Petrolio e Sangue


Sandra Rizza presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Petrolio e Sangue"
(di Giuseppe Lo Bianco,Sandra Rizza)

L'aereo di Enrico Mattei, padre e presidente dell'Eni, esplode nel cielo di Bascapè, in provincia di Pavia. È la sera del 27 ottobre 1962 e il «corsaro del petrolio» è di ritorno da un misterioso viaggio in Sicilia. Con lui, l'ex partigiano che usa i partiti «come taxi», muore la rivoluzione impossibile dell'autonomia energetica italiana. Ma quello che per anni è stato definito un incidente è stato un attentato e, per chi ha indagato per ultimo, un «complotto tutto italiano» cui si mischiano complicità istituzionali e depistaggi. Petrolio e sangue. Chi ha ucciso Enrico Mattei riprende il lavoro di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza pubblicato in Profondo nero (Chiarelettere 2009) e ripercorre gli ultimi giorni della vita di Mattei, le trame dei suoi nemici e trent'anni di indagini della magistratura. Alla luce delle motivazioni della sentenza del processo per la scomparsa del giornalista de «L'Ora» Mauro De Mauro, ucciso perché si ostinava a cercare la verità sull'attentato di Bascapè, viene svelato l'unico responsabile, indicato dai giudici, dell'attentato: il senatore democristiano Graziano Verzotto, addetto alle pubbliche relazioni dell'Eni in Sicilia, al centro di relazioni internazionali, mafiose e con i servizi segreti.

"Chi ha ucciso Enrico Mattei"

autore:
Giuseppe Lo Bianco,Sandra Rizza
collana: Original
condividi
stampa dettagli
Acquista su Amazon
Acquista su Google Play

Petrolio e Sangue

"Chi ha ucciso Enrico Mattei"

autore:
Giuseppe Lo Bianco,Sandra Rizza
collana: Original
prezzo: 2,99 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Petrolio e Sangue"
(di Giuseppe Lo Bianco,Sandra Rizza)







Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 
 (1)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 (0)
1 stella
 
 (1)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


MP:
Ricostruzione puntuale di una storia tutta italiana

Rosie:
Pagine che si divorano...letteralmente. Una storia che intreccia noti misteri italiani ravvisando un unico, possibile, filo conduttore. Una ricostruzione storico giudiziaria interessante, che illumina al meglio una vicenda oscura

Will:
La degna prosecuzione di un grande saggio. Come al solito, scorrevole, ben scritto, intriso di Verità, sorretto da ampia documentazione, mai "sensazionale". Un esempio di buon giornalismo

Ettore Marini:
Avevo già letto Profondo nero, degli stessi autori; quest'ultimo ebook, uscito oggi, 25 ottobre 2012, a 2 giorni dal 50enario della morte di Mattei, è scritto benissimo, e si legge come si beve una bibita ghiacciata d'estate, quando uno è arso dalla sete... sete di sapere e di Verità! Bravi;-)