Nati corrotti


Marco Cobianchi presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Nati corrotti"
(di Marco Cobianchi)

Quanto è corrotta l'Italia lo dice l'indice della corruzione, che misura il numero di denunce presentate alla magistratura. Incrociandolo con il numero di giudizi definitivi, si scopre che l'Italia non è un paese normale: i cittadini che si ribellano e accusano sono molti, ma le sentenze non arrivano quasi mai. È così che corrotti, concussi e chi ruba soldi allo Stato sono arrivati a costarci 60 miliardi di euro ogni anno. Una cifra che difficilmente le ultime proposte legislative del governo potranno far diminuire. Da Garibaldi fino agli ultimi scandali dei tesorieri di partito, Marco Cobianchi rilegge il malaffare italiano dei primi 150 anni di Unità d'Italia usando come chiave narrativa i numeri e le statistiche. Per farci capire che la corruzione è dentro di noi. Ma non ce la possiamo più permettere.

"Storia e numeri della corruzione in Italia"

autore:
Marco Cobianchi
collana: Original
condividi
stampa dettagli
Acquista su Amazon
Acquista su Google Play

Nati corrotti

"Storia e numeri della corruzione in Italia"

autore:
Marco Cobianchi
collana: Original
prezzo: 2,99 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Nati corrotti"
(di Marco Cobianchi)







Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (3)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Alessandra Tonini:
Noi italiani abbiamo la memoria corta? E' terribilmente vero. Libri come questo servono per non dimenticare nomi e fatti. Dovrebbero essere letti a scuola. Ci sono paesi in cui la memoria di tristi esempi della storia viene coltivata sistematicamente fino a diventare quasi un culto.Non si può sempre dimenticare il male; bisogna conoscere quali sono i peggiori nemici di una società civile.

Manuele:
150 anni di storia d'Italia, 150 anni di corruzione, di malaffare, di scandali e di vergogne. Ma se c'è stato un tempo in cui la gente aveva un pò di benessere e passava sopra certe ovvietà, oggi non è più così. Il Paese è alla frutta, è stanco, non ne può più. Un bel libro. Manifesto di una rabbia che accomuna tanta gente. Voglia di rivoluzione.

Ismaele:
Ladrerie e corruzione ci costano 60 miliardi di euro all'anno. E tra pochi mesi c'è da andare a votare. Testo duro, che fa crescere la nausea e la voglia enorme di disertare le urne.

Stefano:
Un libro necessario. Che si lascia leggere sopraffatti dal disgusto. E più si legge e più la sensazione di disgusto aumenta, ma più si viene rapiti. La domanda nasce spontanea: ce la farà a salvarsi questo Paese?