Attentato al papa


Ferdinando Imposimato, Sandro Provvisionato
presentano il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Attentato al papa"
(di Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato)

"CARO GIUDICE, LEI DEVE CONTINUARE A SCAVARE NEL POZZO DI SAN PIETRO, DOVE TROVERÀ IL FILO ROSSO CHE COLLEGA TRA DI LORO TUTTI I MISTERI VATICANI."
Lettera anonima pervenuta a Ferdinando Imposimato il 15 gennaio 2002

Che storia! Vale la pena provare a ricostruirla, tutta. Vi sono coinvolti ben sei paesi (Francia, Bulgaria, Russia, Germania,Turchia, Polonia), un killer, Ali Agca, l'attentatore del papa (altri suoi obiettivi Bourguiba, Walesa, Dom Mintoff, Khomeini) che dice di essere Gesù Cristo. Un bel gruppo di spie (monsignori, cardinali e persino guardie svizzere) che s'infiltrano nelle stanze del papa, due giudici bulgari che giudici non sono e anzi sono ritenuti i due organizzatori del sequestro nel 1983 di Emanuela Orlandi, strumento inconsapevole del terrorismo internazionale. E non è finita: un morto che in realtà non è morto (il presunto organizzatore dell'attentato al papa), due italiani trattati come spie dal governo bulgaro per ritorsione nei confronti del nostro ma che spie non sono, un sindacalista incarcerato e poi scagionato vent'anni dopo, senza nemmeno ricevere le scuse.
Omicidi, sequestri, furti, ricatti, minacce (anche ai giudici); spie, terroristi, servizi segreti al gran completo, criminalità organizzata: come in una vera spy story entrano ed escono personaggi di ogni tipo (anche un monaco benedettino con Maserati Biturbo color giallo oro, spia della Stasi), e non mancano le sorprese.
I due autori, un noto giornalista e un noto magistrato che ha seguito un filone dell'inchiesta sull'attentato ed è avvocato della famiglia Orlandi, hanno lavorato su documenti e testimonianze, contro silenzi e omertà. Il loro libro entra nel cuore del Novecento, tra equilibri politici mondiali e storie personali.
A distanza di trent'anni da quel giorno (13 maggio 1981), la verità deve ancora essere chiarita del tutto, anche perché il giallo non finisce mai: ancora nel 1998 l'omicidio del comandante delle guardie svizzere (con sua moglie e il vicecaporale) e il furto dei documenti che aveva con sé mandano un messaggio molto chiaro: guai a chi vuole parlare, alle spie non si fanno sconti. Mai. E questo è un monito che vale per tutti, anche per il papa.

Ferdinando Imposimato è uno dei magistrati che hanno lavorato di più sul caso Moro. Si è occupato anche della lotta ai sequestri di persona e di terrorismo, di mafia e di camorra, oltre che dell'attentato al papa. Ha lavorato per conto dell'Unione europea e dell'Onu. Parlamentare della sinistra indipendente per tre legislature, docente universitario, ha scritto per diversi quotidiani e settimanali. Attualmente è avvocato penalista.

Sandro Provvisionato, giornalista professionista, già direttore di Radio Città Futura, ha lavorato per dodici anni all'Ansa (da praticante a capo della redazione politica), per poi passare come inviato speciale al settimanale «L'Europeo» e diventare in seguito capo della cronaca del Tg5. Per questa testata ha lavorato anche nella redazione inchieste, è stato conduttore del tg della notte e inviato di guerra (in Kosovo e in Iraq). Dal 2000 è curatore del settimanale TERRA! di cui è anche conduttore. Dirige il sito www.misteriditalia.it.

Imposimato e Provvisionato hanno pubblicato per Chiarelettere DOVEVA MORIRE (2008), inchiesta sul caso Moro.

