Ilva


Gianni Dragoni presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Ilva"
(di Gianni Dragoni)

Disastro ambientale e omicidio colposo plurimo, sono queste le accuse contro i gestori dell'Ilva di Taranto e la famiglia Riva, che ne è proprietaria. Ma chi sono gli imprenditori che hanno rilevato dallo Stato a prezzi da saldo l'ex acciaieria Italsider di Taranto e l'hanno trasformata in una macchina da utili? Ecco come, lontani dalla Borsa e dalla finanza, ma non senza le amicizie di banchieri e politici, i Riva gestiscono il loro impero dell'acciaio, a partire da Taranto dove, secondo le perizie ordinate dalla magistratura, dal 1998 al 2010 sono morte 386 persone per colpa delle emissioni industriali.

"Il padrone delle ferriere"

autore:
Gianni Dragoni
collana: Original
condividi
stampa dettagli
Acquista su Amazon
Acquista su Google Play

Ilva

"Il padrone delle ferriere"

autore:
Gianni Dragoni
collana: Original
prezzo: 2,99 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Ilva"
(di Gianni Dragoni)







Le vostre recensioni 5 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (4)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Franco Selle:
Asciutto, spedito e coinvolgente.

Ludovica:
Ennesimo scandalo italico. Ennesima ferita al Sud. Viene da dire basta. Si prova tanta rabbia a leggere il testo di Dragoni. Rabbia mista a un senso di rassegnazione che lascia immobile. Raggelante ma necessario. Da leggere.

Laura:
La storia dell'Ilva di Taranto. Una storia tutta italiana che condensa tutto il peggio di questo Paese oramai pesantemente alle cozze. Da leggere, con un bel vasetto di citrosodina a portata di mano.

Stefano:
ILVA: la storia di questa ennesima tragedia italica. Si parla di impresa, di soldi, di ecologia e di vite spezzate. Cronaca viva e palpitante di una ferita sanguinante che difficilmente si rimarginerà e che lascerà scorie eterne in un Sud da sempre pugnalato da uno Stato che non c'è.

Francesco Semino:
Sapiente montaggio di dichiarazioni e aneddoti su una famiglia dura come l'acciaio, che preferisce il fare all'apparire e che, come gli industriali di una volta, concede poco alla mondanità e si tuffa a capofitto sul lavoro anche con le seconde e ormai terze generazioni. Il limite di questo libro e' quello di narrare una storia che rischia di fuorviare rispetto all'attualità e dare la giustificazione della vendetta alle aggressioni che l’Ilva sta subendo.