Alta rapacità


Gianni Dragoni presenta il libro
DI COSA PARLA
Quarta di copertina
del libro "Alta rapacità"
(di Gianni Dragoni)

Corre la febbre dell'alta velocità. I soldi sono tanti, gli appetiti si moltiplicano. Vale la pena saperne di più. Per esempio sapere chi sono i nuovi cavalieri che hanno appena inaugurato il treno - quasi tutto francese - Italo, che collegherà Napoli con Milano. Ecco a voi Luca Cordero di Montezemolo detto altrimenti «Libera e bella» per via del ciuffo, presidente della Ferrari e uomo Agnelli, affiancato da Della Valle, il rottamatore della finanza: dopo le scarpe e il «Corriere della Sera», perché no, un treno. E infine Gianni Punzo, il re di Nola «'o pannazzaro» che vendeva la biancheria in una piccola bottega a Napoli. Tutti sostenuti da Banca Intesa e Corrado Passera, poi diventato ministro. Pochi soldi investiti e molto onore (anche molti guadagni). L'autore fa due conti e ci regala una nuova puntata sul potere, quello che fa i soldi (con i soldi degli altri) e che in Italia è rappresentato sempre dai soliti noti.

Sommario
Montezemolo, un rampollo di Casa Agnelli
Della Valle, il rottamatore della finanza
Punzo, il re di Nola
Gente che investe e che rischia
Il buon samaritano
Dov'è la concorrenza?

"Montezemolo, Della Valle e Punzo. I tre moschettieri all'assalto dei treni superveloci"

autore:
Gianni Dragoni
collana: Original
condividi
stampa dettagli
Acquista su Amazon
Acquista su Google Play

Alta rapacità

"Montezemolo, Della Valle e Punzo. I tre moschettieri all'assalto dei treni superveloci"

autore:
Gianni Dragoni
collana: Original
prezzo: 3.99 €

PRETESTI PER LEGGERLO
del libro "Alta rapacità"
(di Gianni Dragoni)







Le vostre recensioni 4 recensioni
5 stelle
 
 (2)
4 stelle
 
 (1)
3 stelle
 
 (1)
2 stelle
 (0)
1 stella
 (0)

FAI LA TUA RECENSIONE

Vota e scrivi la recensione





Numero di caratteri disponibili: 500
 Privacy: ho preso visione della nota informativa.

Informativa art. 13 D.lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196/2003 prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti. Ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. n.196/2003, Le forniamo, quindi, le seguenti informazioni:
- I dati da Lei forniti verranno trattati esclusivamente per finalità concernenti l'attività informativa del blog
- Il conferimento dei dati è facoltativo e l'eventuale rifiuto a fornire tali dati non ha alcuna conseguenza.
- I dati da Lei forniti non saranno oggetto di diffusione.
- Il soggetto Chiarelettere, in qualità di responsabile del Blog è l’unico soggetto che può aver accesso ai dati personali da Lei indicati.
- Lei ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

- Lei ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

- Lei ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

- Lei ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

- I diritti suindicati sono esercitati con richiesta rivolta senza formalita' al titolare o al responsabile del Portale Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, anche per il tramite di un incaricato, alla quale e' fornito idoneo riscontro senza ritardo.
- Il soggetto responsabile del Trattamento dei Dati personali è Chiarelettere, in persona del legale rappresentante pro tempore, con Via Melzi d'Eril 44 - 20154 Milano e.mail: info@chiarelettere.it


Giulio Spazianelli:
Rigoroso ed esaustivo. Dragoni è informato come pochi. Si legge tutto d'un fiato. Poi ti resta l'amaro in bocca per una grande occasione, la libera concorrenza, persa come al solito tra furbate varie e a carico di noi contribuenti.

Zara:
Bello il libro e interessante il prezzo. Ma vorrei rivolgere una domanda al dott. Dragoni: Lei ritiene negativa in senso assoluto la presenza di un concorrente che contrasti il monopolio da sempre detenuto da Fs, con conseguenti disagi per i cittadini? Tutto sommato, qualunque sia l'origine dell'impresa di Montezemolo e soci, un po' di competizione sul mercato potrebbe essere salutare. O no?

Veronica:
Dragoni si conferma un giornalista di razza. Puntiglioso, attento, rigoroso. Non trascura alcun aspetto, né dimentica di servire anzitutto gli interessi dei lettori. Ho trovato il libro godibile, scorrevole, lieve ma esaustivo. Complimenti

Giulio Alati:
Perchè 5 stelle? Semplice, Dragoni è una penna tagliente, è informatissimo, coraggioso, appassionato della verità, non guarda in faccia a nessuno, appare mosso dall'etica, cosa rara nel giornalismo di oggi, e la valutazione premia i contenuti e lo stile con cui è confezionato il prodotto, che dovrebbe essere pesante, parlando di economia e finanza, infarcito da conti e numeri, però si fa leggere, pagina dopo pagina, senza farti spegnere la luce, come un romanzo.