"Il mistero Ali Agca, la scomparsa di Emanuela Orlandi, la strage delle guardie svizzere. Il più grande intrigo tra le mura vaticane"

autore:
Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato
collana: Principio attivo
dettagli: 368 pagine
condividi
stampa dettagli
Acquista su IBS

Attentato al papa

"Il mistero Ali Agca, la scomparsa di Emanuela Orlandi, la strage delle guardie svizzere. Il più grande intrigo tra le mura vaticane"

autore:
Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato
collana: Principio attivo
dettagli: 368 pagine
prezzo: 16,00 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Attentato al papa"
(di Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato)



"Alcuni giorni dopo che il Santo Padre fu colpito dal terrorista turco, mio padre mi disse di stare attenta per strada, perché nella Città del Vaticano erano circolate voci di un possibile rapimento di un cittadino vaticano in cambio di Ali Agca."
Dichiarazione di Raffaella Gugel, figlia di Angelo, assistente personale del papa.
"Avevamo due agenti della Stasi che erano molto vicini al papa."
Gunther Bohnsack, ex colonnello della Stasi, a Imposimato.
"C'è un collegamento indiscutibile tra il progetto di assassinare Lech Walesa, l'attentato al papa e il caso Orlandi."
Ferdinando Imposimato
"Ciò che fa rabbrividire è che il Sismi sapesse che due spie bulgare sarebbero arrivate in Italia solo per inquinare le prove. Il Sismi quindi sa. Ma non avverte i giudici."
Ferdinando Imposimato.
"Da lassù, dalla terrazza degli svizzeri, si può vedere e controllare tutto il percorso compiuto da Emanuela, senza essere visti da nessuno. In realtà ho sempre avuto sospetti su esponenti della Guardia svizzera."
Ercole Orlandi, padre di Emanuela.
"I terroristi hanno qualcuno molto in alto nelle gerarchie vaticane."
Avvocato Gennaro Egidio, legale della famiglia Orlandi.
"L'ordine di uccidere il papa è partito dall'ambasciata sovietica di Sofia. Noi Lupi grigi abbiamo agito con la complicità determinante dei tre funzionari bulgari a Roma: Ayvazov, Antonov e Vassilev."
Ali Agca, udienza dell'11 giugno 1985.
"Prego il nostro Padre in Cielo affinché tenga lontano dalle mura del Vaticano la violenza, il terrore e il fanatismo."
Papa Wojtyla, pochi giorni prima dell'attentato.
"Stammi bene a sentire. Noi abbiamo Emanuela Orlandi. La libereremo soltanto quando sarà scarcerato Agca, l'attentatore del papa."
Anonimo a giornalista dell'Ansa, 6 luglio 1983.




Le vostre recensioni 6 recensioni
5 stelle
 
 (3)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 
 (1)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Ismaele Vipera:
In questo volume tutto è reale, neanche i migliori film di Spy Story o registi avrebbero raggiunto tali "livelli". Come dire la REALTà SUPERA LA FINZIONE.. un commento personale: sono rimasto molto colpito dagli intrighi delle carrenti vaticane che non hanno avuto pietà di nessuno né della famiglia Orlandi cittanini dello Stato né delle Guardie Svizzere che forse sapevano troppo..

sandro saraullo:
tutti gli accadimenti raccontati in questo libro mi accompagnano da quando sono al mondo,e finalmente acquistano un senso. però alla fine resta l'amaro in bocca comunque.

Marco Paci:
Ho letto molto e mi sono documentato abbastanza, sulle caste, sulle organizzazioni segrete e sul vaticano, ma questo testo è senza dubbio concreto e determinato ad informare per far comprendere e completare una critica al sistema del vaticano e ai servizi segreti responsabili di molti misteri e casi irrisolti. Dal tentato omicidio di Giovanni Paolo al rapimento della Orlandi...., "Attentato al Papa" è un libro verità da leggere e meditare.....

Sandro:
Imbarazzante...leggetelo per demolire ogni fiducia nelle Istituzioni vaticane

Maura:
Se non c'è verità non c'è giustizia. Penso alla famiglia di Emanuela Orlandi, che ancora oggi non ha una tomba su cui piangere. Spero che questo volume, puntuale e accurato nella narrazione e nella ricostruzione dei fatti, possa servire da stimolo alla riapertura delle indagini e alla ricerca della Verità.

elena:
Un libro per leggere con più consapevolezza lo scenario vaticano, e cogliere i nessi che l'informazione ufficiale non riesce (o non vuole) fare affiorare. Con la garanzia dovuta a un magistrato onesto come Imposimato e un giornalista di razza come Sandro Provvisionato. Lo consiglio.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Attentato al papa

Ferdinando Imposimato,Sandro Provvisionato

"Stammi bene a sentire. Noi abbiamo Emanuela Orlandi. La libereremo soltanto quando sarà scarcerato Agca, l'attentatore del papa."
Anonimo a giornalista dell'Ansa, 6 luglio 1983.