Il depistaggio


Sandra Rizza presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Il depistaggio"
(di Giuseppe Lo Bianco,Sandra Rizza)

Vent'anni fa la strage di via D'Amelio. Morivano il magistrato Paolo Borsellino e gli agenti Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Era il 19 luglio 1992, cinquantasette giorni dopo la strage di Capaci.
Il depistaggio parte da quella estate per raccontare le false piste, i processi falsati azzerati dalle rivelazioni del pentito Gaspare Spatuzza e le nuove indagini che cercano di ricostruire la trattativa fra Stato e mafia. Alla ricerca della verità sulle stragi, sui mandanti e su chi si è mosso nell'ombra della stagione del terrorismo mafioso.
Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza propongono un racconto tratto dai loro libri inchiesta, L'Agenda Rossa di Paolo Borsellino e L'Agenda Nera, facendo il punto su indagini e sviluppi a vent'anni di distanza dalla strage di via D'Amelio.

"1992 – 2012 Vent’anni di misteri su via d’Amelio"

autore:
Giuseppe Lo Bianco,Sandra Rizza
collana: Original
condividi
stampa dettagli
Acquista su Amazon
Acquista su Google Play

Il depistaggio

"1992 – 2012 Vent’anni di misteri su via d’Amelio"

autore:
Giuseppe Lo Bianco,Sandra Rizza
collana: Original
prezzo: 2.99 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Il depistaggio"
(di Giuseppe Lo Bianco,Sandra Rizza)



"La cronaca degli ultimi venti anni non può e non deve essere sottaciuta, anche per non incorrere in nuovi e pericolosi scivoloni. E la cronaca ci insegna che quella del depistaggio su via D'Amelio è una storia dove non vince nessuno. Riusciremo mai a ottenere verità e giustizia su quel massacro, e a risarcire il sacrificio di Paolo Borsellino?"




Le vostre recensioni 3 recensioni
5 stelle
 (0)
4 stelle
 
 (3)
3 stelle
 (0)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Wilma:
Conoscevo già gli autori, per le loro precedenti pubblicazioni con Chiarelettere. Trovo che quest'opera sia un tassello essenziale, l'ennesimo, per comprendere una delle stagioni buie della nostra storia, che condiziona ancora il nostro sfortunato presente. A vent'anni da Capaci e Via D'Amelio, non poteva esserci commemorazione migliore.

Stefano77:
La storia della trattativa Stato-Mafia. Uno dei momenti più bui e tragici della nostra storia recente, ricostruito in questo libro in modo magistrale. Un testo che cerca la verità rimandando al lettore l'eco di una frase famosa del Giudice Borsellino: "Palermo non mi piaceva, per questo ho imparato ad amarla. Perché il vero amore consiste nell'amare ciò che non ci piace per poterlo cambiare".

Blackn'Red:
Depistaggi, ritardi, verità da sempre mai emerse. Un libro che cerca di fare luce su uno dei periodi più bui della nostra storia recente, ferita aperta e vera e propria vergogna made in Italy.


un pretesto per leggerlo
Tratto da Il depistaggio

Giuseppe Lo Bianco,Sandra Rizza

"La cronaca degli ultimi venti anni non può e non deve essere sottaciuta, anche per non incorrere in nuovi e pericolosi scivoloni. E la cronaca ci insegna che quella del depistaggio su via D'Amelio è una storia dove non vince nessuno. Riusciremo mai a ottenere verità e giustizia su quel massacro, e a risarcire il sacrificio di Paolo Borsellino?"