Ligresti story


Gianni Dragoni presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Ligresti story"
(di Gianni Dragoni)

Questo libro racconta chi sono i Ligresti. La storia, le relazioni tentacolari nella politica e nelle istituzioni, nelle banche e nella finanza, lo spolpamento delle società quotate in Borsa per trarne benefici personali, la dissipazione del patrimonio a danno di decine di migliaia di piccoli azionisti, l’arresto, nel luglio 2013, di Salvatore Ligresti e delle figlie Jonella e Giulia, la fuga in Svizzera del figlio Paolo, fino alle telefonate della compagna di Ligresti con Annamaria Cancellieri, ministro della Giustizia, già candidata alla presidenza della Repubblica.
La storia dei Ligresti è l’ennesimo (cattivo) esempio del capitalismo relazionale di cui è “ricca” l’Italia, tra le maggiori cause del declino economico e sociale. Un piccolo azionista della Fondiaria-Sai, Alberto Mecozzi, ha fatto questa domanda all’assemblea dei soci il 24 aprile 2012: “Cinque anni fa, nel 2007, il titolo Fondiaria-Sai valeva in Borsa 23 euro, oggi vale meno di un euro. Se è vero che il mercato ha sempre ragione, mi spiegate che cosa è successo?”. Le vicende raccontate in questo libro aiutano a dare una risposta.


Gianni Dragoni è inviato de “Il Sole 24 Ore” e cura per “IL”, mensile del gruppo, la rubrica Poteri deboli. È ospite fisso della trasmissione di Michele Santoro SERVIZIO PUBBLICO. Ha già pubblicato per Chiarelettere LA PAGA DEI PADRONI (con Giorgio Meletti, 2008), sugli stipendi dei nostri manager, banchieri, imprenditori; CAPITANI CORAGGIOSI (2011), sulle storie dei cosiddetti “patrioti” chiamati da Silvio Berlusconi nel 2008 per salvare Alitalia (Ligresti, Riva, Gavio, Benetton, Angelucci, Colaninno, Marcegaglia e ancora Passera con tanti altri), BANCHIERI & COMPARI, sulle scorribande, i conflitti d’interesse, le speculazioni delle principali banche italiane a spese dei risparmiatori (2012). Per la collana ebook Original ha scritto ALTA RAPACITÀ (2012), sui cavalieri Montezemolo e Della Valle che hanno inaugurato il treno ad Alta velocità “Italo” che collega Napoli a Milano, e ILVA (2012), sul padrone delle ferriere, Emilio Riva, che si è arricchito comprando la siderurgia di Stato e oggi tiene in scacco un’intera città, Taranto.

"La famiglia prima di tutto"

autore:
Gianni Dragoni
collana: Original
dettagli: 43 pagine
condividi
stampa dettagli

Ligresti story

"La famiglia prima di tutto"

autore:
Gianni Dragoni
collana: Original
dettagli: 43 pagine
prezzo: 2,99 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Ligresti story"
(di Gianni Dragoni)







Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 (0)
3 stelle
 
 (3)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Adelmo:
Storia della famiglia Ligresti, ovvero sintesi perfetta del malfunzionamento del capitalismo italiano. Da leggere.

Michele:
E' leggendo questo libro che si capisce la natura vera del "cancro" del capitalismo all'italiana: le relazioni. Che a tutti i livelli (dalle assunzioni, alla carriera, alle fortune stesse delle imprese) impediscono all'Italia, da sempre, di adottare modelli meritocratici che ci avrebbero reso un Paese migliore.

Aramis:
Ascesa e caduta di una delle famiglie simbolo del capitalismo italiano. Da leggere tutto d'un fiato, per indignarsi e riflettere.