E io pago

DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "E io pago"
(di Laura Maragnani,Daniele Frongia)

“Ci sono molte cose che possiamo imparare dal disastro di Roma.
E chiedere che siano fatte, in tutta Italia, per ridurre gli sprechi e i danni alla nostra vita.”
Daniele Frongia, presidente della Commissione per la spending review di Roma Capitale

UN LIBRO UNICO e rivelatore. Per la prima volta vengono resi pubblici i dati raccolti dalla Commissione che per più di due anni ha lavorato sui conti dissestati e dissennati di Roma Capitale. UN TESORO DI DOCUMENTI INEDITI “dimenticati” nei cassetti dell’amministrazione Marino.
Finalmente possiamo vedere i numeri del grande saccheggio di Roma A SPESE DI TUTTA ITALIA. E scoprire quello che nemmeno potevamo immaginare. Che il Campidoglio perde 400 milioni di euro annui tra i servizi (non dovuti) offerti gratuitamente alla Chiesa e le tasse evase dal Vaticano. Che l’acqua per le fontane della capitale ci costa più di 5 milioni di euro l’anno; che cooperative, circoli sportivi e ospedali privati fanno affari in residenze da sogno a spese nostre; che otto inquilini su dieci del Comune (naturalmente in pieno centro) non pagano l’affitto da anni. E molto altro: c’è un’Italia che se ne frega di bollette, multe, tasse, contratti, e c’è un Comune che non riesce a farsi pagare niente. Tanto c’è l’altra parte del paese che paga per tutti: almeno mezzo miliardo l’anno. Roma è il simbolo di una mala gestione diventata sistema in tanti, troppi comuni. Dall’esperienza del buco capitale, ecco un vademecum per i cittadini che vogliono DARE LA CACCIA AGLI SPRECHI e dire BASTA AI BILANCI FASULLI delle loro città. Una guida chiara alla buona amministrazione e un metodo facile, che può far risparmiare tutti.

Daniele Frongia, romano, statistico e informatico presso l’Istat, è stato fino al 2015 consigliere comunale del movimento Cinque Stelle e presidente della Commissione per la riforma e la razionalizzazione della spesa di Roma.

Laura Maragnani, giornalista (“Europeo”, “Panorama”), è autrice de "Le ragazze di Benin City" (Melampo 2007) e "I ragazzi del ’76" (Utet 2010). Ha collaborato alla stesura di "Ecce omo" (con Franco Grillini, Rizzoli 2008) e "Massoni" (con Gioele Magaldi, Chiarelettere 2014).

Daniele Frongia destinerà il ricavato del libro all’associazione Piccolo Grande Cuore Onlus per contribuire all’acquisto di un ecocardiografo dedicato alla diagnosi prenatale delle patologie cardiache<7b> per il servizio di Cardiologia pediatrica del Policlinico Umberto I – Università La Sapienza (Roma).

"Da documenti inediti tutti i soldi che gli italiani pagano per mantenere la capitale più corrotta e inefficiente d’Europa"

autore:
Laura Maragnani,Daniele Frongia
collana: Principio attivo
dettagli: 384
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

E io pago

"Da documenti inediti tutti i soldi che gli italiani pagano per mantenere la capitale più corrotta e inefficiente d’Europa"

autore:
Laura Maragnani,Daniele Frongia
collana: Principio attivo
dettagli: 384
prezzo: 17,50 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "E io pago"
(di Laura Maragnani,Daniele Frongia)



Misteri della fede
"Quanto ci costano i vigili urbani per gli eventi religiosi: 210.640 euro nel 2012; 709 mila euro nel 2013; 1,06 milioni di euro nel 2014."
In Appendice i documenti che certificano tutti i costi sostenuti dal Comune per gli eventi religiosi.
Soldi che possiamo risparmiare
"Nel cuore della Capitale, dove il libero mercato spara come minimo 1500 euro al mese per un microappartamento, il Comune si accontenta di 93 euro l’anno."
In Appendice le tabelle complete compilate dalla Commissione per la spending review e relative ai soldi che possiamo risparmiare e a tutti quelli che abbiamo già buttato.
"Affitti, tributi, monnezza, bollette dell’acqua, spese condominiali. Nessuno paga niente. O quasi. Eppure basterebbe smetterla di schifare i soldi per voltare pagina."
"Roma è una sciagura economica per tutti i contribuenti italiani."
Il salotto buono pagato dai cittadini
"Il Circolo privato canottieri Aniene – 14mila metri quadrati, tre piscine, un centro wellness, due aree fitness, una grande area ristoro, sala conferenze, ludoteca, uffici, area dedicata ai bambini, spogliatoi, parrucchiere, spazi eventi – paga un canone annuo di 39.301 euro, meno di 3500 euro al mese."
Le bollette pazze
"Nel 2012 la fontana di Trevi ha consumato acqua (potabile) per 240mila euro. Le due di piazza Farnese per 250mila. A piazza Navona il record: 590mila euro. Le fatture dell’Acea, 5 milioni mai pagati, sono finite tra i debiti ‘fuori bilancio’ nel 2015."
In Appendice le bollette con i costi per tutte le fontane romane.




Le vostre recensioni 2 recensioni
5 stelle
 
 (2)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Maurizio Ceccaioni:
Sono un giornalista e, per definizione, dovrei essere persona informata sui fatti. Ma dopo aver letto il libro - che come quelli si Stella e Rizzo uso come fossero manuali didattici - sono rimasto veramente stomacato per come si possa mandare in rovina questa città per incuria, ignoranza, complicità, menefreghismo. Un libro denuncia che andrebbe letto da tutti i cittadini, che pagano una forte penale per la cattiva gestione di Roma, che di capitale ha solo il nome aggiunto sulle carte ufficiali.

Omar Acone:
un must per chi vuole sapere davvero chi come e quando e quanto sia stata magnata, spolpata disossata la capitale d'italia, e cosa significhi nella vita dei cittadini e di tutti i giorni vivere nella città di "Mafia Capitale". prima di leggerlo dotatevi di tisane calmanti, camomille e musica soft nello stereo o rischiate la crisi di nervi da pagina cinque in poi...


un pretesto per leggerlo
Tratto da E io pago

Laura Maragnani,Daniele Frongia

Le bollette pazze
"Nel 2012 la fontana di Trevi ha consumato acqua (potabile) per 240mila euro. Le due di piazza Farnese per 250mila. A piazza Navona il record: 590mila euro. Le fatture dell’Acea, 5 milioni mai pagati, sono finite tra i debiti ‘fuori bilancio’ nel 2015."
In Appendice le bollette con i costi per tutte le fontane romane.