Doveva morire


Sandro Provvisionato presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Doveva morire"
(di Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato)

A quasi quarant’anni dal delitto Moro, questo libro rimane il punto di riferimento fondamentale per chi voglia farsi un’idea di quanto successo tra il marzo e il maggio del 1978, quando Aldo Moro fu rapito dalle Br e poi ucciso. I due autori hanno SQUARCIATO UN SILENZIO durato molti anni e finalmente hanno messo a disposizione di tutti testimonianze, documenti, interrogatori rimasti nei cassetti delle procure e delle commissioni parlamentari per troppo tempo. Dal questo libro si può ripartire per provare a chiarire la tragedia politica più grave della nostra storia repubblicana. Non possiamo ignorare il ruolo pesante che l’UCIGOS, la polizia di COSSIGA, ha avuto in tutta questa vicenda, insieme al COMITATO DI CRISI, le cui relazioni, qui proposte per la prima volta, lasciano esterrefatti. Non è vero che non si poteva fare niente: sono state ignorate segnalazioni e bloccati ordini di perquisizione che sarebbero stati decisivi, ci sono adesso le prove che i covi di via Gradoli e via Montalcini volutamente non sono stati scoperti, alla magistratura è stato permesso di operare solo a omicidio avvenuto e chi tra la polizia sarebbe potuto intervenire è stato messo da parte. Anche le implicazioni internazionali contano eccome in questa storia: Kgb, Raf, Stasi e Cia hanno avuto un ruolo, senza togliere naturalmente alcuna responsabilità alle Br. Moro doveva essere eliminato. La sicurezza e la ragion di Stato non giustificano l’immobilismo. E il dolo. Viene fuori ancora una volta la malattia cronica della nostra democrazia, così fragile da non poter mai essere trasparente. Basti pensare a tutti gli uomini dei servizi segreti e dei corpi dello Stato iscritti alla P2, che in quei mesi stavano nella sala di comando. Coincidenze? Chi vigilava sulla nostra sicurezza attentava anche alla nostra libertà, eliminando un personaggio che sapeva troppe verità, le più imbarazzanti. Questo è il cuore del caso Moro.

"Chi ha ucciso Aldo Moro. Il giudice dell'inchiesta racconta"

autore:
Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato
collana: Principio attivo
dettagli: 304 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Doveva morire

"Chi ha ucciso Aldo Moro. Il giudice dell'inchiesta racconta"

autore:
Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato
collana: Principio attivo
dettagli: 304 pagine
prezzo: 15,60 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Doveva morire"
(di Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato)



"Moretti ha stabilito con qualcuno una convenienza reciproca per la gestione del sequestro e ha potuto viaggiare tranquillo per l'Italia senza che nessuno lo fermasse. Nessuno ha avuto interesse a trovare Moro. Io dico che c'è stata una voluta determinazione: ‘Facciamo un gioco di squadra, noi fino a qui, voi fino a lì'." Corrado Guerzoni, Atti Commissione Moro
"Nella cerchia di coloro che, ai vertici delle istituzioni, diressero, coordinarono, indirizzarono e seguirono le indagini sul sequestro Moro, ben cinquantasette erano iscritti alla P2."
"Se Buonoconto fosse stato scarcerato, avremmo potuto liberare Moro..." Prospero Gallinari a Ferdinando Imposimato, 17 luglio 2007.
"Sono stato io, lo confesso, a preparare la manipolazione strategica che ha portato alla morte di Aldo Moro." Steve Pieczenik, membro del Comitato di crisi.
"Aldo Moro era politicamente morto fin dal giorno della sua prima lettera dalla prigionia. E, dal punto di vista del governo, è stato meglio che l'incidente di Moro sia finito come è finito." Franco Ferracuti, criminologo, membro del Comitato di crisi.
"Caro Zaccagnini, sono qui per comunicarti la decisione di lasciare la Democrazia cristiana... Non ho mai pensato alla presidenza della Repubblica." L'ultimo disperato tentativo di Moro: lasciare campo libero ai suoi compagni di partito.
"Esaminando il materiale trovato in via Gradoli, avemmo la prima sorpresa: quei documenti erano di un'importanza straordinaria. Eppure per ventun giorni, gli ultimi della prigionia di Moro, nessuno li aveva analizzati. Quei reperti portavano ad altri covi e ad altri terroristi."
"Le Br erano intenzionate a rapire un importante uomo politico. L'informativa scritta era firmata da Emilio Santillo, il funzionario più importante dell'antiterrorismo italiano... Santillo fu trasferito ad altro incarico."
"Aldo Moro era politicamente morto fin dal giorno della sua prima lettera dalla prigionia. E, dal punto di vista del governo, è stato meglio che l'incidente di Moro sia finito come è finito." Franco Ferracuti, criminologo, membro del Comitato di crisi.
"Caro Zaccagnini, sono qui per comunicarti la decisione di lasciare la Democrazia cristiana... Non ho mai pensato alla presidenza della Repubblica." L'ultimo disperato tentativo di Moro: lasciare campo libero ai suoi compagni di partito.
"Esaminando il materiale trovato in via Gradoli, avemmo la prima sorpresa: quei documenti erano di un'importanza straordinaria. Eppure per ventun giorni, gli ultimi della prigionia di Moro, nessuno li aveva analizzati. Quei reperti portavano ad altri covi e ad altri terroristi."
"Le Br erano intenzionate a rapire un importante uomo politico. L'informativa scritta era firmata da Emilio Santillo, il funzionario più importante dell'antiterrorismo italiano... Santillo fu trasferito ad altro incarico."
"Moretti ha stabilito con qualcuno una convenienza reciproca per la gestione del sequestro e ha potuto viaggiare tranquillo per l'Italia senza che nessuno lo fermasse. Nessuno ha avuto interesse a trovare Moro. Io dico che c'è stata una voluta determinazione: ‘Facciamo un gioco di squadra, noi fino a qui, voi fino a lì'." Corrado Guerzoni, Atti Commissione Moro
"Nella cerchia di coloro che, ai vertici delle istituzioni, diressero, coordinarono, indirizzarono e seguirono le indagini sul sequestro Moro, ben cinquantasette erano iscritti alla P2."
"Se Buonoconto fosse stato scarcerato, avremmo potuto liberare Moro..." Prospero Gallinari a Ferdinando Imposimato, 17 luglio 2007.
"Sono stato io, lo confesso, a preparare la manipolazione strategica che ha portato alla morte di Aldo Moro." Steve Pieczenik, membro del Comitato di crisi.




Le vostre recensioni 0 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it



un pretesto per leggerlo
Tratto da Doveva morire

Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato

Tratto da Doveva morire

Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato

"Sono stato io, lo confesso, a preparare la manipolazione strategica che ha portato alla morte di Aldo Moro." Steve Pieczenik, membro del Comitato di crisi.