paradossali che sfiorano il ridicolo come la guerra tra aziende di pulizia, carri merci scomparsi (anche perché qualcuno si rivende i pezzi al mercato nero), percorsi cambiati per puro interesse elettorale, lenzuola sporche fatte passare per pulite, gare truccate, dirigenti che intrattengono rapporti incestuosi con i fornitori, treni in ritardo fatti passare per treni in orario, locomotive rotte che continuano a rompersi, legionellosi ignorata anche dopo la morte di un ferroviere, porte di vagoni che volano via, treni vecchi fatti passare per nuovi (Frecciarossa)... Tutto provato. E regali, favori, ma anche minacce, licenziamenti e vendette per la minoranza che osa opporsi.

Ciò che conta non è la qualità del servizio ma la distribuzione di almeno 6 miliardi che ogni anno affluiscono nelle casse di Fs: per alimentare un sistema di collusione diffusa contro qualsiasi tentativo di cambiamento e che comporta per ciascuna famiglia italiana una tassa occulta di almeno 273 euro all'anno. Più del canone Rai. Questo libro permette di documentare la verità e può aiutare i più coraggiosi ad alzare la voce.

"Da testimonianze e documenti riservati le prove del disastro Fs"

autore:
Claudio Gatti
collana: Principio attivo
dettagli: 256 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Fuori orario

"Da testimonianze e documenti riservati le prove del disastro Fs"

autore:
Claudio Gatti
collana: Principio attivo
dettagli: 256 pagine
prezzo: 15 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Fuori orario"
(di Claudio Gatti)



"I capi si consegnavano alle Fs senza lavarli? 'Erano stesi all'aria, disinfettati, piegati e restituiti'. Sporchi? 'Be', li spruzzavamo con il disinfettante. Quindi, tecnicamente, si poteva dire che non fossero più sporchi'."
Testimonianza di C.B., ex proprietaria della lavanderia Alce di Pis
"I soldi sono messi in circolo. E da sempre vanno alle grandi aziende, ai partiti e ai sindacati."
Un ex dirigente Fs.
"Il vero buco nero di Trenitalia è un'eredità di 800mila ore di debito manutentivo, cioè di lavori non fatti."
Da un documento interno di Trenitalia
"Mi dissero che avevo vinto la gara. Ma poi una persona dell'Ufficio acquisti a Bologna mi ha sconsigliato. Ho capito che non era il caso di andare a dar noia a qualcun altro che, forse, doveva fare quell'attività. Dissi: 'Va bene, rinuncio'."
Giampiero Galigani, imprenditore.
"Niente è più profondamente italiano delle Fs. E niente rispecchia i limiti e i difetti del nostro popolo più delle Ferrovie dello Stato."
"Qui non puliscono più. I treni fanno schifo. Vi prego di intervenire. La situazione in Calabria è gravissima."
Email di un funzionario di Trenitalia, 11 gennaio 2006.
"Siamo a un anno e mezzo dall'apertura del mercato ad Alta velocità ed è ormai chiaro che Fs si presenterà senza treni... le Fs hanno già perso."
Due ex dirigenti Trenitalia




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Fede87:
La lettura di questo libro mi ha confermato quel che pensavo da tempo. Le aziende statali e parastatali in Italia sono inutili carrozzoni, in cui trovano spazio dirigenti mediocri e senza remore. Le FS non fanno eccezione. Bisognerebbe dare forza ai giornalisti che hanno ancora voglia e coraggio per fare inchiesta. Questo libro di Claudio Gatti è, in questo senso, tra i migliori.

Vania:
“Che certi appalti delle Ferrovie dello Stato finiscano a fornitori amici è una prassi”. Il commento di Claudio Gatti fotografa bene gli esiti che sono poi emersi dalle inchieste giudiziarie. D'altronde, che lo stato dell'Azienda di trasporto ferroviario sia pietoso è evidente a tutti. Complimenti all'autore, un'inchiesta così, chiara e puntuale, era necessaria.

Pendolino FukU:
Sei un pendolare? Compra questo libro e puoi fare viola il controllore senza procurargli un livido, solo facendogli presente per chi sta lavorando. Un capolavoro anche se questi qui se ne inventano ogni giorno per fregarti. Andrebbe aggiornato semestralmente. Da comprare pendolari miei!!!!!!!!


un pretesto per leggerlo
Tratto da Fuori orario

Claudio Gatti

"Siamo a un anno e mezzo dall'apertura del mercato ad Alta velocità ed è ormai chiaro che Fs si presenterà senza treni... le Fs hanno già perso."
Due ex dirigenti Trenitalia